Magazine - Fine Living People
Luxury

Luxury - 02/11/2016

T Fondaco apre a Venezia, il polo del lusso nel palazzo storico

Oltre 65 boutique, un ristorante stellato, mostra d'arte e vista impareggiabile. Succede nel centro della Laguna, in un palazzo del 500.

T Fondaco è il nome dei 7mila mq di boutique di lusso aperti a Venezia nell’ex palazzo storico delle Poste Venete. Al magnificente mall si arriva attraversando il ponte di Rialto, con la facciata prinicpale che va su Canal Grande. Il Fondaco Tedeschi era il palazzo dove i commercianti d’oltralpe avevano le loro riserve. La T aggiunta oggi dovrebbe indicare “Traveller”.

Fondaco Tedeschi: perché era un magazzino degli stranieri in città. (foto: Giuseppe Sirni per The Way Magazine).

Fondaco Tedeschi: perché era un magazzino dei commercianti germanici in città. (foto: Giuseppe Sirni per The Way Magazine).

Entrando, il pozzo al centro della corte fa da spartiacque per i piani di lusso e shopping che vi attendono. C’è subito un dettaglio di raffinata eleganza: il bar ristorante Amo dei fratelli Alajmo appena entrati. I negozi chiamati a riempire questo patrimonio storico dell’italianità nel mondo, sono perlopiù colmi dell’attrattiva creativa che cercano da noi gli stranieri. Tanto stile, moda, lusso. Sono divisi per categorie, senza insegne monomarca: beauty, watch, jewelery. Tutto di target atlissimo come voluto dal Dfs Group, che è la maggior destinazione turistica del mondo del lusso, visto che si occupa di riempire di boutique sfavillanti le lounge degli aeroporti.

E c’è anche un occhio all’arte: all’ultimo piano, al momento sono esposte le videoinstallazioni di Fabrizio Plessi, artista emiliano celebratissimo ovunque, che ha donato il suo ciclo Under Water. Dal piano della sua mostra si accede alla terrazza che offre una splendida vista sulla città della Laguna e quando il tempo permette, fino alle Dolomiti.

Il nuovo centro firmato Dfs attende 2 milioni di visitatori l’anno e vuole proporsi come un polo aggregativo di gusto (premium food e artigianato locale di classe sono tutti rappresentati) e di cultura per i veneziani, non solo per i turisti.

COME RINASCE – Dal 2008, data dell’acquisizione dal Demanio, il palazzo cinquecentesco Fondaco dei Tedeschi è stato oggetto di ristrutturazione per diventare il nuovo polmone commerciale della città con 65 boutiques di griffe.

Il restauro è firmato dallo studio Oma dell’archistar Rem Koolhass, il nome di punta della riqualificazione urbana di Rotterdam. Soprintendenza di Venezia e designer hanno lavorato a stretto contatto per una corretta realizzazione del tutto. Il palazzo era stato devastato da un incendio nel 1200 e poi rifatto nel 1500, restauro di cui conserva i tratti peculiari. Certo, ci sono le scale mobili rosse a dare l’idea che si tratta pur sempre di un intervento contemporaneo, ma la vivibilità della terrazza e il rispetto dei pregevoli merli del palazzo fa perdonare tutto.

Fotoservizio da Venezia: Giuseppe Sirni

Per saperne di più, qui



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Luxury - 08/10/2018

Per i gioielli il trend è il 3D printing

Ce lo indica anche una conoscitrice appassionata e documentata del gioiello come Alba Cappellieri. I [...]

Design of desire - 12/03/2018

Shanghai Design, sorprese dal mondo

Al quinto anno di show in Cina, la design week di Shanghai è diventata la settimana dove scovare le [...]

Society - 23/06/2018

Riki, tutti i numeri dei record (e i negozi dove incontrarlo)

Arriva il settimo disco di platino per RIKI con "Polaroid" (certificazioni FIMI/GfK Italia) brano co [...]

Top