Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 08/07/2019

Voghera Fotografia, “Tra luoghi e persone – Transiti”

La seconda edizione a settembre prevede confronto e riflessione sulla comunicazione visiva.

“Voghera Fotografia” torna a settembre in provincia di Pavia per la seconda edizione. Si svolgerà per quattro fine settimana da sabato 14 settembre a domenica 6 ottobre all’interno delle sale del Castello Visconteo e avrà come titolo “Tra luoghi e persone – Transiti”.

Cinque progetti fotografici che coinvolgeranno oltre 20 fotografi italiani e stranieri fra cui Olivo Barbieri, Harry De Zitter e Sara Munari, oltre 200 foto esposte, una finestra su “I Giganti del Jazz”, un omaggio a Leonardo da Vinci e uno ai 180 anni della Fotografia, la prima “Camera Obscura” permanente in Italia e una mostra realizzata con la fotocamera a foro stenopeico, corsi e workshop, incontri e videoproiezioni, letture portfolio, visite guidate.

In foto d’apertura vedete Herry De Zitter The Himba Collection.

Diretto da Arnaldo Calanca con il comitato scientifico composto da Renzo Basora, Luca Cortese, Gianni Maffi e Pio Tarantini, l’edizione 2019 di Voghera Fotografia vuole essere luogo di confronto e riflessione sulla comunicazione visiva e si presenta come un evento diffuso sul territorio che coinvolgerà l’intera città con un programma ricchissimo di iniziative: oltre 200 fotografie esposte, cinque progetti fotografici con le opere di oltre 20 fotografi italiani e stranieri, con cinque opere della serie “i Giganti” di photoSHOWall realizzate appositamente per ogni singola mostra, incontri, workshop, visite guidate, letture portfolio, videoproiezioni.

Arnaldo Calanca: “In un mondo dove la fotografia è diventata uno dei mezzi più diffusi e abusati per comunicare idee, emozioni, pensieri, abbiamo pensato di costruire un evento capace di far riflettere sulla forza della fotografia quando quest’ultima è d’autore, ovvero in grado di raccontare la Storia e smuovere le coscienze con un solo scatto. Più che mai in un momento storico contrassegnato dalle migrazioni di popoli interi da un luogo ad un altro per motivazioni economico-sociali, climatiche e di lavoro. Inoltre, abbiamo voluto un festival il più possibile “diffuso”, per far scoprire e riscoprire la città ai visitatori, con un occhio di riguardo ai giovani, aiutandoli a conoscere e apprezzare la fotografia, e nel contempo a difendersi dall’uso e abuso dei social”

 

Questi i cinque progetti fotografici di Voghera Fotografia 2019:

 

Harry De ZitterThe Himba Collection

Ventiquattro immagini in bianco e nero che esplorano i volti e le esistenze degli Himba, popolazione indigena che vive nel nord della Namibia di circa 12mila persone, considerata l’ultima semi-nomade del Paese che vive principalmente di pastorizia.

 

Olivo BarbieriAdriatic Sea (staged) Dancing People 2015

Diciannove scatti ripresi dall’elicottero della costa Adriatica romagnola che in certe ore della giornata si trasformano in una specie di set teatrale e cinematografico. Un progetto sul comportamento dell’uomo in luoghi considerati naturali e sulla veridicità del ricordo.

 

Sara Munari – Vanishing Shepards

Venti scatti per raccontare come i cambiamenti climatici, l’urbanizzazione e la burocrazia stiano uccidendo l’esistenza della cultura pastorale in Mongolia e di come si assista a un vero e proprio esodo umano di pastori verso le città, soprattutto Ulaanbataar.

 

Associazione culturale Cacciatori d’OmbraAppia, Work in progress

Nove autori presentano una riflessione sullo stato di abbandono della prima strada programmata e realizzata in Italia al tempo dell’antica Roma che, partendo dal centro della Capitale, attraversa la parte meridionale dell’Italia e arriva a Brindisi, capolinea dei viaggi in Oriente via mare.

 

Mostra collettiva Transiti 

Dieci fotografi ragionano sul senso “di movimento” ovvero le motivazioni dello spostarsi nel mondo contemporaneo: Isabella Balena, Giancarlo Carnieli, Francesco Cianciotta, Pier Paolo Fassetta, Gianni Maffi, Stefano Parisi, Graziano Perotti, Nino Romeo, Sebastiano Vianello e Daniele Vita.

 

Inoltre, Voghera Fotografia presenta una “sala di posa per ritratti” itinerante nel centro della città, 2 concorsi fotografici e una mostra dedicati agli studenti delle scuole medie e superiori, la prima “Camera Obscura” stabile in Italia, ideata e realizzata da Beppe Bolchi e Spazio 53 nella Torre nord-ovest del Castello Visconteo, la mostra “Città senza Tempo” di Beppe Bolchi, realizzata interamente con la fotocamera a foro stenopeico, un evento su Leonardo Da Vinci a 500 anni dalla sua scomparsa e un altro sul 180° compleanno della Fotografia, e ancora corsi e workshop e videoproiezioni a cura di ImmaginIria e Spazio 53.

VOGHERA FOTOGRAFIA 2019

14 settembre – 6 ottobre 2019

Mostre a ingresso libero

 

INFORMAZIONI AL PUBBLICO

  1. 335 6356357 | 347 3253040 | 331 4303251

info@vogherafotografia.it | www.vogherafotografia.it

info@spazio53.com | www.spazio53.com



Society - 22/07/2019

Le “Twin Bottles” di Venezia, provocazione nel Canal Grande

Due artisti con un forte credo ambientalista si stanno rendendo protagonisti di gesti esemplari in I [...]

Luxury - 31/03/2016

Sfioro, il gioiello d’artista alla Galleria Sozzani

Sfioro è una mostra collettiva di gioielli in visione (e in vendita) alla Galleria Carla Sozzani in [...]

Leisure - 03/07/2019

Oggi parte Como Lake Cocktail Week

Como Lake Cocktail Week, in programma dal 3 al 7 luglio 2019 sulle sponde del Lago di Como è una m [...]

Top