28 Aprile 2023

Roger Ballen, la foto per guardarsi dentro

Fino al 29 ottobre "Call of the Void (Danse macabre No. VIII)": in mostra immagini tra commedia e tragedia.

28 Aprile 2023

Roger Ballen, la foto per guardarsi dentro

Fino al 29 ottobre "Call of the Void (Danse macabre No. VIII)": in mostra immagini tra commedia e tragedia.

28 Aprile 2023

Roger Ballen, la foto per guardarsi dentro

Fino al 29 ottobre "Call of the Void (Danse macabre No. VIII)": in mostra immagini tra commedia e tragedia.

Roger Ballen è uno dei fotografi più originali e influenti tra XX e XXI secolo, nato a New York, attivo da oltre quarnt’anni in Sud Africa, sua patria d’elezione. Le sue opere sono stranianti ed estreme, a tratti assurde e oniriche; ritraggono luoghi e situazioni inverosimili eppure perfettamente reali, proprio come avviene quando si sogna.

Ballen descrive le sue opere come “psicodrammi esistenziali” che si rivolgono al subconscio e mostrano il lato oscuro dell’esistenza umana. Mirano a portare in superficie i pensieri e i sentimenti repressi coinvolgendo lo spettatore con temi come il caos e l’ordine, la follia o stati incontrollati dell’essere, il rapporto dell’uomo con il mondo animale, la vita e la morte, gli archetipi universali della psiche e le esperienze di confronto di essere diverso. Con le sue immagini uniche e complesse ei suoi temi universali e profondi, l’artista ha dato un contributo duraturo all’arte. Roger Ballen fotografato a Basilea da Gianni Foraboschi per The Way Magazine

Sono lavori che indagano la condizione umana e le profondità del subconscio, invitando lo spettatore a porsi delle domande su quello che si sta guardando e di riflesso a porsi delle domande anche su sé stesso. Le immagini create da Ballen si caratterizzano per uno stile visivo perfettamente riconoscibile tanto che è stato coniato un neologismo, ballenesque, per definire un’atmosfera misteriosa, caotica, a volte oscura come quella che si ritrova nelle sue opere. Negli anni lo stile dell’artista si è evoluto alla ricerca di nuove possibilità creative e ha sperimentato linguaggi visivi ampi dove la fotografia interagisce con il disegno, la pittura, il collage e la scultura dando vita a una nuova estetica ibrida che lo ha reso famoso in tutto il mondo.

Nato negli Stati Uniti e residente a Johannesburg (Sud Africa), Roger Ballen è uno dei fotografi più importanti della sua generazione. Ha pubblicato oltre 25 libri a livello internazionale e le sue fotografie sono nelle collezioni dei più importanti musei del mondo. La sua produzione artistica, che abbraccia cinque decenni, è iniziata nel campo della fotografia documentaria, ma si è evoluta in un mondo immaginario distintivo che comprende anche i media del cinema, dell’installazione, del teatro, della scultura, della pittura e del disegno. Ballen descrive le sue opere come “psicodrammi esistenziali” che si rivolgono al subconscio e mostrano il lato oscuro dell’esistenza umana. Mirano a portare in superficie i pensieri e i sentimenti repressi coinvolgendo lo spettatore con temi come il caos e l’ordine, la follia o stati incontrollati dell’essere, il rapporto dell’uomo con il mondo animale, la vita e la morte, gli archetipi universali della psiche e le esperienze di confronto di essere diverso. Con le sue immagini uniche e complesse ei suoi temi universali e profondi, l’artista ha dato un contributo duraturo all’arte.

Il Museo Tinguely mostra con Roger Ballen. Call of the Void, una mostra che, come ottavo capitolo della serie Danse macabre, fa riferimento all’ultimo lavoro di Jean Tinguely Mengele Totentanz in the antiroom. Il punto di partenza qui è di nuovo diverso, mentre è con Anouk Kruithof. Universal Tongue of Dance o Bruce Conner. Light out of Darkness è stata l’apocalisse che ha suggerito la giustapposizione, nel caso di Roger Ballen è l’atmosfera inquietante e irritante delle sue fotografie e installazioni. Nel suo lavoro, Ballen interroga la psiche umana e pone a se stesso e allo spettatore domande sull’essere e sul divenire.

