Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 01/02/2017

Robert Doisneau testimone della Parigi da grande bellezza

A Forte di Bard la mostra di fotografie Icones celebra il maestro dell'obiettivo francese. Sua la cartolina più venduta nel mondo.

Avete presente la cartolina di due innamorati che si baciano all’Hotel de Ville a Parigi? Bene, quella foto di Robert Doisneau è l’oggetto fotografico più venduto nel mondo, anche decenni dopo la sua pubblicazione.

Ma il maestro dell’obiettivo nato a Gentilly e scomparso nel 1994 è molto di più. L’atelier che porta il suo nome annualmente cura le licenze dei suoi grandi archivi, che vanno dalle foto di strada alle iconiche sfilate parigine quando la moda e la bellezza della città erano un “unicum” irreplicabile in qualsiasi altra parte del globo.

L’eleganza dell’imperfezione e l’attimo fuggente incastonato nella leggenda di questo fotografo che fa ancora scuola (esclusivamente bianco e nero) è ammirabile al Forte di Bard, in Valle d’Aosta, fino al primo maggio 2017. Fil rouge del percorso la iconicità delle immagini, quelle che maggiormente hanno saputo conquistare l’immaginario collettivo e il grande pubblico, a partire dal celebre bacio del 1950, Le baiser de l’Hôtel de ville. E scoprirete anche cosa c’è oltre la definizione di “grande fotogiornalista” che molti gli hanno cucito addosso. Doisneau ha saputo raccontare bistrot e creativi, gente comune e bellezze metropolitane.

Tutte le foto credit: © Atelier Robert Doisneau

Per info sulla mostra qui

Per info sull’artista qui

 



Society - 19/05/2018

Dopo Fashion e Forniture, Milano è F di Food

La Milano che produce e che macina inziiative inclusive festeggia una nuova fioritura di attività. [...]

Design of desire - 06/05/2016

NYCXDesign, la Grande Mela si colora di creatività per 15 giorni

NYCxDesign, la maratona newyorkese del design ha preso via il 3 maggio e promette di inserirsi a pie [...]

Leisure - 31/01/2017

Giuseppe Iannaccone, collezionista illuminato che apre ai visitatori

La passione per l'arte tra le due guerre del Ventesimo secolo, Giuseppe Iannaccone la spiega così: [...]

Top