2 Agosto 2017

Il Rossini Art Site in Brianza, oasi di natura e arte

Pomodoro e Fuksas, la natura della pianura padana e l'arte di un mecenate a disposizione del pubblico. La storia recente della scultura italiana raccolta in un parco.

2 Agosto 2017

Il Rossini Art Site in Brianza, oasi di natura e arte

Pomodoro e Fuksas, la natura della pianura padana e l'arte di un mecenate a disposizione del pubblico. La storia recente della scultura italiana raccolta in un parco.

2 Agosto 2017

Il Rossini Art Site in Brianza, oasi di natura e arte

Pomodoro e Fuksas, la natura della pianura padana e l'arte di un mecenate a disposizione del pubblico. La storia recente della scultura italiana raccolta in un parco.

C’è un posto magico sui colli Briantei, nel comune di Briosco, Brianza (Lombardia) che vi farà aprire mente e cuore. Si chiama Rossini Art Site, voluto dal fondatore del sito, l’imprenditore e mecenate Alberto Rossini, che è un paradiso per i cultori della scultura astratta.

Si tratta di un museo a cielo aperto, con un’importante edificio d’autore, che schiude un nucleo di opere di chi per primo in Italia, intraprese la rivoluzione dell’astrazione in scultura.  Gli scultori italiani dagli anni 60 im poi, infatti, portarono alle estreme conseguenze il rapporto tra forma e materia, e qui se ne ammirano tanti. Fanno della collezione Mario Negri, Lorenzo Pepe, Andrea Cascella, Francesco Somaini, Giò Pomodoro, Quinto Ghermandi.

Il progetto poi nel parco svela linee sinuose, ispirate all’andamento collinare del parco, e il modulo della colonna a T sono i segni che contraddistinguono maggiormente l’idea dell’architetto americano James Wines, esponente di spicco della Green Architecture (architettura organica). I materiali sono di provenienza locale e le vetrate a tutta altezza sul parco fanno di questa architettura un vero cannocchiale sulle colline e montagne circostanti.

La vegetazione del parco è strettamente autoctona – querce, noccioli e carpini – e dialoga con le opere esposte attraverso un linguaggio comune, all’insegna della bellezza.

Un altro straordinario segno architettonico è rappresentato dalla “Casa della Pace” di Massimiliano Fuksas. Realizzato anche questo dal celebre architetto con la collaborazione di Rossini e del suo staff, venne esposta per la prima volta alla Biennale di Venezia del 2000 rappresentando, in scala ridotta, l’edificio Peres Peace House, successivamente realizzato a Tel Aviv.

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”