13 Novembre 2018

Scendi da casa, c’è Radio NoLo che ti aspetta

Centinaia di persone lo scorso weekend sono scese per strada a Milano per conoscere i vicini e la programmazione della web-radio. Ecco come è andata.

13 Novembre 2018

Scendi da casa, c’è Radio NoLo che ti aspetta

Centinaia di persone lo scorso weekend sono scese per strada a Milano per conoscere i vicini e la programmazione della web-radio. Ecco come è andata.

13 Novembre 2018

Scendi da casa, c’è Radio NoLo che ti aspetta

Centinaia di persone lo scorso weekend sono scese per strada a Milano per conoscere i vicini e la programmazione della web-radio. Ecco come è andata.

Per il successo di esperimenti sociali di vicinato attivo  come Radio NoLo a Milano si può pensare al meccanismo carbonaro associativo che faceva delle radio degli anni 70 in Italia delle vere fucine di socializzazione e creatività. Un po’ è così, anche se le metodologie son diverse ma il mezzo è lo stesso: ed è la radio e questa è la Milano del 2018 sempre più improntata alla condivisione e all’esperienza umana. Perché progetti come Radio NoLo, l’ormai famosa radio del quartiere dei creativi a nord di Loreto nel capoluogo lombardo, testimonia che con un mezzo ci si può anche vivere meglio la vita “di prossimità” in una città che per troppo tempo è stato sinonimo di spersonalizzazione, e diciamolo, isolamento.

Individualismo? Ritmi lavorativi frenetici? La qualità della vita è sicuramente più importante dell’arricchimento personale, si saranno detti alle latitudini a nord (ma mica tanto) del centro patinato e pettinato della movida meneghina. Finché proprio da quest’anno proprio in queste strade solo poco fa dimenticate, si riversano addirittura abitanti di altri quartieri. Arrivano qui perché desiderosi di partecipare. Nel caso della radio, ci sono incontri aperti, anche workshop dove si impara a dialogare e mettere su un programma radiofonico. Ognuno fa la sua parte e tutti mettono a disposizione parte del loro tempo per una causa comune.

Cosa succede? Semplicemente si scopre il potere aggregativo delle iniziative gratuite, aperte, che nascono dal basso e creano connessioni.

L’apertura di Radio NoLo, in maniera ufficiale (la radio web esiste su ShareRadio dal 2017) è stata lo scorso weekend la sintesi di tutte queste suggestioni. “Non potevamo inaugurare al meglio la sede di Radio NoLo che è in via Oxilia 9 – dice il presidente Riccardo Poli –  grazie alla generosità delle ragazze del Cinema Beltrade abbiamo una radio in vetrina su strada negli spazi dove c’è la sede amministrativa del cinema. Sono stati due giorni diversi, il primo dedicato alla scoperta della radio con 150 persone davanti alla sede a raccontare la programmazione e a conoscere i vicini di casa che fanno parte del progetto”.

C’è stata poi in successione, per rafforzare la collaborazione col Beltrade, altro esperimento ben riuscito di programmazione alternativa in città, la proiezione del film “I love radio rock” , uscito nel 2009 scritto e diretto da Richard Curtis che ripercorre l’epopea delle radio private. Il film  – racconta Poli – in qualche modo rispecchia l’anima pirata della nostra radio come succedeva negli anni 70. E per quanto ci riguarda, dietro tutto ciò c’è il divertimento e la condivisione”. 

All’Arizona 2000, stranissimo e amatissimo incrocio di balera vintage riconvertita in spazio aggregativo contemporaneo sempre in zona NoLo, i dj della giovane radio hanno fatto ballare con ritmi vintage e non i tanti presenti il giorno dopo. “Kojo, Giovanni e Zardo – ricorda Riccardo Poli –  hanno fatto playlist per 400 persone e ci sono stati continui richiami agli anni 80 anche con goliardate“. Le abbiamo viste noi le “crystla ball” e “big bubble” e anche divertenti tentativi di imitazione degli idoli dell’epoca (guardate le foto e capirete). “Quando i vicini di casa collaborano il divertimento è assicurato”, dice Poli che ricorda: “Anche quando c’è stato qualche disguido col mixer, uno degli animatori della radio, Maurizio Porcu ha preso il microfono e s’è improvvisato vocalist. Prima che fare la radio, siamo diventati tutti amici e siamo persone, e questa è la cosa più importante in assoluto“.

https://radionolo.it/

https://it-it.facebook.com/radionolo/

 

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Roywang e il light painting pubblico

Entusiasmo e coinvolgimento del pubblico alla performance di light painting di Roywang che è stata protagonista della mostra fotografica Focus.

Alpi: design di legno e natura

Lo spazio espositivo al centro di Brera, cuore della Milano del deisgn, appare come un gigantesco bosco artificiale in città.

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”