Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 02/02/2021

“This is Planet Earth”: 40 anni fa nascevano i Duran Duran

Abbiamo viaggiato nel tempo, siamo arrivati a Birmingham nel 1981. Parlano il manager Paul Berrow, i musicisti dei Fashion e Vision Collision e l'emissario della EMI Dave Ambrose.

Il 2 febbraio 1981 usciva “Planet Earth”, il primo singolo della pop band che ha definito gli anni 80, i Duran Duran. Il successo del quintetto di Birmingham arrivò nel mezzo dell’avantazata del New Romantic Movement, che in Gran Bretagna vide nel giro di pochi mesi l’esordio di Spandau Ballet, Soft Cell, Depeche Mode, Human League e, successivamente, Culture Club e Wham!. Prima di loro, a guidare il rinnovamento post-punk nel mercato anglo-americano, c’erano già stati The Police, Blondie, Elvis Costello, Talking Heads, The Cars e The Knack.

Lo scenario era questo, ma quello che i Duran capitanarono fu molto altro. La ripresa dello scettro culturale pop da parte degli inglesi. Con “Planet Earth”, prodotti da Colin Thurston che aveva co-prodotto “Heroes” di David Bowie, gli esordi di Human League e il secondo disco dei Magazine, sbarcarono in America. E conseguentemente in tutto il mondo, musicisti, creativi, stilisti, registi di video, grafici e acconciatori tutti provenienti dalle città inglesi e concentrati nel cuore pulsante della Londra creativa dell’epoca, seguirono ad avere fama e successo.

Il video di Planet Earth girato da Russel Mulcahy nel 1981. All’interno del testo della canzone c’è la citazione “New Romantic”.

Musicalmente e visivamente, il singolo, uscito nelle prime settimane dell’avvio di decade, era una sorta di manifesto. Cura maniacale nello stile sonoro che risentiva delle influenze elettroniche imperanti nel pop, ma aveva in nuce una sezione ritmica battagliera che non conosceva uguali nel panorama inglese. E poi la melodia della voce e la chitarra funky rock facevano il resto. Esteticamente la moda New Romantic era il vero trend che emergeva. Ma sottotraccia sporgeva impertinente anche una certa attitudine punk per condire un piatto troppo perfetto.

La fascinazione con il neo-futurismo e il movimento sci-fi di inizio anni Ottanta pure è ben rappresentata sulle copertine dei vari formati del singolo. Un celato omaggio all’origine del nome della band, che arrivava proprio dal nome di un personaggio del film di fantascienza “Barbarella”.

Paul Berrow, assieme al fratello Michael, era all’inizio del 1980 un imprenditore di Birmingham che aveva l’ambizione di trovare band musicali con cui fare business. I fratelli avevano ereditato un locale, Rum Runner, che avevano rimesso a nuovo secondo lo stile disco che avevano visto allo Studio 54 di New York. Una volta trovata la band giusta da far esibire nel locale, si misero a caccia di un contratto discografico. Racconta a The Way Magazine:

Coraggiosamente la band non fu ritratta da subito in copertina per il lancio di Planet Earth. Quella di destra è la cover del singolo in 12” con un’immagine poco chiara di Andy Earl. Più identificati risultano i cinque membri della band in questa foto di una versione promo del singolo. Da sinistra John Taylor, Roger Taylor, Andy Taylor, Nick Rodes, Simon Le Bon. Il design è di Malcolm Garrett.

“La EMI come tutte le etichette cercava di individuare le tendenze, questo è quello che fanno da sempre. Il culto influenzato da Bowie e Roxy Music dilagava ovunque. Alcune band sarebbero emerse e avrebbero vinto. Abbiamo soddisfatto tutte le aspettative e dimostrato un impegno professionale per il raggiungimento di tale obiettivo, perciò ci siamo riusciti. Buone canzoni, disciplina e buona organizzazione, duro lavoro con un piano chiaro. Un sogno per qualsiasi etichetta con cui lavorare“.

Luke Skyscraper James era leader e fondatore della band Fáshiön, un gruppo molto stimato dai Duran Duran prima maniera. Le band si influenzarono a vicenda, soprattutto perché frequentavano il Rum Runner Club, il locale notturno dei fratelli Berrow. In quel club, il 16 luglio 1980 si sarebbero esibiti i Duran Duran nella line-up definitiva che 6 mesi dopo li vide in classifica con Planet Earth. In questo paragrafo, Luke racconta a The Way Magazine la sua esperienza di quei mesi di fermento nella città delle Midlands.

“Alla fine del 1979 i Fáshiön rientrarono dal nostro secondo tour negli Stati Uniti con i Police. Dopo aver suonato uno spettacolo di benvenuto a casa sold out, nella sala principale dell’Aston University, affittammo una piccola stanza al Birmingham Arts Laboratory dove avevamo programmato di provare e scrivere il nostro secondo album. Tuttavia, la stanza si è rivelata troppo piccola per i nostri scopi, quindi ci siamo trasferiti al Rum Runner Club su Broad Street, nel centro di Birmingham.

