Magazine - Fine Living People
Luxury

Luxury - 01/04/2020

Vicenzaoro pensa alla rinascita: ecco l’edizione di settembre 2020

presenta un layout espositivo articolato in 6 distretti e il VO Vintage per gli orologi.

“Siamo ancora qui, più forti di prima“. Per Licia Mattioli, vicepresidente Confindustria per l’internazionalizzazioneQuesto è il messaggio da lanciare a Vicenzaoro September, per ripartire da quello che sappiamo fare meglio: fare cose belle e farle bene coniugando l’alto artigianato con l’industria e posizionandoci nella nicchia di alta qualità e valore che ci viene riconosciuta da tutto il mondo”.

Il tessuto produttivo italiano che deve risollevarsi, è fatto principalmente di persone. The Way Magazine vuole rendere omaggio a questi grandi leader e lavoratori che gravitano intorno al sistema orafo, una delle voci più importanti del made in Italy. Da sinistra in qeusta foto, Gaetano Cavalieri, presidente of CIBJO, The World Jewelry Confederation, Gianluigi Barettoni di Afemo, Associazione Fabbricanti Esportatori Macchinari per Oreficeria, Arduino Zappatterra, portavoce regionale CNA orafi, Andrea Fabbian presidente della Categoria Orafa ed Argentiera di Apindustria Confimi Vicenza.

Una delle fiere più attese per la ripresa dell’immagine dell’Italia all’estero si adopera così per una ripartenza che vedrà protagonisti tutti gli imprenditori di settore.

VOS 2020 avrà come fil rouge, dal 5 al 9 settembre prossimi nel quartiere fieristico vicentino, lo human touch: creatività e artigianalità, il lato umano e dunque etico e sostenibile dell’industria, la formazione delle risorse umane e dei talenti, il “fare italiano”, il “fare stile” per un networking complessivo tra gli attori più autorevoli del mondo orafo e della gioielleria, accesso principale ai mercati leader del consumo del mondo.

 

Da sinistra Vincenzo Aucella (Assocoral), Steven Tranquilli (Federpreziosi), Licia Mattioli (Confindustria).

Dice Ivana Ciabatti, presidente Confindustria Federorafi: Per quanto a oggi, nella particolare situazione che stiamo vivendo, fare previsioni sia un compito assai arduo, come imprenditori italiani abbiamo l’obbligo di guardare avanti con spirito combattivo e positivo. In questa ottica, e se le indicazioni saranno confermate, VOS 2020 si colloca in un periodo dove in Italia e in diversi Paesi – Cina in primis – saremo già ripartiti e quindi un evento internazionale come quello vicentino certificherà la rinnovata voglia e capacità dell’Italia e del gioiello made in Italy di continuare a stupire e a far sognare i consumatori di tutto il mondo”.

Di pieno incoraggiamento anche Arduino Zappaterra, portavoce nazionale Orafi CNA: “Abbiamo bisogno di ripartire il prima possibile. Dobbiamo fare le cose giuste e dobbiamo farle insieme. Sono convinto che abbiamo la forza, la capacità e la voglia di farcela”.

Così come Luca Parrini, presidente degli Orafi di Confartigianato: “Sono sicuro che le aziende stanno facendo già il massimo per farsi trovare pronte nel momento in cui ripartirà il mercato, per incontrare i clienti e, da italiani, poterli riabbracciare, stringergli la mano. Questa parte di umanità che vendiamo assieme alle nostre produzioni ci manca. La fidelizzazione noi la facciamo col prodotto ma anche col rapporto umano“.

Ivana Ciabatti e Luca Parrini.

Per Vincenzo Aucella, presidente Assocoral: “La speranza è che Vicenzaoro possa dare il ‘la’ alla ripresa di un nuovo ciclo. Proiettandomi a settembre mi auguro che questo momento di stand-by sia servito per analizzare e progettare una ripartenza con nuovi progetti e nuove idee. Che la nostra fiera sia il primo trampolino di lancio per la ripartenza”.

Italian Exhibition Group SpA (IEG), quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., è leader in Italia nell’organizzazione di eventi fieristici e tra i principali operatori del settore fieristico e dei congressi a livello europeo, con le strutture di Rimini e Vicenza.

L’edizione settembrina di Vicenzaoro proporrà il ritorno di VO Vintage reduce dal successo dello scorso gennaio, aperta anche al pubblico di appassionati e con la possibilità di acquisto on site. L’orologeria top di gamma e la sempre maggiore interconnessione delle due facce della stessa passione: vintage e contemporaneo. Con la crescita del più esclusivo appuntamento mondiale per l’incontro nel “salotto” vicentino dei grandi commercianti specializzati in orologeria d’epoca con i più importanti collezionisti. Ci saranno le istituzioni e i marchi indipendenti “premium”, le più autorevoli realtà del settore, come l’Academy di FHH (Fondation Haute Horlogerie), AHCI (Académie Horlogère des Créateurs Indépendants), insieme ai media più riconosciuti a autorevoli come L’Orologio e Revolution. Spazio agli incontri con la community del forum Orologi e Passioni di Bruno Bergamaschi e a quattro nuovi brand dell’alto di gamma, ospitati nel nuovo spazio VO Vintage Privé.

