27 Marzo 2024

Giulio Pranno, figlio in scena

27 Marzo 2024

Giulio Pranno, figlio in scena

27 Marzo 2024

Giulio Pranno, figlio in scena

Classe 1998, Giulio Pranno ha debuttato con Gabriele Salvatores nel film “Tutto il mio folle amore”, nel 2019. Da lì una serie di successi: è stato acclamato dal pubblico per un’interpretazione intensa per il suo personaggio Vincent sia alla Biennale di Venezia che ai Nastri d’Argento. C’è chi lo considera il Di Caprio italiano. Dopo il grande successo della passata stagione, Pranno torna in scena al Teatro Parioli – dal 3 al 7 aprile 2024 – nello spettacolo “IL FIGLIO” di Florian Zeller traduzione e regia Piero Maccarinelli. In scena ci sono: Cesare Bocci, Galatea Ranzi, Giulio Pranno, Marta Gastini, Riccardo Floris.

Il regista Piero Maccarinelli scrive:

Il testo di Florian Zeller fa parte di una trilogia Il Padre, La Madre, Il Figlio; testi non collegati fra loro se non dal numero dei personaggi-6- e dalle implicazioni umane e sociali. Il Padre da me diretto in Italia con Haber nel ruolo del titolo è poi diventato un film con Anthony Hopkins che ha vinto l’Oscar e una sceneggiatura firmata da Zeller anche regista e da Hampton che a sua volta ha vinto l’Oscar. Anche il Figlio è diventato un film sempre per la regia di Zeller con Hugh Jackman Laura Dern e Vanessa Kirby ed una sicura sorpresa nel ruolo del figlio. Mentre nel Padre venivano analizzati i rapporti degli altri in rapporto all’Alzheimer qui Zeller ci conduce sapientemente per mano sul terreno delle incomprensioni generazionali all’interno del nucleo familiare.

La trama inizialmente è semplice: Nicola frequenta l’ultima classe del liceo e vive a casa della madre Anna. Suo padre Piero ha appena avuto un altro figlio con la sua nuova compagna Sofia. Anna informa il padre che Nicola da tre mesi non ha più frequentato il liceo e secondo lei ha una depressione adolescenziale. Piero ne parla con Nicola che esprime il desiderio di andare a vivere da lui e Sofia. Piero a quel punto decide di cambiare la scuola a Nicola e si dà da fare per quanto può per ridare a Nicola il gusto di vivere. Qui mi fermo con quello che Zeller ci riserva. La trama è semplice ma non il tessuto di emozioni, la voglia di svelare quel che spesso troppo spesso si nasconde.

Sono le prime scene di un testo capace di conquistare grazie non solo alla bellezza del linguaggio ma alla capacità di introspezione, ai rimandi fra un personaggio e l’altro, al manifestarsi delle loro debolezze delle loro incapacità di capire sé stessi e gli altri. La vita in tutte le sue sfaccettature per piantare uno specchio nel cuore a tutti i genitori di un figlio adolescente.

Non voglio svelare il grande colpo di scena del finale che spero emozioni gli spettatori. Rappresentato già in moltissimi paesi è un onore per me dirigere questo testo di Florian Zeller lucido intelligente e carico di emozioni un gran bel pezzo di teatro contemporaneo di parola.

Biglietti presso i punti vendita autorizzati · Online sul sito di Vivaticket

Fotoservizio di Achille Le Pera

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Roywang e il light painting pubblico

Entusiasmo e coinvolgimento del pubblico alla performance di light painting di Roywang che è stata protagonista della mostra fotografica Focus.

Piatti da “Odissea nello spazio”

Il design incontra il cinema d’autore e il linguaggio flat della video-animazione per raccontare Odyssey Collection, la linea di sottopiatti disegnata

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”