La prima photo-session dei Duran Duran per la EMI in un composit spaziale per il promo maxi single di Planet Earth nel 1981.

Nel corso dei mesi successivi diverse importanti band di Birmingham avrebbero utilizzato il Rum Runner Club per le prove e le riprese video. In varie occasioni gli UB40 hanno provato lì e The Beat hanno girato il video di successo “Mirror In The Bathroom” all’interno del club. A quel tempo i Duran Duran esistevano già come band, infatti le prime formazioni della band suonavano concerti di supporto a Fáshiön, al Cannon Hill Arts Centre e successivamente al nightclub principale di Birmingham, Barbarellas. Per quei concerti solo John Taylor e Nick Rhodes erano nella formazione che alla fine sarebbe diventata famosa in tutto il mondo, ed erano più una band art rock di quanto sarebbero diventati i New Romantics.

John Taylor e Nick Rhodes parteciparono a molti dei primi concerti di Fáshiön nei pub e nei club di Birmingham. Una notte del 1979 John e Nick andarono nel quartier generale di Fáshiön, l’appartamento di Mulligan, e portarono una cassetta di una nuova canzone che volevano farci ascoltare e recensire. Quella canzone è stata la prima versione di “Girls on Film”.

I Duran Duran in seguito raggiunsero un accordo per i proprietari del club Rum Runner, i fratelli Berrows, come loro manager. Per loro arrivò la nuova attrezzatura e furono pubblicate pubblicità sui giornali nazionali di musica alla ricerca di un chitarrista e un cantante. Un pomeriggio, mentre stavo prendendo una pausa dalle prove, fumando una sigaretta nel vicolo che portava all’ingresso principale del club, fui avvicinato da un giovane con una custodia per chitarra che mi chiese con un forte accento di Newcastle se sapevo dove fossero le audizioni erano per il chitarrista. Quella è stata la prima volta che ho incontrato Andy Taylor.

Il primo concerto dei Duran Duran al Rum Runner di Birmingham non fu con Simon Le Bon. Si esibirono il 12 marzo 1980 in supporto ai Fáshiön con la line-up Jeff Thomas (voce), John Taylor (basso), Roger Taylor (batteria), Alan Curtis (chitarra), Nick Rhodes (synth).

Pochi giorni dopo, fui avvicinato dai fratelli Berrows che mi chiesero se pensavo che il ragazzo che avevano appena fatto l’audizione per il cantante fosse un bravo cantante. Mi hanno detto che si chiamava Simon Le Bon. A quel tempo stavo attraversando i miei guai con i Fáshiön, e ricordo che scrollai le spalle e dissi “Immagino che vada bene”.
“Sì”, hanno insistito, “ma sa cantare?”
Alzai di nuovo le spalle e dissi “Sì, sì, sa cantare, ora lasciatemi in pace”.
Quindi, se volessi, potrei dire che ho diretto Andy Taylor alla sua audizione (avrei potuto mandarlo nel verso sbagliato – ah ah ah!) E sono stato determinante nella decisione dei Berrows di affidare a Simon Lebon il lavoro di cantante con Duran Duran (avrei potuto dire che non sapeva cantare! Ah ah ah!) Ma, seriamente, sono sicuro che c’erano molti altri fattori coinvolti nell’ingresso di quei ragazzi nella band.

Il primo concerto dei Duran Duran con Simon LeBon che cantava fu al Rum Runner club e loro aprirono per Fáshiön. Ricordo che il club era pieno zeppo, con gente fuori che cercava di entrare, perché a quel tempo i Fáshiön erano un grande nome a Birmingham. È stato un concerto straordinario e di particolare successo, una notte davvero selvaggia, entrambe le band hanno suonato grandi spettacoli e il pubblico è impazzito.

La competizione tra le band a Birmingham a quel tempo era feroce e sarebbe fuorviante per me dire che Fáshiön e Duran Duran erano sempre amici intimi. Ci conoscevamo bene, ma eravamo rivali. Sono diventati famosi in tutto il mondo e nel giugno del 1980, dopo un tour in un club nel Regno Unito con gli U2, ho lasciato Fáshiön nel bel mezzo della registrazione del secondo album e mi sono trasferito a Bordeaux in Francia.

Un contemporaneo dei Duran Duran: Luke Skyscraper James era leader dei Fashion tra il 1978-80, a Birmimgham. Da oltre 30 anni vive e lavora nell’area di San Francisco, California. Oggi milita in varie band: “This Twisted Wreckage” con Ricky Humphrey, “The Ghost of Luke James” con Eric S. Anderson, “The Pull of Autumn” con Daniel Darrow, “Shed” con Robert Mag, e i Castronaut.

