13 Settembre 2022

Piero Armenti, un re del viaggio italiano a New York

La città che può essere anche solitudine, per il giovane salernitano è stata la chiave di volta. Ogni giorno fa sognare e vivere in tutti gli aspetti della città che non dorme mai.

13 Settembre 2022

Piero Armenti, un re del viaggio italiano a New York

La città che può essere anche solitudine, per il giovane salernitano è stata la chiave di volta. Ogni giorno fa sognare e vivere in tutti gli aspetti della città che non dorme mai.

13 Settembre 2022

Piero Armenti, un re del viaggio italiano a New York

La città che può essere anche solitudine, per il giovane salernitano è stata la chiave di volta. Ogni giorno fa sognare e vivere in tutti gli aspetti della città che non dorme mai.

Una notte ho sognato New York e Se ami New York, libri entrambi editi da Mondadori, lo hanno definitivamente lanciato nel panorama dei media tradizionali. Ma Piero Armenti, mago del digital travelling è per tutti quelli che lo seguono sui social media (quasi tre milioni di persone al giorno), l’italiano a New York. Quello che dispensa consigli, ti fa vedere i posti segreti, che da un’idea (mostrare i rooftop della città dalle mille luci) ha fatto un business.

Luca Micheli a Milano alla manifestazione “Il Tempo delle donne”. Foto di Luca Micheli per The Way Magazine.

Accolto da una folla di fan alla convention “Il Tempo delle Donne” a Milano, Armenti si è raccontato e ha ripercorso le strade del suo successo, quello che l’hanno portato da Salerno, a caccia di un impiego nelle redazioni dei giornali, ad aprire un’agenzia di viaggi a New York. Fino a diventare il guru dell’ospitalità per gli italiani che vanno in America. “Mi chiedono consigli – dice dei suoi follower – e io capisco che vivono attraverso me la voglia di esplorare“. Un urban explorer, come lo chiamano oggi gli esperti di marketing digitale, che con un fare rassicurante, a tratti ironico, svela segreti e si rapporta con disinvoltura rispetto agli schemi mentali diversi nei suoi due paesi di riferimento. “Ai newyorkesi manca il sapersi godere la nostra ‘dolce vita’ – ha dichiarato recentemente – mentre a noi italiani manca l’ottimismo americano“.

Nella presentazione di un suo libro ha scritto: “Ho capito che dovevo partire. Andare lontano, oltre qualsiasi luogo conosciuto. Non bastava Milano, neanche Londra o Parigi. Dovevo metterci un oceano di distanza tra me e la vita. L’ho capito all’improvviso, mentre ero sdraiato in veranda, con gli occhi al cielo e le stelle sopra di me”.

Fotoservizio alla manifestazione “Il Tempo delle Donne” di Luca Micheli, Milano – settembre 2022.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

ArchichefNight|ROMA

Mercoledì 4 maggio al museo MAXXI di Roma prende il via la seconda tappa di ArchichefNight, la cena-evento che vede

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?