24 Gennaio 2023

Verso Sanremo 2023: incontro con i Colla Zio

Un disco sull'idea di incomunicabilità. "Come superare la fragilità puntando agli obiettivi. A 20 anni la pensiamo così".

24 Gennaio 2023

Verso Sanremo 2023: incontro con i Colla Zio

Un disco sull'idea di incomunicabilità. "Come superare la fragilità puntando agli obiettivi. A 20 anni la pensiamo così".

24 Gennaio 2023

Verso Sanremo 2023: incontro con i Colla Zio

Un disco sull'idea di incomunicabilità. "Come superare la fragilità puntando agli obiettivi. A 20 anni la pensiamo così".

Ritmo, testi che spiazzano e tanta energia. Non c’è necessariamente rockabilly nel disco dei Colla Zio, nuovo gruppo milanese in arrivo a Sanremo 2023, ma loro l’hanno chiamato lo stesso “Rockabilly Carter” ispirandosi a una storia davvero singolare. Il loro album d’esordio uscità venerdì 17 febbraio, dopo il buon riscontro nel 2021 con un EP. E c’è da giurare che saranno loro la novità sul palco dell’Ariston.

Presenteranno un brano, “Non mi va” che sorprenderà perché dopo anni si sentirà cantare al Festival di Sanremo una canzone con accento milanese che non sia hip hop. E poi, per il grande lavoro che stanno svolgendo, i membri del quintetto (Andrea Armo Arminio, Andrea Mala Malatesta, Francesco Glampo Lamperti, Tommaso Berna Bernasconi, Tommaso Petta Manzoni, tutti sotto i 25 anni) sembrano essere pronti per raccogliere i doverosi frutti di una breve ma intensa gavetta.

I Colla Zio sono un giovane collettivo musicale milanese, tra i nomi più interessanti della nuova scena. Non amano definirsi, parlano del gruppo come una situa, una banda, una colla, appunto. Su questa fluidità la loro musica pianta fieramente le proprie radici e trova la propria identità, raccogliendo le influenze di ciascun membro del collettivo: barre e canto si alternano e si intrecciano su un tessuto sonoro pop complesso e variegato, che esplode dal vivo in tutta la sua energia.


“Rockabilly non c’entra con l’influenza di un genere musicale che ci ispira – ci raccontano a Milano prima del viaggio che cambierà la loro carriera, quello verso il palco del festival più seguito d’Italia – . In realtà è il nome di un gigante che parla una lingua che nessuno comprende. La prima soluzione che ha a questa incomunicabilità è isolarsi. Poi lo stesso gigante si è messo a correre e ha accettato di non essere capito. Quindi anche nell’immagine della copertina siamo noi a dover essere al passo con lui infatti gli corriamo dietro”.

E questa incomuinicabilità parla un po’ di tutti noi in questi tempi. “Tutti possono essere Billy Carter – raccontano – e noi cerchiamo di raccontare chi non si accontenta. Se abbiamo paura di non essere capiti a Sanremo? Beh, è una situazione televisiva che solitamente è lontana dai nostri ambienti ma accettiamo la sfida. E anche quella è una partenza…se succede un fraintendimento ripartiremo da lì“.

I cinque sono concordi nel ritenere insufficienti “tre serate per capire la nostra musica ma forse in un concerto si capirà di cosa siamo fatti. Quando si va in tv se non si dicono banalità il non essere capiti in fondo è una condizione che bisogna accettare”.

Tra le canzoni del disco, “Chiara” è stata registrata con i Selton (“i nostri fratelloni che ci hanno fatto fare i primi passi nella musica cruda“) mentre “Tanto Piove” è costruita con l’aiuto delle loro “prime guide musicali“, Riccardo Montanari e Giacomo Carlone. “Si tratta di un brano introspettivo e realista vuole richiamare il concetto che alla fine della pioggia arriva qualcosa, che siamo tutti alle prese con dei problemi quotidiani. Ma se si è fortunati come noi, che dividiamo le responsabilità in cinque, il viaggio è più divertente”.

I Colla Zio (qui tre membri del quintetto durante l’intervista a The Way Magazine), hanno pubblicato un EP, Zafferano, uscito per Woodworm e distribuito da Universal Music nel 2021.
Nello stesso anno esordiscono dal vivo a Mi Manchi al Circolo Magnolia e durante il tour estivo
condividono il palco con artisti come Rkomi, Lo Stato Sociale e Dola. Rockit e Italia Music Lab (SIAE) li
hanno inseriti nei progetti da tenere d’occhio nel 2022. Proprio il 2022, con l’ingresso nel roster di
Virgin Music LAS (Universal Music), è l’anno di pubblicazione di nuovi brani, chiara con gli amici e
colleghi Selton, Ci rimango male quando sei puntuale e Tanto Piove. Tutte e tre sono entrate in
scaletta nel tour che li ha portati durante l’estate in giro per l’Italia, aprendo i live di artisti come
Michele Bravi, Psicologi, Dutch Nazari e Chiello. Tanta nuova musica e nuovi live attendono la band
quest’anno.

Tra le ispirazioni della musica dei Colla Zio, “ci sono anzitutto le ragazze, ma anche i ragazzi, che ci danno gli spunti per riflettere e l’amore è quella cosa che ci fa pensare alla vita. Correre contro il mondo è l’unico modo per essere capiti, non vogliamo dare consigli a nessuno ma solo raccontare”.

Ma nei testi c’è anche di più. La canzone scelta per Sanremo, “Non mi va” ha tre colonne stilistiche: “La prima è la reazione istantanea all’insicurezza, che viene raccontata ed espressa nel ritornello. Mentre nel finale c’è una frase che spiega la fragilità , la presa di consapevolezza finale che ci fa capire perché spesso puntiamo a dove non possiamo arrivare. Alla fine però quello è il motore, ed è importante ripeterselo, come un mantra. E noi a 20 anni vediamo le cose così”.

L’album, in uscita per Woodworm/Virgin Music LAS (Universal Music Italia), esce in CD e vinile. L’universo musicale dei Colla Zio è un mondo fantastico, colorato, disegnato a pennarello, suonato in un funk contemporaneo. E se la musica è un modo per farci sentire meno soli, dicono, la dimensione ideale per il loro progetto è quella live: dopo il festival ci sarà un mini-tour di cinque date, seguito, si spera da un giro lungo estivo. “Sarà quella la fotografia più nitida di noi“, chiudono fieri.

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Moda e musica per Earth Day 50

Assolutamente imprevedibile ma anche un segno dei tempi questo clima incredibile in cui si svolge la cinquantesima celebrazione mondiale del

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”