Qualche anno fa sono tornato in contatto con Andy Taylor tramite Skype e ho scritto alcuni blog per un sito che gestiva in quel momento, ma a parte questo non ho avuto contatti con nessuno degli altri membri dei Duran Duran”.

Una narrazione di background su Fáshiön, Duran Duran, The Police, B52s, U2 e molti altri si può leggere nel libro Stairway To Nowhere di Luke James disponibile su Lulu.com

Paul Harris era il chitarrista dei Vision Collision, un’altra band di Birmingham fondata da Terry Lilley che suonava con i Duran Duran nel circuito indie dell’epoca. Lui ricorda l’evoluzione di quei primi passi così a The Way Magazine:

“Ho incontrato per la prima volta i Duran Duran forse tra la fine del 1978 e l’inizio del 1979. Stavano provando in un posto fatiscente in una zona industriale vicino al centro di Birmingham. Il loro cantante all’epoca era Andy Wickett che aveva appena lasciato una band chiamata TV EYE. Stephen Duffy aveva lasciato i Duran Duran ed era finito nei TV EYE per formare una nuova band chiamata Subterranean Hawks. In seguito ha avuto successo con il Likac Time e sotto il nome di Tin Tin. I Duran Duran erano piuttosto crudi. Nick Rhodes aveva i nomi delle note registrate sui tasti del suo synth. Io invece provavo con una band chiamata Vision Collision nello stesso posto. Quando ho lasciato la band Nick Rhodes mi ha invitato a suonare la chitarra con i Duran Duran. A John Taylor l’idea piaceva, dato che io e Roger Taylor sembravamo fratelli. Non mi sono unito alla band. Hanno registrato un demo tape nello studio di Bob Lamb a Kings Heath Birmingham. Poi sono stato coinvolto in una sessione di registrazione con John Taylor e Nick Rhodes per un comune amico Mark Wilson.

Ho formato una band chiamata Dance con i compagni di scuola. Una volta stavamo provando al nightclub Rum Runner. Anche i Duran Duran provavano lì. Hanno anche lavorato lì, perché erano gestiti dai proprietari del club, i Berrows. Noi abbiamo suonato alcune date a supporto degli UB40 nel loro primo tour nel Regno Unito. Più o meno nello stesso periodo, i Duran Duran stavano supportando Hazel O’Connor in tour. Quando gli UB40 hanno suonato all’Odeon di Birmingham, i Duran Duran si sono presentati alla porta del palco volendo entrare. Il tour manager, che era anche il nostro manager, non li ha lasciati entrare. Non li ho più visti da quel giorno”.

Ricordando la battaglia per il contratto discografico che si accese nell’autunno 1980, John Taylor ha recentemente affermato:

All’inizio non si trattava mai di suonare dal vivo in tour, tutti gli sforzi erano per ottenere un contratto discografico, dal momento in cui ci siamo messi insieme. E una volta che l’abbiamo avuto, stavamo andando in tour e imparando a suonare, ecco perché la band che è andata in studio a registrare Rio era così diversa dalla band che ha registrato Duran Duran, il primo album. Io personalmente volevo l’etichetta dei Roxy Music Polydor ma non ha funzionato”.

Una volta firmato il contratto con la EMI la settimana dell’assassinio di John Lennon (dicembre 1980), per i Duran si aprirono le fasi di transizione dal circuito dei dilettanti al mondo dei professionisti. Primo ostacolo: qualche divergenza di vedute sulla voce del leader Simon Le Bon.

Raccolta di flyer originali del 1980 del Rum Runner club di Birmingham. Per gentile concessione di Jeremy Cunningham Green a The Way Magazine.

Paul Berrow dice: “La storia sulla voce di Simon è stata una tempesta in una tazza da tè, faceva troppe feste e ha perso la voce durante la registrazione del primo album, questo è quello che è accaduto”.

Dave Ambrose, il responsabile della firma del contratto alla EMI, ricorda: “L’ho sempre considerato un cantate eccezionale, non c’erano esitazioni su questo certamente dal mio punto di vista. Simon fin dall’inizio aveva una voce meravigliosa, sapeva cantare in alto e in basso. Più che altro era una questione di entusiasmo. C’erano alcune preoccupazioni riguardo alle persone alla casa discografica in America, dovette intervenire il produttore Colin Thurston. Ricordo che ne ha parlato anche con Simon stesso, si è ripreso ed è andato tutto bene”.

Abbiamo incontrato in collegamento video Dave Ambrose, il mitico A&R della EMI che fu protagonista del clamoroso rialzo di offerta che strappò i Duran Duran alla concorrenza della Polydor. Dave è oggi un autore stimato ed è da poco uscito il suo libro How to Be a Rock Star. Ecco il suo ricordo del 22 ottobre 1980 per noi, il giorno in cui li vide per la prima volta live all’Holy City Zoo di Birmingham.

