Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 16/05/2018

Without Frontiers, street art in divenire a Mantova

Si chiama "TSUNAMY", una murata di 826 mq per il terzo capitolo di "Without Frontiers - Lunetta a Colori"

La street art in Italia continua il suo percorso di recupero delle aree urbane. Si è appena conclusa la prima fase del terzo capitolo di Without Frontiers – Lunetta a colori, festival che da due anni porta a Mantova, nel quartiere Lunetta, famosi artisti affermati nel panorama nazionale e internazionale della street art e dell’arte pubblica e relazionale.
L’evento, a cura di Simona Gavioli e Giulia Giliberti, in questa prima fase ha visto la partecipazione del noto urban artist JOYS, che ha trasformato in una vera opera d’arte la facciata del palazzo di Viale Piemonte situato all’ingresso del quartiere Lunetta di Mantova. Il suo lavoro, dal titolo “TSUNAMY“, è di circa 826 mq ed è la seconda opera più grande dell’artista JOYS.
PROGETTO – La scelta del nomeTSUNAMY” è data da un evento verificatosi l’ultimo giorno di lavoro, mentre JOYS si trovava sull’elevatore e stava ritoccando gli ultimi dettagli dell’opera di Lunetta. Dall’alto gli è scivolato un bidone di colore turchese che cadendo ha sbattuto su un muretto schizzando come uno TSUNAMY (la Y identifica il nome JOYS) sulla pavimentazione ma soprattutto su un’anziana signora che è diventata essa stessa un’opera d’arte dell’artista.I colori usati da JOYS hanno una funzione molto importante nella monumentalità del suo lavoro poiché il turchese che bacia il cielo e il verde che dialoga con la vegetazione sottostante permettono all’opera di estendersi all’infinito, creando un continuum con gli elementi naturali che circondano il palazzo. Le linee che compongono forme geometriche, tipiche del suo stile, sono marcate dal colore nero e dialogano armonicamente con l’architettura dell’edificio.

L’opera di JOYS ci racconta la storia di un lento cambiamento che sta coinvolgendo il quartiere di Lunetta. Grazie a “Without Frontiers – Lunetta a Colori“, ad oggi, infatti, nel quartiere si contano circa 14 opere realizzate, nelle scorse edizioni, da famosi urban artist provenienti da tutto il mondo come ZedzEtnikVesodCorn79Elbi ElemFabio PetaniMade 514 e dagli artisti Bianco-ValentePanem et Circenses e Perino & Vele.

 
La seconda fase di Without Frontiers è prevista dal 18 al 24 giugno 2018.


Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Trends - 29/11/2016

Fuga dal web-caos, tutte le conseguenze dell’”always on”

L'always on, l'essere sempre connessi, ha fruttato le ovvie conseguenze. Negli stili di vita emergen [...]

Society - 17/10/2017

Il paesaggio urbano per Marco Memeo è un acquarello

"eLLe come finestra" è il titolo della mostra di Marco Memeo, lartista torinese che ritrae paesaggi [...]

Trends - 10/05/2017

Le “stories” diventano limitless con una app

Le Stories sui social sono una mania collettiva che resterà nella storia come l'emblema del digital [...]

Top