3 Ottobre 2022

Parla Martino Midali: “I miei primi 40 anni alla Fashion Week 2022”

Cinzia Alibrandi, biografa del grande stilista, ha incontrato nell'anno dell'importante anniversario il creativo lodigiano. "A Milano la mia visione della moda che va oltre gli abiti".

3 Ottobre 2022

Parla Martino Midali: “I miei primi 40 anni alla Fashion Week 2022”

Cinzia Alibrandi, biografa del grande stilista, ha incontrato nell'anno dell'importante anniversario il creativo lodigiano. "A Milano la mia visione della moda che va oltre gli abiti".

3 Ottobre 2022

Parla Martino Midali: “I miei primi 40 anni alla Fashion Week 2022”

Cinzia Alibrandi, biografa del grande stilista, ha incontrato nell'anno dell'importante anniversario il creativo lodigiano. "A Milano la mia visione della moda che va oltre gli abiti".

Alla fashion week milanese di settembre 2022, Martino Midali sceglie per la sua sfilata, la storica e maestosa sede di Palazzo Turati di via Meravigli, in pieno centro città.
Per il noto stilista di Mignete (provincia di Lodi), la settimana della moda, diventa anche un momento importante per festeggiare un ambito traguardo: 40 anni di carriera, sottolineati da tanti successi.
Midali fa sfilare solo abiti in jersey, declinati in una sinuosità di righe ipnotiche bianche e nere: un doveroso tributo di chi ha sdoganato un tessuto, prima di lui mai sollevato, alla nobiltà di un vestito d’alto profilo.
Ed il pubblico presente, specie quello attento e critico della stampa e dei buyers, gli ha tributato convinti applausi.

Martino Midali da 40 anni nel business della moda. Come testimonia la sua ultima collezione di capi essenziali, quotidiani e confortevoli, le sue creazioni sono sempre lontane dalle
tendenze e completamente abbinabili tra di loro. Un guardaroba perfetto sempre, anzi, per 12 mesi all’anno.
Online su www.martinomidali.com

Quarant’anni di carriera e non sentirli: cos’è per te indimenticabile, in un percorso affascinante e carico di soddisfazioni?

Indimenticabile, è essermi innamorato del jersey che producevano a Gallarate, in puro cotone naturale. Da lì, ho costruito la mia storia, iniziando a creare magliette con immagini richiamanti la pop art. A quel successo così strepitoso, è seguita l’intuizione di adoperarlo per gli abiti e i pantaloni, fino a creare un total look. Se avessi brevettato la mia invenzione del pantalone con l’elastico in vita, oggi sarei plurimiliardario. In ogni caso, resta il capo cult più venduto: un prodotto intuitivo e di tendenza, imitatissimo. E dire che il leggendario negozio Biffi di Milano, impiegò cinque anni per convincersi a metterlo in vetrina.

Qual è il tuo colore preferito?

Dipende dall’umore: su me il blu, non indosserei altro. Per le collezioni, amo molto i colori della terra dispiegati nelle più infinite sfumature: li trovo etnici, sensuali, e soprattutto, indossati, raccontano la geografia di territori esotici e misteriosi.

Un altro capo che ha fatto epoca è la tua gonna “primitiva”.

È una gonna irregolare, carica di personalità, vendutissima, di cui non posseggo foto, ma le clienti me la chiedono di continuo, e finirò per accontentarle, ridisegnandola e inserendola nella produzione.

C’è un no che ti dispiace aver detto?

In realtà no. Ho vissuto vita professionale e privata in armonia, e in continua evoluzione, con amore e convinzione assoluta, accettando ogni sfida, e rifiutando di essere irregimentato dalla grande industria. Passo dopo passo, mi sono fatto guidare dall’istinto, e ad ogni metro calpestato, ho costruito il percorso professionale. Ho compreso da subito che non potevo solo dedicarmi all’aspetto creativo del lavoro di stilista. Amo talmente tanto questo lavoro, che devo seguirlo dalla nascita fino alla fase finale di una collezione: da quella ideativa, alla scelta delle stoffe, dei colori, fino alla concretizzazione e al momento della distribuzione. La moda, è un lungo viaggio che confluisce dentro i miei abiti: scintille di passione sul corpo delle donne.

Mi racconti la sfilata a Palazzo Turati del 20 settembre, il tuo ritorno alla fashion week milanese?

