22 Dicembre 2022

Lo splendore di Villa Litta Carini raccontato da Damiano Gallo

A Orio Litta, in provincia di Lodi, la splendida dimora nobiliare abitata fino ai giorni nostri. Un luogo fuori dal tempo che custodisce opere inestimabili e un sontuoso giardino.

22 Dicembre 2022

Lo splendore di Villa Litta Carini raccontato da Damiano Gallo

A Orio Litta, in provincia di Lodi, la splendida dimora nobiliare abitata fino ai giorni nostri. Un luogo fuori dal tempo che custodisce opere inestimabili e un sontuoso giardino.

22 Dicembre 2022

Lo splendore di Villa Litta Carini raccontato da Damiano Gallo

A Orio Litta, in provincia di Lodi, la splendida dimora nobiliare abitata fino ai giorni nostri. Un luogo fuori dal tempo che custodisce opere inestimabili e un sontuoso giardino.

Villa Litta Carini è uno di quei tesori nascosti nelle pianure della Lombardia che pochi hanno avuto la fortuna di vedere in tutto il suo splendore. Partita come dimora nobiliare seicentesca, questa villa che è un vero monumento nazionale, oggi è in vendita tramite la Damiano Gallo Estates, capitanata dalla firma di The Way Magazine Damiano Gallo, noto imprenditore immobiliare e volto tv.

La costruzione del corpo centrale dell’edificio, che presenta una disposizione dei corpi ad U, è fatta risalire alla seconda metà del XVII secolo per opera del conte Antonio Cavazzi della Somaglia.

I lavori di ampliamento terminarono nel 1749 dopo la morte del conte, avvenuta nel 1739, durante la proprietà del figlio Già Batta Antonio Somaglia, avuto dalla seconda moglie, la contessa Camilla Visconti. La data 1749 è impressa sulla statua di ferro definita “Dio del tempo” o “Angelo della morte” posta sulla sommità della parte centrale del palazzo. La fama della famiglia era talmente alta che al nome del paese fu aggiunto anche “Litta”. Nell’Ottocento la villa fu frequentata da re Umberto I, Giacomo Puccini e altri illustri personaggi del tempo.

Il Palazzo, commissionato al noto architetto Giovanni Ruggeri, doveva essere la manifestazione della ricchezza e dell’importanza acquisite dalla famiglia Cavazzi in quel periodo.

Damiano Gallo con Enzo Miccio, celebre wedding planner, a Villa Litta Carini.

Alla sua morte, nel 1688, il conte lasciò la Villa in eredità al pronipote Paolo Dati, che assunse il titolo di conte Antonio della Somaglia. Paolo Dati attuò l’ampliamento del palazzo di Orio, trasformandolo in una reggia maestosa destinata a luogo di villeggiatura e incontro di grandi personaggi della letteratura e cultura italiana settecentesca. I punti distintivi della enorme proprietà sono il salone delle feste, il teatro, la sala biliardo, l’oratorio, lo scalone d’onore; ambienti affrescati e riccamente arredati. Da non dimenticare i giardini che si estendevano nel retro della Villa, con mosaici e ninfei sino a raggiungere un attracco per le barche sul Po. Damiano Gallo, che ha fatto riscoprire la location tramite una trasmissione televisiva su Discovery Channel, ora ne cura la vendita immobiliare.

Damiano dagli appartamenti ai monumenti storici, che effetto ti fa avere in carico una villa del genere?

Sento il peso della responsabilità. È innegabile. Ma per il resto tratto i clienti tutti nella stessa identica maniera. Metto lo stesso entusiasmo e la mia esperienza professionale comunque a prescindere dalla tipologia di immobile trattato.

In cosa differisce dalle altre dimore storiche che hai visitato per i tuoi programmi tv?

Ho la fortuna di visitare grazie alle trasmissioni televisive che produco le dimore storiche più belle d’Italia. Il nostro paese è pieno di queste bellezze architettoniche. Noi italiani siamo assuefatti dalla bellezza che ci circonda. Questa proprietà architettonicamente si differenzia dalle altre per grandezza e maestosità. Ben 12.000 metri quadri in vendita. 

Che legame c’è col territorio dove sorge villa Litta Carini? Ci sono delle bellezze naturali accanto?

La villa è situata nelle campagne lodigiane, dove percorrendo argini di rogge e del grande fiume Po è possibile pedalare o passeggiare percorrendo tratti in mezzo a distese di campi. 

La bellezza del posto è a cuore degli abitanti della zona? Cosa ti hanno detto?

Sono dispiaciuti che la proprietaria abbia deciso di vendere. La villa è situata davanti al comune, è un punto di riferimento per i turisti ma soprattutto per gli abitanti del luogo. Ho ricevuto un messaggio sui social da una vicina di casa che mi ha detto che non sapeva nulla della vendita. Lo ha appreso perché io ho pubblicato delle foto e ho comunicato la notizia. Era molto triste. 

Che appeal ha a livello internazionale un posto come questo?

Gli stranieri rimangono esterrefatti dalla bellezza. Si meravigliano anche del prezzo a loro dire molto basso. In realtà non sanno che il prezzo di mercato è corretto e che purtroppo “mezza Italia “ è in vendita. I gioielli architettonici più belli sono passati in mano straniera da ormai parecchi anni …e sarà così ancora per molto tempo. Pensiamo a centinai di borghi italiani abbandonati da anni e oggi fortunatamente ripopolati grazie a moltissimi stranieri. Non so se è giusto o meno, ma sta succedendo sotto i nostri occhi. 

Chi ne è stato proprietario in passato? Hai avuto contatti?

La ricca storia di Villa Litta Carini iniziò nel XVII secolo, quando il famoso architetto Giovanni Ruggeri pensò ad una grandiosa residenza che avrebbe resistito al passare del tempo. Diverse personalità importanti sono state ospiti di Villa Litta Carini ed hanno potuto godere delle sue bellezze, tra i quali re Umberto I e Giacomo Puccini.

Come ti immagini il futuro di Villa Litta Carini?

Mi piacerebbe vedere tantissime famiglie abitarla. Sarebbe bello frazionarla in tanti appartamenti. Ma è solo una idea. In realtà questo dipenderà dal futuro acquirente. 

Cosa ti ha colpito di più quando l’hai vista la prima volta e cosa di meno?

Sono abituato a visitare magioni di questo tipo. Il mio lavoro di agente immobiliare mi permette di vistare dimore davvero esclusive e con la conduzione di ‘Chi ha dormito in questo letto?’ che oggi va in onda in tv su Home & Garden di Discovery Channel ho visitato le dimore storiche private più belle d’Italia. Di questa mi ha colpito la maestosità …sembra davvero una piccola Versailles.

Ti vorrai assicurare che vada in buone mani o sono risvolti sentimentali a cui non fai caso?

Al momento non me ne preoccupo, sarebbe troppo il peso del pensiero per il futuro. Saranno i proprietari a valutare cosa da fare.

Chi potrebbe essere l’acquirente ideale e quale è la richiesta?

Spero in un imprenditore italiano. Vedremo. Non posso divulgare la notizia della richiesta economica. Il prezzo verrà comunicato ai potenziali acquirenti solo in caso di interesse concreto. 

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”