10 Giugno 2023

Sculture di Gustavo Velez a Forte dei Marmi

installate a partire dal Lungomare dove si presenta Cono Geometrico, mentre Forato è allestita in piazza Kurz.

10 Giugno 2023

Sculture di Gustavo Velez a Forte dei Marmi

installate a partire dal Lungomare dove si presenta Cono Geometrico, mentre Forato è allestita in piazza Kurz.

10 Giugno 2023

Sculture di Gustavo Velez a Forte dei Marmi

installate a partire dal Lungomare dove si presenta Cono Geometrico, mentre Forato è allestita in piazza Kurz.

Comune di Forte dei Marmi, la Fondazione Villa Bertelli e Oblong Contemporary Art Gallery, annunciano l’apertura della mostra ESSERE GEOMETRICO dell’artista colombiano GUSTAVO VELEZ che sarà aperta al pubblico dal 10 giugno al 18 settembre 2023.

La traduzione scultorea di danza e musica, allestita da Gustavo Velez nella terra dei nobili marmi seguendo l’astrazione geometrica di forme e linee, è un invito a riflettere sui concetti di equilibrio, di armonia, di essenzialità, di pulizia, di leggerezza, di libertà, che non riguardano solo l’arte ma, in maniera più rimarchevole, la vita stessa”. Così scrive Domenico Piraina, storico dell’arte, che curerà il testo critico del catalogo della mostra di Gustavo Velez.

Interamente composta da opere monumentali, allestite tra il lungomare e le vie del centro della città, in dialogo con gli spazi urbani e il paesaggio circostante, la mostra è l’evento espositivo che Forte dei Marmi promuove per arricchire la città di grandi opere d’arte nel periodo più importante dell’anno. Il nucleo di opere di Gustavo Velez rappresenta anche una delle tradizioni storico-artistiche più importanti del territorio, la scultura. Qui, da sempre, i più grandi scultori della storia si sono misurati con i materiali lapidei delle Alpi Apuane, tra cui il bianco statuario conosciuto in tutto il mondo come pietra scultorea per preziosità. La Versilia, dove sono presenti anche alcune tra le più importanti Fonderie Artistiche del Paese, accoglie questa mostra straordinaria di Gustavo Velez il cui percorso consente di osservare le forme più belle della scultura contemporanea.

Gli angoli più suggestivi dell’elegante città Toscana, uno spazio culturale privilegiato e un luogo espositivo sempre fruibile, ospitano le otto opere di Gustavo Velez realizzate in marmo, in acciaio e in bronzo. Le sculture potranno essere ammirate liberamente dal pubblico per tutto il periodo della mostra.

Le opere saranno installate a partire dal Lungomare dove si presenta Cono Geometrico, mentre Forato è allestita in piazza Kurz, si tratta di due imponenti sculture del 2022 in marmo bianco di Carrara. A seguire, nel parco di via Spinetti si può ammirare Enlance Geometrico, anche qui protagonista del lavoro scultoreo di Velez è il preziosissimo statuario di Carrara. Nel parco di fronte all’Hotel Datcha si trova Ritmica VII, bronzo monumentale del 2019. La fusione in bronzo rappresenta per l’artista uno dei materiali di massima espressione nella sua opera, dove, da sempre, oltre ai materiali lapidei si misura con la bellezza e la plasticità dei metalli.

La piazza principale di Forte dei marmi, vero crocevia della città toscana è la piazza Garibaldi, dove è situato il Fortino Lorena, in questa piazza, luogo di ritrovo per eccellenza della rinomata capitale del lusso della Versilia, Velezespone Expansion Geometrica II in acciaio del 2021 e Dual, ulteriore opera in statuario carrarino del 2022.

Per finire, nella centralissima Via Carducci, è posizionata Ritmica II, un bronzo monumentale del 2019 che apre, con la sua vicinanza alla galleria Oblong di Forte dei Marmi, sempre in via Carducci, lo sguardo sulla grande mostra di opere da collezione di Velez ordinata all’interno di Oblong a completamento del percorso di conoscenza dell’artista e della sua produzione.

La visione scultorea di Velez, raffinata, geometrica, essenziale e pulita, sia nelle linee sia nei materiali plastici, che sceglie con molta cura, lo ha reso un artista molto amato e apprezzato nel mondo.

La sua ricerca è incentrata sulla forma astratta e la superficie sempre trattata per esaltare la bellezza, l’unicità e la peculiarità della materia. Velez è un vero scultore, come artista stringe la forma in una visione essenziale, ricca di suggestioni, permeata di bellezza e di luce, attraversata da pieni e vuoti che ruotano intorno ad un elemento centrale invisibile ma fermo come il punto prospettico, dalla cui fuga si costruisce l’intera struttura dell’opera. Una caratteristica, quest’ultima, che rimanda ad una concezione architetturale, dove l’elemento portante della scultura è la sua congruenza, la sua capacità di elevarsi e di mostrare una radice concettuale di considerevole spessore intellettuale e progettuale, e dove la creatività e la visione dell’artista si aprono per svelare la sua poetica.

Gustavo Velez nasce nel 1975 a Medellín in Colombia, le sue opere sono presenti in numerose e prestigiose collezioni pubbliche e private in tutto il mondo.

Gustavo Velez a Forte dei Marmi per l’estate 2023. Cosmic una delle sue sculture monumentali fa parte della collezione permanente del nuovo complesso di uffici della società tecnologica Apple situata a San Diego, in California.

In Giappone ha esposto nelle gallerie di Tokyo, Utsunomiya, Iwaki e Yokohama. Da diversi anni, Velez è promotore di scambi culturali con artisti provenienti dal Giappone e dalla Corea. Una delle sue sculture monumentali (Flying, Korean White Marble) fa parte della collezione dell’Art Valley Sculpture Park di Seoul (Corea).

In Cina, Vélez ha esposto in rinomate gallerie e musei come il Zhengzhou Imperial City Museum e ha sculture monumentali in città come Shenzhen e Nanjing, tra le altre.

In Europa le sue opere sono state esposte in gallerie e musei in Francia, Italia e Spagna. In Italia, in particolar modo, ha consolidato la sua carriera a Pietrasanta, in Toscana, città della scultura e degli scultori, dove è arrivato nel 1996 e dove concentra gran parte della realizzazione delle sue opere in marmo e bronzo.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

ALBEDO di ISABELLA NAZZARRI

Un antico testo veneziano, un manoscritto della seconda metà del settecento, gelosamente custodito e sapientemente restaurato, oggi conservato presso la

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”