Io non faccio una semplice sfilata: mi appassiona raccontare dietro gli abiti una visione precisa della moda. Così le danzatrici hanno indossato le mie lunghe magliette iconiche in jersey, che nel 2000 ho esposto in due musei della moda di Hong Kong e di Singapore. Hanno giocato danzando con quel jersey, imprigionandosi, sciogliendosi, raccontando i passi di danza. Il trucco rosso che imbavagliava gli occhi in una benda, è l’orrore contro ogni forma di violenza femminile.
Poi ci sono state dodici uscite in jersey a righe bianco e nero, abiti di varia foggia e lunghezza, tra cui alcuni caffettani lunghissimi con il cappuccio, molto etnici, infine due capi rossi. Ho salutato il pubblico con un lungo laccio di raso rosso stretto al polso, tenendo per mano una modella con indosso una maglietta, nata dall’idea della texile designer Debora Delli con scritto “l’amore non fa male”. Questo, è un messaggio che deve sempre veicolare chi, come me, lavora per, e con le donne.

Porterai altrove questa sfilata?

Sicuramente in Sicilia e a Napoli, dove ho un pubblico particolarmente attento ed affezionato alla Maison Midali.

Quest’Estate a Messina, hai ricevuto un “Premio alla Carriera”. Che significato dai a questo riconoscimento?

Ho avuto questo premio all’interno della manifestazione “Premio Messina Cinema” diretta da Helga Corrao, per la “MePa production” di Pippo Scattareggia, e nella suggestiva sede del Monte di Pietà, ho anche presentato una capsule di kimoni in seta e velluto. Messina, mi è rimasta talmente nel cuore, che sto organizzando l’apertura di un altro mio punto vendita, e vorrei anche prendervi casa, per fare una base. Ricevere questo riconoscimento alla carriera, dato che festeggio quarant’anni di attività, mi ha emozionato e reso felice, ma non lo vivo come una conclusione. Per me, è un’ennesima porta che si apre ad ulteriore creatività: ogni giorno che il destino mi mette davanti, sono ore che trasformo in stoffe danzanti.

Read in:

English English Italian Italian
Cinzia Alibrandi

Cinzia Alibrandi

Autrice messinese ma milanese di adozione, laureata in Lettere presso l'università "La Sapienza" e diplomata all'"Accademia di arti drammatiche" di Roma. Ha un passato di attrice, specialmente teatrale, con qualche incursione nel cinema. Oggi insegna italiano e storia nel triennio di Architettura del liceo artistico milanese "Boccioni", dove ha ideato, organizzato e curato i "giovedì letterari", aperti sul territorio, per la biblioteca, intervistando autori italiani di spicco nel panorama nazionale. È sei volte edita con 'Anna e i suoi miracoli' - Armando Siciliano editore, 'Petali di Marta' - Ensemble e con 'Torna a casa lettera' - Ensemble, Collana Pongo (di cui è stata inventrice e direttrice editoriale), 'Storie di amori e disamori- dalla A alla Z e ritorno’ - Giulio Perrone Editore, 'La vita é così' - Mondadori/Piemme, scritto con la famosa attrice Dalila Di Lazzaro, e sua biografia, e la biografia scritta con il noto stilista lombardo Martino Midali pubblicata da Cairo ‘La stoffa della mia vita-un intreccio di trama e ordito’, presentata a Milano da Jo Squillo, a Roma da Stefania Sandrelli, a Napoli da Marisa Laurito. Cinzia Alibrandi ha promosso e ha girato in Italia e all'estero (Dublino e Londra) con degli happening legati al lancio dei suoi libri, stabilendo un ponte culturale con noti stilisti (Chiara Boni, Maria Grazia Severi, Martino Midali, Cettina Bucca, Josè Lombardi, Gerardo Orlando, e le siciliane Tina Arena, Milena Bonaccorso, Miluna) ed orafi raffinati (Stroili, Stellina Fabbri, Francois Larnè, Pippo Alvaro). I suoi romanzi hanno la prefazione prestigiosa dell’autore internazionale Andrea G. Pinketts; "Petali di Marta" si avvale della copertina a opera della fotografa di moda Agnes Spaak, sorella dell'attrice Catherine. Ha vinto il 'Premio Sicilia'- sezione Letteratura nel 2014; il Premio 'Orgoglio siciliano' nel 2015 - sezione Letteratura; il Premio Speciale alla Carrera al T.A.R.C. Pagliara 8^ Edizione nel 2019. Ha ideato e ha curato per "Assodigitale"per un biennio una rubrica settimanale molto seguita, "tacco & stacco". È giornalista professionista e collabora in modo fisso con i settimanali ORA, VOI, TUTTO, dove intervista le star, e ha una rubrica fissa in cui scrive di amore e tematiche di coppia nel mensile “LEI STYLE”, e intervista i più grandi pensatori italiani.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?