Magazine - Fine Living People
Luxury

Luxury - 27/09/2021

I gioielli di Juntao Ouyang, preziosi e tecnologici

“Stop waiting, stop thinkining, stop stopping yourself!” è il motto della creativa che porta il pop nei mondo del lusso da indossare.

La nuova collezione di gioielli “Jewellery on Technology” di Juntao Ouyang (vincitrice del Winterson Price del 2019 e partecipante di Artistar Jewels). La creativa cinese, neolaureata magistrale dell’Istituto Europeo Di Design Roma con un background di specializzazione in design del gioiello, ha partecipato e vinto diversi concorsi e mostre. Il suo background di studi in quattro diversi paesi le dà una visione più ampia e un forte interesse per i prodotti di gioielleria per le giovani generazioni. Mira a trovare un equilibrio tra gioielli concettuali e gioielli commerciali.

Si tratta di una serie che nasce dall’interesse per la tecnologia e il suo rapporto con il corpo umano.  Start, stop, pause, forward sono i simboli da cui parte la ricerca, segni che siamo abituati a vedere ogni giorno e che l’artista sceglie di fissare in materiali preziosi. 

Sono orecchini e anelli dalle forme geometriche ed elementari, ma nascondono una profonda ricerca e un’attenta analisi della vita quotidiana. Non solo gioielli infatti ma anche strumenti utili a sostenere i device tecnologici con i quali ci relazioniamo ogni giorno: smartphone e cuffie. 

Jewellery on Technology è la collezione di lancio di Juntao (Asa) Ouyang (Cina, 1997), una serie composta da quattro anelli e quattro paia di orecchini che nasce dall’interesse per la tecnologia e il suo rapporto con il corpo umano.

Iniziamo a esplorare nuovi modi per intersecare i nostri corpi e le nostre abitudini con la tecnologia che attraversa e circonda le nostre vite. Indosso i segni come gioielli; il mio telefono indossa i segni come un gioiello. Dove finisce la tecnologia e da dove inizia? Da qualche parte nel mezzo, ci incontriamo in equilibrio.” 

Begin, Next, Stop e Forward sono gli anelli in argento o in titanio smaltati. Tutti i modelli sono composti da una testa calamita, pronta per essere applicata allo smarphone, e dal vero e proprio anello che riprende il simbolo impresso sulla parte superiore. Inoltre, sono pieghevoli e possono richiudersi come un disco piatto, grande quanto una moneta. Il design cavo riduce il peso di questo gioiello stesso e le parti di saldatura sono segretamente nascoste.
Start, Cloud, Signal e Pause sono invece gli orecchini, anche essi in argento o titanio smaltati. Ciascuno di essi è pensato per ospitare al suo interno un paio di Airpods, per renderne l’utilizzo più sicuro e soprattutto per armonizzarle con il proprio stile. È infatti presente un cerchio in ciascun orecchino come motivo ricorrente proprio per rendere il gioiello anche funzionale.
La palette colori è pop e giocosa, come tutta la filosofia del brand.



Leisure - 07/09/2021

Seat Music Awards, due giorni per premiare i campioni di vendite in musica

Tantissime star italiane per la quindicesima edizione dei MUSIC AWARDS, denominati per il terzo ann [...]

Design of desire - 13/02/2017

Alle origini della grafica italiana alla sinagoga di Reggio Emilia

I loghi di Pirelli e Coop, la Triennale di Milano negli anni 60: l'origine della grafica italiana è [...]

Design of desire - 31/10/2019

Da Alpi risplendono i mobili di Piero Lissoni

Cinque mobili disegnati da Piero Lissoni per ALPI sono protagonisti della mostra "La Tavola degli El [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!