“Interessanti i tempi in cui mi sono imbattuto nei Duran Duran. Avevo da poco iniziato a lavorare alla EMI a Manchester Square, a Londra. Un giorno d’autunno il telefono squillò e la mia segretaria era fuori a pranzo. Risposi io. Paul Berrow era così persuasivo al telefono da Birmingham che pensai subito avesse qualcosa di grande tra le mani. Si presentò come manager dei Duran Duran e mi invitò al concerto all’Holy City Zoo, dicendo che sarebbero andate altre etichette interessate. Ma questo non ha determinato il mio interesse. Mi sono convinto quando ho visto in Simon una potenziale star e come i membri della band stavano benissimo assieme. Avevo da poco conosciuto Gary Kemp e Steve Dagger in rappresentanza degli Spandau Ballet e non ci eravamo accordati. Capì che c’era questo nuovo movimento, basato sul glamour, l’evasione, e in quel filone i Duran erano rudi, funk, con influenze Roxy Music e Bowie ovviamente. Li ho sentiti e ho pensato che fossero glam e capaci. Ho iniziato a seguirli, c’era un’altra offerta con la Polydor. Ma la loro ambizione li ha portati a me, penso che volessero essere i nuovi Beatles su scala mondiale, sapevano quello che volevano. Firmano con EMI avrebbero avuto in America la Capitol come i Beatles. A quei tempi se avessi avuto un gruppo prioritario nel Regno Unito, il reparto internazionale avrebbe potuto convincere i territori diversi a promuoverlo bene. Ero abituato a lavorare con l’America e subito abbiamo avuto supporto, infatti.

Un’autentica leggenda del music business, Dave Ambrose durante il collegamento-intervista con Christian D’Antonio di The Way Magazine. Nel 1980 Dave era EMI head of A&R ed è stato vicino (anche come performer) ai Fleetwood Mac e ai Shotgun Express con Rod Stewart. Ha scoperto i Sex Pistols e portato alla EMI i Duran Duran e i Pet Shop Boys. Aveva individuato in Planet Earth un potenziale hit.

I Duran Duran mi hanno catturato perché erano vicini al mio cuore. La passione diventava lavoro e viceversa. Abbiamo ascoltato le demo originali registrate nello studio Bob Lamb che aveva già lavorato con David Bowie e ho ascoltato Planet Earth con mia moglie. Ricordo che quel giorno abbiamo ballato in modo scatenato, pensavamo: sicuro che sarà un successo. Poi nel registrare l’album di debutto, c’è stato un cambiamento nel modo in cui hanno mixato le tracce ed è venuto fuori un album memorabile.
Ma non è stato sempre tutto liscio, quel primo anno. Col secondo singolo, “Careless Memories” nella primavera del 1981 abbiamo avuto un periodo difficile e Peter Powell di BBC Radio 1 mi ha aiutato molto. Ci dicevamo che il video era ok, ma forse il problema con quella canzone era che il ritornello era troppo breve e non era molto di presa come il primo singolo. Ma per fortuna abbiamo saputo gestire la transizione fino allo straordinario video di “Girls On Film” qualche mese dopo. Con quella canzone la musica dance è stata sposata in tv, con quel clip che andava sugli schermi dei club e di alcune tv. Quello è stato il pezzo che ha attratto MTV appena nata, abbiamo avuto il forte interesse di Bruce Garfield che era un nuovo ragazzo a lavoro per la promo alla Capitol Records in America, che ha suscitato un incredibile interesse per la canzone. Da lì il successo è stato inarrestabile
“.

Il 16 luglio 1980 i Duran Druan si esibirono per la prima volta assieme al Rum Runner di Birmingham.

40 anni fa, il 2 febbraio 1981, la EMI lanciò sul mercato il loro primo singolo, “Planet Earth”.

Il 16 luglio 1983, 20 dei top 40 singles di Billboard America erano di artisti britannici, un record che superò il precedente di 14 brani raggiunto nella prima British Invasion nel 1965.



Leisure - 05/02/2020

Da Achille Lauro a Morgan, vestiti (e svestiti) glamour alla prima di Sanremo 2020

Successo al Sanremo numero 70, un trionfo di ascolti (oltre il 52% di share e 10 milioni di persone [...]

Fashion - 30/08/2019

Alla Mostra del Cinema di Venezia un 2019 un tocco glamour e uno “sostenibile”

L'attrice e regista italiana Valeria Golino ha portato ieri sera sul primo Red Carpet ufficiale “i [...]

Travel - 03/11/2020

Riscoprendo le radici in Irpinia, tra storia e monti

Era il regno dei sanniti, prima degli antichi romani, la misteriosa popolazione autoctona che parla [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!