26 Dicembre 2020

Troviamo la luce nell’arte di Emre Namyeter

"Vorrei che le persone si creassero la loro percezione del mio lavoro guardandolo". L'artista turco è ora a Montreal dove studia l'Electronic art.

26 Dicembre 2020

Troviamo la luce nell’arte di Emre Namyeter

"Vorrei che le persone si creassero la loro percezione del mio lavoro guardandolo". L'artista turco è ora a Montreal dove studia l'Electronic art.

26 Dicembre 2020

Troviamo la luce nell’arte di Emre Namyeter

"Vorrei che le persone si creassero la loro percezione del mio lavoro guardandolo". L'artista turco è ora a Montreal dove studia l'Electronic art.

Nato a Istanbul, in Turchia nel 1984, Emre Namyeter è uno degli scultori di light art più interessanti degli ultimi anni.

Ha completato i suoi studi sulla pubblicità e la fotografia presso l’Università Bilgi di Istanbul e ha studiato Belle Arti all’Accademia Internazionale di Belle Arti di Salisburgo a Salisburgo in Austria, per poi perfezionarsi all’Academy of Arts University di San Francisco.
A Montreal, in Canada, Emre si è concentrato sull’Electronic Art e qui ha iniziato a presentare i suoi primi lavori. Namyeter crea composizioni astratte su pannelli di legno con la sua pittura autoprodotta. Utilizzando varie tecniche di colata guidate dalla sua curiosità e dal suo approccio sperimentale, genera dipinti a più strati.

La stessa mescolanza di colori concentrici è adottata per questo sculture luminose waterproof in entambi i lati che sono il nuovo marchio di fabbrica di Namyeter.

L’aspetto dei dipinti di Namyeter non è stabile, proprio come la percezione dello spettatore, e ogni opera appare diversa in diverse condizioni di luce.

Emre Namyeter dice, come Aristotele: “Nel momenti bui dobbiamo cercare la luce”. E la sua luce la mette nella sua arte. Emre crea sculture luminose che sono anche idrorepellenti. La foto è di Cemre Mert.

L’artista dice: “La mia arte ha sempre avuto un’idea fondamentale: la percezione. La percezione può essere definita come un processo attraverso il quale gli individui organizzano e interpretano le loro impressioni sensoriali per dare un significato al loro ambiente”.

Secondo Namyeter, quando le informazioni passano attraverso i nostri sensi, riconosciamo un ordine e lo colleghiamo alle nostre esperienze personali per aiutarci a definire ciò che sappiamo essere vero. Tuttavia, attraverso questo processo, tendiamo a vedere e comprendere le cose non come sono, ma come siamo.

Per questo l’artista suggerisce di creare semplicemente la propria percezione della sua opera d’arte mentre la si guarda.

www.instagram.com/emrenamyeter_art/?hl=it

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”