7 Settembre 2022

Alle origini della Scuola del cuoio a Firenze

Il rinomato artigianato a sfondo sociale. Furono i frati Francescani a mettere a disposizione della famiglia Gori e degli studenti il vecchio dormitorio del Monastero di Santa Croce.

7 Settembre 2022

Alle origini della Scuola del cuoio a Firenze

Il rinomato artigianato a sfondo sociale. Furono i frati Francescani a mettere a disposizione della famiglia Gori e degli studenti il vecchio dormitorio del Monastero di Santa Croce.

7 Settembre 2022

Alle origini della Scuola del cuoio a Firenze

Il rinomato artigianato a sfondo sociale. Furono i frati Francescani a mettere a disposizione della famiglia Gori e degli studenti il vecchio dormitorio del Monastero di Santa Croce.

Nel 1950 nacque la Scuola del Cuoio a Santa Croce, Firenze. A fondarla Marcello Gori, imprenditore morto nel 2003, all’interno del Convento di Santa Croce con  il compito di insegnare agli orfani di guerra l’arte della lavorazione della pelle.
L’impegno della famiglia Gori continua, tanto che oggi sono state assegnate 6 Borse di formazione-lavoro a donne e uomini a rischio emarginazione, valutati tra le categorie a rischio emarginazione scelte tra quelle prevenute direttamente o presentate dalle Associazioni Onlus Artemisia e Nosotras, e dalla rete di solidarietà del quartiere1 di Firenze.
Il percorso di studio avrà inizio il 3 ottobre e si terrà in un laboratorio della Scuola del Cuoio accanto alla Basilica di Santa Croce a Firenze.

La Fondazione Gori, che eroga le Borse, è stata costituita il 24 maggio 2022 da Laura, Francesca, Barbara Gori per proseguire l’impegno civile-sociale del padre e diffondere il valore dell’artigianato artistico della pelletteria.
Nel 1950 Marcello Gori, insieme a suo cognato Silvano Casini, accettò il compito di insegnare agli orfani di guerra l’arte della lavorazione della pelle e del cuoio in quello che era il Noviziato dei Frati Francescani, all’interno del Convento di Santa Croce.
Nacque così la Scuola del Cuoio, fortemente basata sul concetto di amore per il prossimo e, soprattutto, sulla consapevolezza che l’esperienza debba sempre essere condivisa.

LE ORIGINI DELLA SCUOLA – Scuola del Cuoio nasce dopo la Seconda Guerra Mondiale dalla stretta collaborazione tra i Frati Francescani del Monastero di Santa Croce e le famiglie Gori e Casini, rinomati artigiani sin dagli anni ’30. La loro missione era quella di insegnare agli orfani della guerra un mestiere pratico che potesse diventare un vero e proprio lavoro.
I Frati Francescani misero a disposizione della famiglia Gori e degli studenti artigiani il vecchio dormitorio posizionando tavoli da lavoro lungo il corridoio. Quest’ala del Monastero fu donata ai Frati Francescani, durante il Rinascimento, dalla famiglia Medici che commissionò la costruzione all’architetto Michelozzo. Il corridoio principale, con il suo soffitto a volta e gli stemmi della famiglia Medici posizionati sulle varie porte, è decorato da affreschi eseguiti dalla scuola del Ghirlandaio.
Tra i primi studenti della Scuola del Cuoio, c’erano ragazzi della “Città dei ragazzi” di Pisa rimasti orfani dopo la Seconda Guerra Mondiale. Agli studenti venivano insegnate: le differenze tra i vari tipi di pellame, le tecniche per tagliare la pelle a mano e come realizzare articoli in pelle, dai piccoli prodotti alle grandi borse. Agli studenti più talentuosi veniva oltretutto insegnata l’arte della doratura, realizzata soprattutto su oggetti come scrittoi e portagioie con foglia d’oro 22 carati.
Alla fine del 1950, in accordo con il Ministero della Giustizia, Scuola del Cuoio iniziò ad offrire corsi ai detenuti della prigione delle Murate. Per questa ragione Gori venne premiato con una medaglia dal Governo Italiano.

LA STORIA DELL’ISPIRATORE – Seppur impegnato nella bottega di famiglia in via del Corso a Firenze, Marcello amava frequentare i corsi di pittura in via degli Artisti, che pagava pulendo gli studi dei Maestri Peyron e Rosai.
E a soli 29 anni, realizzò il suo progetto più grande: La Scuola del Cuoio, fondata nel 1950 grazie al sostegno, morale ed economico, di suo cognato e amico Silvano Casini; e con la collaborazione dei Frati Francescani che gli concessero di aprire la Scuola all’interno dell’antico dormitorio del Monastero di Santa Croce, donato da Cosimo De’ Medici nel XV secolo e affrescato dalla Scuola del Ghirlandaio.
Per il suo impegno incondizionato verso il prossimo e fuori dai riflettori, nel 1968 ricevette l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat e dal Primo Ministro Aldo Moro.

Foto della famiglia Gori e borsisti. Da sinistra Beatrice Parri Gori, Filippo Parri Gori, Francesca Gori, Isabella Mancini Presidente Nosotras,  Maestro Mao della Scuola del Cuoio insegnante dei Borsisti, Laura Gori e dietro Barbara GORI, i ragazzi Borsisti (a destra di Laura Gori) e Petra Filistrucchi Vice Presidente Artemisia.


Molti giovani in difficoltà sono stati aiutati da allora. Disoccupati, invalidi, ex detenuti del carcere minorile, persone con handicap mentale hanno ritrovato fiducia in un futuro altrimenti segnato dalla paura del fallimento.
La Fondazione Marcello Gori, attraverso le sue figlie, vuole raccontare ancora questa lunga e bella storia, intende diffondere sì la cultura dell’artigianato artistico ma mai disgiunto dal sentimento di solidarietà che ha sempre permeato il lavoro di Scuola del Cuoio.
La Fondazione Marcello Gori si occupa di introdurre giovani bisognosi al mondo del lavoro offrendo corsi di artigianato della pelle della durata di 9 mesi presso la Scuola del Cuoio. 
Il Comitato Direttivo della Fondazione valuta le richieste di adesione ed è composto da: Barbara Gori (Presidente), Rita Balzano, Mariella D’Amico, Filippo Maria Parri, Riccardo Zucconi, Rosanna Onilde Pilott.

CLIENTI CELEBRI – Durante gli anni, Scuola del Cuoio ha ospitato Famiglie Reali e Autorità di tutto il mondo: la famiglia reale Inglese, Giapponese e Svedese; la Regina della Grecia, il Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, Ted Kennedy e la Signora, Madeleine Albright, il Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan e le First Lady Nancy Reagan and Barbara Bush. E anche Pontefici: Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI Joseph Ratzinger.
Tra le celebrità internazionali, che hanno visitato la Bottega e possiedono prodotti della Scuola del Cuoio: James Stewart, Cary Grant, Paul Newman, Grace Kelly, Katharine Hepburn, Audrey Hepburn, Olivia de Havilland, Rob Schneider, John Houston, Steven Spielberg, Zubin and Nancy Mehta, Jack Nicklaus, Linda Carter, Robert Downey Junior, Will Smith, Patrick Neil Harris e Noah Wyle.



Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Numero uno per Irama

“Giovani” è il nuovo hit di Irama. Il brano in versione acustica è contenuto nell’edizione arricchita di Giovani “Giovani per

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?