Magazine - Fine Living People
Luxury

Luxury - 27/01/2020

Cantieri Navali Codecasa, eleganza in mare e premiata sostenibilità

L'attività viareggina è secolare, ma i riconoscimenti a Monaco l'hanno proiettata nelle più contemporanee realizzazioni di yacht al mondo.

I Cantieri Navali Codecasa S.p.A., nati a Viareggio nel lontano 1825 ad opera del maestro d’ascia Giovanni Battista Codecasa, sono oggi una realtà d’eccellenza nella costruzione di yacht in Italia.

Ucina, Confindustria nautica, ha premiato il Cav. Fulvio Codecasa, ancora oggi a guida dell’azienda, per la categoria Manager con l’ambito riconoscimento di “Pioniere della Nautica 2017”. A Viareggio, nel porto, ci sono i due siti produttivi storici del cantiere. La Darsena dei Navicelli a Pisa è il sito produttivo più recente del Gruppo Cantieri Navali Codecasa. A questi si affianca il sito produttivo Codecasa DR11, che si trova nell’area del porto nuovo di Viareggio,

Il nuovo Codecasa 65 – Costruzione F74 – m.y. Regina d’Italia (foto d’apertura di questo articolo) è un elegante motoryacht in acciaio e alluminio che presenta ampi e comodi spazi collocati su 5 ponti, nato dalla collaborazione tra lo staff tecnico dei Cantieri Codecasa in totale sinergia con lo studio di architettura M2 Atelier di Milano scelto personalmente dagli Armatori.

Con i suoi ampi spazi, sarà in grado di assicurare agli Armatori e ai suoi Ospiti la massima vivibilità e privacy in tutti gli ambienti, sia esterni che interni. Tra le dotazioni ed i servizi presenti a bordo e volti ad incrementare il comfort ed il benessere di Armatore ed Ospiti, figurano anche una palestra ed una piscina di ampie dimensioni (5,00 metri x 2,00 metri) sul Ponte Sole.

Questo Yacht, dal profilo pulito e rigoroso, di proprietà di una Società di Leasing Italiana e che batterà Bandiera Italiana, offre altissimi standard qualitativi e tecnici.

SOSTENIBILE – Il Cantiere ha progettato lo Yacht per avere la massima sostenibilità ambientale, dotando tra l’altro la Costruzione F74 di un impianto di trattamento per le acque di sentina, di un impianto di trattamento per le acque di zavorra, di un impianto di trattamento dei liquami, di una cella refrigerata per i rifiuti, oltre che olio biodegradabile negli astucci degli assi e nelle losche dei timoni.

A fine 2019, presso lo Yacht Club di Monaco, durante il RINA Yachting Seminar, i Cantieri Codecasa sono stati premiati con il RINA AWARD 2019 per questo Motor Yacht Regina d’Italia.
A ritirare questo prestigioso Premio sono stati Niccolò Buonomo, nipote del Patron Fulvio Codecasa ed il Comandante del m.y. Regina d’Italia Luca Lazzeri, orgogliosi per questo successo.

Realizzato nel 2013, il Codecasa Framura 3 nel 2014 è stato finalista al World Superyacht Award.

II primo Open di 50 metri costruito e consegnato dai cantieri fu nel 2013 il CODECASA 50s – M.Y. Framura 3. Similmente al CODECASA 45s, anche questo Yacht offre altissime prestazioni in termini di velocità, raggiungendo i 28 nodi circa di velocità massima in condizioni di dislocamento leggero, grazie all’utilizzo di due idrogetti KA.ME.WA Mod. 80 S III e di un booster centrale KA.ME.WA. Mod. 71 B III.

Anche il M.Y. Framura 3 è dotato di un impianto giroscopico di stabilizzazione all’ancora SHIP DYNAMICS di fabbricazione Australiana, che consente di ottimizzare il comfort a bordo. Il Prof. Andre Bacigalupo è il progettista che ha disegnato le linee di carena e gli Esterni, mentre per quanto riguarda la progettazione degli Interni, essa è stata affidata agli Architetti del Cantiere Codecasa, Anna Maria e Franco Della Role, che hanno lavorato in stretta collaborazione con l’Architetto di fiducia della Società Armatrice.

 

 



Trends - 27/04/2018

Italia vip, Italia pop: Alberto De Franceschi spiega le opportunità del fisco

ITALIA VIP…ITALIA POP...se a raccontare le agevolazioni dei Vip per quanto riguarda il fisco itali [...]

Luxury - 23/03/2018

Gioielli “senza scudo” per FuturoRemoto

#NoShield (#SenzaScudo) è la nuova linea di gioielli futuroRemoto che Gianni De Benedittis ha [...]

Leisure - 25/04/2020

Il pop di Domenico Villano dal quadro alla musica

"Un’arte informale, molto festosa e di liberazione istintiva“, la descrive Vittorio Sgarbi. Quel [...]

Top