27 Febbraio 2023

Sean Joseph Kenny, ritratti di società

Un pittore innamorato della sua Liverpool. La sua casa, il suo stile riflesso nelle collezioni e negli arredi. Ha ritratto persone di bellezza esemplare. Il suo racconto.

27 Febbraio 2023

Sean Joseph Kenny, ritratti di società

Un pittore innamorato della sua Liverpool. La sua casa, il suo stile riflesso nelle collezioni e negli arredi. Ha ritratto persone di bellezza esemplare. Il suo racconto.

27 Febbraio 2023

Sean Joseph Kenny, ritratti di società

Un pittore innamorato della sua Liverpool. La sua casa, il suo stile riflesso nelle collezioni e negli arredi. Ha ritratto persone di bellezza esemplare. Il suo racconto.

Un society painter, direbbero gli inglesi. Sean Joseph Kenny è un pittore inglese di origini irlandesi; il più giovane di una famiglia di artisti. Risiede in un sobborgo rurale di Liverpool dove è nato. Nella casa del noto artista inglese, tra collezioni di cravatte, vetri e marmi colorati, scarpe rigorosamente hand made, nessun ritratto è appeso ai muri: tutti ruotano tra mille altri in un controllatissimo caos d’atelier d’artista.

Sean Joseph Kenny durante la visita al suo atelier dove vive a Liverpool.

La sua casa?  Come Sean ci racconta: “Non è rimasto quasi un centimetro di spazio sulle pareti. Le camere sono coperte da specchi, maschere o immagini. Alcune delle stanze e delle superfici sono trompe l’oeil”. La sua pittura? I suoi soggetti? Difficile da descrivere: “Dipingo per migliorare la mia arte e incontro persone simpatiche, ma evito come la peste, lo stile di vita di un artista in carriera. Sono più interessato alle persone. Ho ricevutoofferte da importanti gallerie pubbliche per entrare nella collezione internazionale, ma mi spaventa un po’ perché voglio ancora continuare a dipingere, così mi nascondo da qualsiasi cosa”, afferma con una flemma tutta anglosassone.

Sean Joseph Kenny a Liverpool.

Forse ho creato un luogo per le persone internazionali, interessate al mio lavoro per stare in una zona storica tipicamente inglese come Chester”, continua concentrandosi sulle pause logiche e fisiologiche al contempo. I soggetti prediletti negli ultimi anni sono i ritratti in cui riesce “ad afferrare l’aria, il movimento, l’atmosfera” come egli stesso dice, “dipingo ad olio direttamente sulla tela senza un disegno preliminare. Cerco di catturare ciò che viene effettivamente ricevuto dal colpo d’occhio. Sono fobico di essere provvisorio o aggiungere troppi dettagli, quindi estendo il mio pennello a un metro e lo tengo alla lunghezza del braccio. Se mi tolgo gli occhiali e mi concentro principalmente sul non colore che appare di fronte a me, posso in qualche modo afferrare l’atmosfera dell’immagine. Ho appeso il divano sottosopra con il dipinto sul pavimento per alcuni anni. Mi piace che i dipinti risuonino; il cambiamento o il bagliore in una luce diversa. Sono un pittore di vita, quindi mi alleno principalmente per ore e ore a sviluppare idee”

Sean Joseph Kenny predilige la penombra come nei dipinti dai piccoli formati, quasi miniature quale risposta ai grandiosi dipinti britannicicontemporanei. I suoi ritratti sono in collezioni privatesoprattutto fuori dal Regno Unito. “Non ho mai appeso uno dei miei quadri sui muri, ma mi piace avere i più recenti in giro per casa in modo da poter far ruotare i pezzi tra di loro e farli asciugare, ecc. Mi piace essere in grado di dipingere dalle 6 del mattino fino al momento di andare a letto. Se mi sento claustrofobico, stiro un vestito allegro, mi pettino i capelli e corro a una matinée di danza con vecchi amici”. Le sue opere hanno il pregio di avere una genesi dalla composizione classica della pittura ma superarla, grazie a quelle macchie di colore forti che catturano l’occhio e lo fanno convergere nel dipinto. I piccoli formati per la loro peculiarità richiedono scelte decise e sublimi. “Sono criticato in Inghilterra per aver dipinto solo belle persone e non avere alcuna narrazione. È vero che dipingo solo persone che mi piacciono, mostro il loro calore. L’incapacità inglese di riconoscere la semiotica sensuale è la ragione per cui di recente lavoro solo per il pubblico europeo”.

Sean adora la nostalgia ed il sentimentalismo degli Europei del continente. “Sono così fortunato ad incontrare persone davvero dolci e interessanti attraverso le mie opere”. Lavora principalmente dalle stanze affollate di ritratti della sua casa, cercando di riconquistare l’entusiasmo che lo contraddistingue sin dall’infanzia per la pittura, prima che iniziasse la sua carriera d’artista e la scoperta dell’eleganza continentale. 

La sua casa trasuda delle collezioni dai blazer dell’IvyLeague, scarpe inglesi fatte a mano, cravatte dagli anni ’40 fino ai favolosi ’60. Gli abbiamo chiesto cosa desiderasse ancora: “Nella vita desidero un bel picnic da qualche parte e per rilassarmi. Niente di più grandioso”. L’unica decisione consapevole nella decorazione della sua casa è che tutte le decorazioni esigenti siano temperate da pareti opache dello stesso equilibrio tonale medio. “Sono andato in un dolce caffè italiano una volta a Londra come un cucciolo che aveva marmi per bambini in teche di vetro, quindi ho raccolto vetro e marmi colorati per 40 anni da allora”. 

Alla fine del nostro incontro, chi è veramente Sean Joseph Kenny? “Avevo 40 anni prima di averne 30 anni e preoccupato di aver perso qualsiasi finezza nel mio lavoro, quindi mi sono concentrato sulla mia vita personale. La musica, lo stile e la danza sono l’unica contiguità tra i diversi aspetti della mia vita. Altrimenti non riuscirei a superare niente. Socialmente sono un ballerino, una vittima della moda e un vecchio fan del cinema. L’artista resta a casa”

Testo di di Teobaldo Fortunato

Read in:

admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Un pezzo di Pompei a Tokyo

“Pompeii”, la grande mostra realizzata con 160 reperti del MANN di Napoli è approdata in Giappone. Fino al 3 aprile

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”