Magazine - Fine Living People
Society

Society - 08/02/2021

Elena Rossi: “I cosmetici bio hanno creato una community virtuosa”

L'influencer bresciana è diventata un riferimento per migliaia di utenti con Vanity Space Blog. E oggi collabora con aziende e muove un business.

Una storia in cui si fondono imprenditoria femminile, innovazione digitale, cosmesi e attitudine green. Quella di Elena Rossi, imprenditrice bresciana partita con la fondazione di un gruppo online di appassionati di cosmetici ecologici, è una parabola molto singolare. Elena con Vanity Space Blog informa la sua community sulle ultime tendenze e uscite “bio” in fatto di bellezza. È la dimostrazione che eventuali pregiudizi che ancora circolano sul mondo dei cosmetici bio in Italia sono smontati, sia dagli alti numeri delle adesioni sui social media, sia perché oggi la sua stella si è fatta largo tra tante influencer. Sta infatti per lanciare il suo primo prodotto, un contorno occhi, in collaborazione con un’azienda storica, Antos.

Elena, come ti descrivi?

Sono un’mprenditrice digitale, esperta di beauty green e bio, ho semplicemente fatto della mi passione un lavoro e un successo. Sono cresciuta con mamma e nonna che erano esperte di fitoterapia e rimedi naturali: è stato normale appassionarmi fin da bambina al mondo dei prodotti naturali.

Come hai iniziato?

Nasco in campo lavorativo come agenete immobiliare per 18 anni sul lago di Garda, in provincia di Brescia. Ovviamente mi piaceva il contatto col pubblico e grazie alla mia famiglia ho potuto passare delle estati in montagna bellissime. La passione ha preso il sopravvento e nel maggio 2013 è nato Vanity Space, community, blog e punto di riferimento per tutte le persone che sono alla ricerca di prodotti, novità e nuove tendenze nell’ambito della cosmesi e della bellezza naturale. Tra i vari canali social, al momento Vanity Space raccoglie più di 94.000 iscritti su Facebook.

Cosa si trova sui canali Vanity Space?

Si possono costruire rapporti tra chi mi segue, c’è una community fidelizzata, attenta e reattiva a quanto viene proposto. Non solo: grazie all’app Vanity Space appositamente creata, gli iscritti possono geolocalizzarsi per incontrarsi e conoscersi di persona, uscendo dalla realtà virtuale.

Ci sono anche le luxury box da acquistare. Di cosa si tratta?

Collaboro con numerosi marchi che mettono a disposizione della community i loro prodotti a prezzi altamente competitivi. Tutte le luxury box sono limited edition.

Oggi Elena Rossi di Vanity Space Blog è la green beauty expert di riferimento, blogger ufficiale delle più importanti fiere del mondo della cosmetica.

Come ti è venuto in mente questo servizio?

Su Facebook andavano molto in voga le box in abbonamento con i prodotti beauty e nelle community si raccoglievano i prodotti doppi per poter scambiare, una sorta di mercato secondario. Per questo ho fondato un gruppo che inizialmente era solo per scambi e vendite di prodotti. E poi ho visto che tra le utenti, ma ci sono anche tanti uomini, si creava il feeling per lasciarsi andare e confidarsi. Questo è il potere della community, dei social che ti connettono in tutti i posti d’Italia. Io avevo le risposte alle curiosità delle persone e dopo un anno le ragazze più attive mi hanno spinto ad aprire un blog dove si vedevano i do-it-yourself, rimedi naturali e clean beauty abbracciando anche la chimica funzionale che salvaguarda il pianeta e la bellezza.

Cosa è diventata oggi questa community?

Le donne stanno bene tra loro e il salotto virtuale serve anche a far staccare la spina e far trovare amiche con cui parlare. Ci vuole tanta informazione, manca la coerenza ed etica personale nel web quando ci si addentra nel ginepraio dei consigli. L’informazione è cruciale, faccio molto scouting di prodotti e di persone che hanno da raccontare. Spero sempre di innescare la scintilla per andare a informarsi.

Cosa pilota un acquisto di beauty oggi?

Prima non c’era confronto, c’era solo l’informazione attraverso la stampa o le campagne pubblicitare di affissioni e televisioni. Oggi prima di comprare ci si informa, si vanno a controllare i commenti nei post. A me stessa piace scoprire, documentarmi e addentrarmi nello sconosciuto in tutto il mondo.

Quali sono le cause delle influenze sugli acquisti?

La coerenza imprenditoriale che si riconosce a un brand e il formarsi di una giusta forma mentis per scegliere i prodotti da comprare. Dall’abbigliamento alla profumeria artistica, anche io preferisco dare i miei soldi a chi ha una filosofia che si sposa con la mia.

Il tuo impegno coincide anche con il tuo tempo libero?

No, non sono un’estremista. Mi riesco a distrarre con un’alimentazione curata ed equilibrata, ma molto soddisfacente. Poi vado a cavallo, pratico il salto a ostacoli, ho tante attività. Ovviamente nelle amicizie vado a cercare chi parla la mia lingua.

Progetti per il 2021?

Voglio tornare al mio forum, i social non possono regolare tutto. I forum potrebbero funzionare di nuovo perché centinaia di persone che non hanno i social possono entrare e discutere e non sentirsi tagliati fuori. C’è chi è visivo e c’è chi preferisce audio o il contatto ravvicinato, anche se riconosco che in un campo come il beauty la parte che tira di più è la parte visiva.



Society - 07/08/2018

Lapada a Londra il meglio degli antiquari britannici

LAPADA è la più grande associazione professionale di commercianti d'arte e antiquariato nel Regno [...]

Society - 07/04/2018

I giurati di SanNoLo 2018: “Così peschiamo talenti”

Oggi vi raccontiamo delle meraviglie della giuria di SanNoLo, il festival canoro semiserio di NoLo, [...]

Society - 17/06/2021

Emmanuel Conte: “Il mio libro per difendere il primato di Milano”

Emmanuel Conte, presidente della Commissione Bilancio del Comune di Milano, è un "naturalizzato mi [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!