Magazine - Fine Living People
Society

Society - 19/01/2019

Con i Google Pixelbooks si disegnano vestiti in materiale riciclato

Succede a New York da Zero Waste Daniel. Che ha ideato un modo creativo per fare i regali di San Valentino: e i capi si materializzano.

A New York si può disegnare il proprio vestito in materiale riciclato con l’aiuto di Google Pixelbookun computer portatile ibrido sviluppato da Google e lanciato nel 2017.

DESIGN YOUR OWN PATCH ON GOOGLE PIXELBOOK è un’iniziativa di sostenibilità in un workshop annunciato per oggi, 19 gennaio, a Brooklyn (369 Hooper StreetBrooklyn, NY 11211 ) da Daniel Silverstein, fondatore di Zero Waste Daniel .

Con il designer ci sarà l’artista Sarah K Benning in un percorso do-it-yourself per creare delle toppe da applicare poi ai vestiti. Si tratta di un momento di creatività dove le proprie forme e idee sviluppate sul Google Pixelbook arrivano poi a realizzarsi su materiali riciclati direttamente in negozio. L’idea è quella di avere regali di moda a San Valentino a costo zero e a zero impatto ambientale.

Tutto il progetto prevede solo impiego di fatto a mano e un sistema di produzione a circuito chiuso. Coinvolti anche i creativi di Goose Grease Shop, Anna e Juan Delgado.

Le bambole Goose Grease sono prodotti artigianali unici, fatti per durare una vita. Ogni bambola viene accuratamente cesellata a mano su un tornio elettrico in un piccolo negozio di falegnameria a Bogotá, in Colombia, utilizzando legno forestale sostenibile. I treni di grasso d’oca e impiegano abili artigiani per dipingere a mano ogni piolo con materiali a base d’acqua non tossici, rendendoli perfetti per i bambini di tutte le età. Goose Grease è di proprietà e gestito da Juan Carlos e Anna Leigh Donado a Brooklyn, NY.

STORIA DEL MARCHIO – Daniel Silverstein è un designer di abbigliamento newyorkese e pioniere dei rifiuti zero. Nel 2017 la sua storia e il suo marchio sono diventati virali con oltre 20 milioni di visualizzazioni in tutto il mondo sulle funzionalità di NOW THIS e INSIDER che condividono la sua missione per eliminare i rifiuti nel settore della moda uno scarto alla volta. Daniel ha conquistato per la prima volta l’attenzione di acquirenti e acquirenti in tutta l’America nella seconda stagione del concorso di moda Nbc, FASHION STAR, nel 2013. Da lì, celebrità tra cui Jennifer Hudson, Kristen Bell e Amber Valletta sono state viste in occasione di eventi sul tappeto rosso e su copertine di riviste  con i suoi prodotti. Nel 2016, Daniel ha intrapreso un nuovo viaggio con la creazione di Zero Waste Daniel, una linea  fabbricata completamente da rifiuti pre-consumo provenienti dall’industria dell’abbigliamento newyorkese. Ora al suo terzo anno, ha trasformato letteralmente tonnellate di materiali di scarto in un’azienda in crescita. L’obiettivo: rendere i rifiuti una cosa del passato.



Travel - 11/01/2019

Accor Hotel premia i fedeli con Le Club, trattamento da vip

Una catena di hotel diffusa in tutto il mondo, Accor Hotels, ha predisposto il programma Le Club, un [...]

Design of desire - 11/03/2016

Marco Lodola: “Dopo il rock, incontro Rubik”

Marco Lodola è uno dei maggiori artisti italiani viventi. L'artista pavese, associato all'immaginar [...]

Leisure - 25/05/2019

Daniele Stefani canta “La Fiducia”

Sta facendo bene Daniele Stefani, cantante amato in Italia e Sud America, ad architettare gradualmen [...]

Top