Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 29/04/2018

Serie tv premiate a Cannes: trionfo per Francesco Montanari e State of Happiness

Le serie più innovative scelte da una giuria di qualità per la prima volta a Cannes. Prima della palma d'oro c'è questo ulteriore importante happening.

Francesco Montanari, attore trentenne italiano famoso per aver recitato in Romanzo Criminale, è stato dichiarato questo mese “miglior performer” a Cannes per Canneseries, il primo festival europeo dedicato alle serie tv.

Si sa che questo particolare ambito soffre spesso per il confronto con le produzioni americane, che da tempo si sono spostate da Hollywood al piccolo schermo. Ma tutto il resto del pianeta non sta a guardare.

La serie When Heroes Fly ha vinto il premio a Cannes.

Infatti il trofeo disegnato dall’artista californiano Steven Harrington è andato a Montanari per la sua interpretazione de Il Cacciatore, girato per Rai Due liberamente ispirato alla vera storia del magistrato antimafia Il Cacciatore di Mafiosi scritta da Alfonso Sabella. Il giovane attore interpreta Saverio Barone, un giovane PM che nei primi anni Novanta diventa il protagonista della “caccia” ai mafiosi nella stagione immediatamente successiva alle stragi di Capaci e Via D’Amelio. La regia è di Stefano Lodovichi e Davide Marengo.

La giuria è stata presieduta dallo scrittore americano Harlan Coben , con l’attrice tedesca Paula Beer (Frantz) e l’attrice turca Melisa Sözen (Il regno d’inverno – Winter sleep).  In giuria c’erano Audrey Fouché (Les Revenants), il compositore Cristobal Tapia de Veer (Utopia, Black Mirror) e l’attore Usa Michael Kenneth Williams.

Il Cacciatore in un frame di Rai Due.

SCOPERTE – La scoperta delle serie recenti (questa italiana è andata in onda soltanto lo scorso marzo) non si ferma ovviamente qui. Miglior serie in assoluto è stata premiata a Cannes quella scritta e diretta per una casa israeliana da Omri Givon, su un racconto di Amir Gutfreund. Si intitola When Heroes Fly e racconta del ritorno in Colombia di 4 amici veterani di guerra sulle tracce di un’amante perduta.

Miglior serie digitale è stata scelta la canadese Dominos, diretta da Zoé Pelchat per la St Laurent Tv, mentre miglior sceneggiatura e musica se l’è accaparrate State Of Happiness, anche conosciuta come Lykkeland, norvegese, uscita nel 2018. Si tratta di una serie ambientata nel 1969 che ripercorre la ricerca del petrolio sulle coste del paese scandinavo che ne cambiò per sempre i destini. La Maipo Film produce,
Petter Næss e Pål Jackman dirigono.

 



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 08/03/2017

Ultràchic Back To School ma è solo per le trasgressive

La moda italiana non perde il gusto per l'irriverenza e trasgressione anche grazie a marchi come Ult [...]

Society - 04/11/2016

E se fosse Mika il nuovo grande re del varietà italiano?

Mika è innamorato dei grandi show della nostra tv del passato e conta di riportare quel clima di fe [...]

Society - 27/10/2016

Basquiat al Mudec, quando i graffiti non erano street art

Basquiat è ormai uno dei miti dell'America artistica anni Ottanta. Ma è bene ricordarsi che c'è s [...]

Top