Fotoservizio da Basilea: Gianni Foraboschi per The Way Magazine

Ballen scrive: “La mia mostra, a cui ho deliberatamente intitolato “Call of the Void”, è un tentativo di affrontare quelle che ritengo essere le questioni centrali dell’esistenza umana: da dove veniamo? Perché siamo qui? E dove andiamo quando moriamo? Non pretendo in alcun modo di poter fornire risposte e nemmeno domande a questi temi così profondi e difficili. Tuttavia, spero che la mia mostra metta in discussione la percezione dello spettatore e metta così in moto un processo di auto-scoperta che sia legato a una messa in discussione dell’auto-comprensione».

La mostra si compone di due parti, che tuttavia sono reciprocamente dipendenti e reciprocamente vantaggiose. Da un lato sono appese alle pareti le fotografie dell’ultima serie di registrazioni analogiche di Ballen, dall’altro il centro della stanza è dominato da una capanna, povera abitazione per persone ai margini della società, come spesso appaiono nell’opera di Roger Ballen.

Scrive: «Quando ti avvicini alla capanna al centro dello spazio espositivo, sei circondato da fotografie in bianco e nero tratte dalla mia serie di foto Asylum of the Birds e Roger’s Rats . In poche parole, ratti e uccelli hanno simboleggiato il bene e il male, l’oscurità e la luce nel corso della storia umana. Gli uccelli associano il cielo alla terra e i topi sono ingiustamente associati a sporcizia, malattie e oscurità. Ogni specie di animale porta con sé la propria mitologia e infonderla in una fotografia offre opportunità illimitate per creare significati più profondi rilevanti per l’esistenza umana.

Il centro della mostra è dominato da un capannone con una porta misteriosa. Entrando in questo spazio, le fotografie bidimensionali si espandono in un mondo tridimensionale. Le pareti consumate, fatiscenti e grezze dell’interno rivelano un teatro di ballenesque in cui le figure umane rappresentano l’assurdità, la commedia e la tragedia. Una volta dentro, ci si trova di fronte a immagini, suoni e oggetti che costringono lo spettatore a confrontarsi con il proprio vuoto.»

Nato negli Stati Uniti e residente a Johannesburg (Sud Africa), Roger Ballen è uno dei fotografi più importanti della sua generazione. Ha pubblicato oltre 25 libri a livello internazionale e le sue fotografie sono nelle collezioni dei più importanti musei del mondo. La sua produzione artistica, che abbraccia cinque decenni, è iniziata nel campo della fotografia documentaria, ma si è evoluta in un mondo immaginario distintivo che comprende anche i media del cinema, dell’installazione, del teatro, della scultura, della pittura e del disegno. Ballen descrive le sue opere come “psicodrammi esistenziali” che si rivolgono al subconscio e mostrano il lato oscuro dell’esistenza umana. Mirano a portare in superficie i pensieri e i sentimenti repressi coinvolgendo lo spettatore con temi come il caos e l’ordine, la follia o stati incontrollati dell’essere, il rapporto dell’uomo con il mondo animale, la vita e la morte, gli archetipi universali della psiche e le esperienze di confronto di essere diverso. Con le sue immagini uniche e complesse ei suoi temi universali e profondi, l’artista ha dato un contributo duraturo all’arte.

Nato negli Stati Uniti e residente a Johannesburg (Sud Africa), Roger Ballen è uno dei fotografi più importanti della sua generazione. Ha pubblicato oltre 25 libri a livello internazionale e le sue fotografie sono nelle collezioni dei più importanti musei del mondo. La sua produzione artistica, che abbraccia cinque decenni, è iniziata nel campo della fotografia documentaria, ma si è evoluta in un mondo immaginario distintivo che comprende anche i media del cinema, dell’installazione, del teatro, della scultura, della pittura e del disegno.

Roger Ballen. Call of the Void (Danse macabre No. VIII) fino al 29 ottobre 2023 – Museum Tinguely AG Paul Sacher-Anlage 1. Basel. Fotoservizio da Basilea: Gianni Foraboschi per The Way Magazine

Read in:

Ti potrebbe interessare:

J-MOMO, piatti pronti automatici

Il concetto di “vending” (comparto distributori automatici), negli ultimi anni, è stato fortemente rivalutato dal settore della ristorazione. Viene infatti

Luce, design ed efficienza acustica

Nimbus Group lancia sul mercato Lighting Pad, “un elemento sorprendentemente innovativo” in cui si fondono perfettamente illuminazione ed efficienza acustica. Lighting

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”