“È stimolante – spiega l’advisor di VO Vintage Michele Mengoli – risultare l’unica realtà mondiale a questi livelli in grado di far dialogare il meglio dell’orologeria vintage con il meglio di quella contemporanea tra gli enti più autorevoli e i marchi indipendenti più prestigiosi, facendo diventare di fatto VO Vintage il punto di incontro privilegiato per la community di appassionati di orologeria di alta gamma nella somma più inclusiva di tutte le sue anime”.

 

Vicenzaoro September presenta un layout espositivo articolato in 6 distretti: ICON per i Luxury Brand, ospita anche The Design Room con 12 designer di alta gioielleria dal mondo; LOOK con l’offerta “fashion” per mall, department store e concept store contemporanei e cosmopoliti, ospita i tre progetti speciali The Watch Room (12 brand dell’orologeria contemporanea), Glamroom (artigiani della gioielleria), Fashion Room (gioielli-moda destinati alla gioielleria in materiali non preziosi); CREATION con aziende specializzate nella produzione di oreficeria e gioielli  di altissima qualità che si rivolge ai negozi tradizionali, alle catene e ai grossisti; EXPRESSION per il packaging di lusso specializzato nel settore orafo che si rivolge a retailer e produttori; ESSENCE, dedicato alle gemme e ai diamanti di un’infinità varietà per tipologia e provenienza. Infine EVOLUTION, l’anima tecnologica della manifestazione rappresentata nell’edizione settembrina da T.EVOLUTION con aziende specializzate nella progettazione, produzione e vendita di piccoli macchinari e strumenti per il settore orafo in collaborazione con AFEMO presieduta da Gianluigi Barettoni e partner del progetto T.EVOLUTION.

Oggi abbiamo – dice Barettoni – solo la consapevolezza di avere un compito in più: tutelare la salute e il lavoro delle persone grazie alle quali i nostri prodotti sono unici, inimitabili e motivo di “invidia” a livello mondiale. Le aziende AFEMO sono top leader di mercato, perché fatte da persone straordinariamente appassionate della vita e del lavoro”.

 

Tra gli eventi di VOS 2020 si annunciano il VISIO.NEXT: SUMMIT, il TRENDVISION TALK focalizzato sulle tendenze con presentazione del Trendbook 2022+, un Open Innovation Event totalmente dedicato a tecnologia, innovazione e nuove imprese in collaborazione con StartupBootcamp; sempre sul filone ritorna START UP & CARATS che connette gli attori della filiera orafa con le Startup e le PMI più dinamiche, i DIGITAL TALKS e i GEM TALKS su innovazione digitale per i dettaglianti del gioiello e dell’orologeria e sul mondo delle pietre. “Gli orafi – spiega Steven Tranquilli, direttore Federpreziosi Confcommercio – guardano a VOS come a un traguardo che diventa punto di partenza per un confronto fondamentale con gli operatori, per ricominciare a parlare di preziosi e ritornare alla normalità. Una lunghissima maratona ci aspetta, l’allenamento è fondamentale per conquistare ulteriori traguardi e sono convinto che tutti insieme ci si arriva”.

 

Al fianco di IEG anche il territorio, con il Comune di Vicenza e le principali associazioni di categoria, che tornerà protagonista a settembre con un ruolo strategico nel successo di VIOFF, l’ormai imperdibile appuntamento con il Fuori Fiera di Vicenzaoro.

Ed è proprio da uno dei rappresentanti del settore e del territorio, Andrea Fabbian, presidente della Categoria Orafa ed Argentiera di Apindustria Confimi Vicenza che arriva un’importante dichiarazione: “Settembre sarà l’occasione per una grande e necessaria ripartenza, sia economica sia umana e sociale. Stiamo vivendo mesi impegnativi con questo “mostro” che ci ha aggrediti a livello globale, ma come sempre – sia come italiani sia come imprenditori orafi – ci sapremo rialzare”.

 

Fiore all’occhiello degli eventi di VOS 2020 sarà l’appuntamento con Cibjo, The World Jewellery Confederation, da più di 10 anni in partnership con Vicenzaoro e al fianco di IEG nella promozione della sostenibilità e dell’etica nel fare business nel settore.

Ed è proprio dal presidente CIBJO Gaetano Cavalieri che arriva un saluto beneaugurale a VOS 2020: “Sono lieto di accogliere un momento positivo nella ripresa delle attività produttive, augurandoci di riabbracciarci a Vicenza”.

 

 

Vicenzaoro è organizzata in collaborazione con: MAECI – Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane; AFEMO (Associazione Fabbricanti Esportatori Macchine per Oreficeria); Confindustria Federorafi, Confartigianato, Confimi Industria orafa e argentiera, CNA, Federpreziosi Confcommercio, Assocoral – Associazione Produttori Coralli, Cammei e Gioielli di Torre del Greco, Il Club degli Orafi Italia, IGI – Istituto Gemmologico Italiano.



Society - 14/10/2017

Francesca Rasi, attrice con lo spettacolo nel sangue

Brava, bella, con una straordinaria somiglianza alla prima Sofia Loren, Francesca Rasi è la giovane [...]

Society - 05/05/2016

Giorgio Pasotti: “Sono un coerente e vesto solo chi mi fa sentire comodo”

Giorgio Pasotti è un professionista della recitazione che con grande coraggio si è sempre rimesso [...]

Travel - 05/03/2020

Al Six Senses di Singapore gli arredi di Jacques Garcia e il gusto coloniale

Per la serie niente è come sembra, anche a Singapore è ora possibile dormire in una casa coloniale [...]

Top