Magazine - Fine Living People
Society

Society - 07/12/2018

Eugenio Magno, ultimo grande paesaggista napoletano

Il 12 dicembre prossimo a Napoli verrà presentato il catalogo delle opere del maestro nella prestigiosa Sala Rari della Biblioteca Nazionale di Napoli.

Eugenio Magno nasce a Napoli nel 1944. Fortemente attratto dal paesaggismo dei grandi maestri partenopei dell’ottocento e del novecento, da autodidatta si cimenta precocemente nel campo pittorico producendo già dall’età adolescenziale opere di un certo rilievo artistico che incontrano presto il giudizio  positivo del pittore Francesco Galante, allievo del Cammarano.

Galante resterà uno dei punti fermi della sua formazione artistica insieme ad altri  riferimenti fondamentali e fonte d’ispirazione quali i pittori  Giuseppe Buono, Giacinto Gigante, Eduardo Dalbono, Giuseppe Casciaro. Bisogna pensare da un lato all’elaborazione stilistica di artisti ottocenteschi che si sono distinti da quelli pittoreschi ancora legati al macchiettismo dell’epoca e dall’altro all’evoluzione stilistica di opere pittoriche realizzate più tardi di origine naturalistica, ma non per questo senza contenuti dove risulta evidente una chiarezza e coerenza espressiva che distingueva alcuni artisti da quelli che con la pittura di genere ripetevano una serie di paesaggi, nature morte etc.

Dal 1966, con la sua prima mostra organizzata dal comm. Eduardo Petrillo Giannini al Circolo Cannottieri  e qualche anno più tardi alla Galleria Plaza in via Bernini, che lo porta a ricevere il premio A. Lauro,  i successi di critica e di pubblico si moltiplicano sempre  più.

All’inizio degli anni settanta si inaugura in vico Belledonne a Chiaia la sua galleria personale nella quale inizia ad esporre regolarmente le sue opere e successivamente anche quelle degli altri pittori suoi contemporanei. Nel 1973 Magno tiene la sua prima personale milanese alla Galleria Baguttino. Nel 1975 riceve a Roma il Marcaurelio d’oro mentre nel 1976 va in scena una delle mostre più importanti dell’artista alla galleria Ars Italica di Milano.  Un successo. Per l’occasione la Rai TV realizza un servizio per il telegiornale nazionale e lo scrittore, pittore, giornalista Romano Battaglia scrive: “Eugenio Magno è molto giovane, ma conosce e sa come un vecchio maestro, impasta bene i colori, sa rapire gli attimi fuggenti di cose, paesi, persone e non si lascia mai ingannare dall’erma grama della mediocrità. La sua pittura parla il linguaggio chiaro della vera pittura e il suo mondo è ricolmo di poesia“. Dopo Milano Magno espone anche in tantissime città italiane.

Nel 1981 riceve uno dei riconoscimenti più ambiti l’Ambrogino d’oro a Milano e nel 1985 il Ducatone d’argento. Le sue marine, i suoi paesaggi conquistano progressivamente il pubblico e la critica nazionale ed internazionale. Uno dei suoi dipinti “Crepuscolo Partenopeo” ha ispirato la celebre canzone “O Castiello mmiez’ o mare” del maestro Roberto Murolo.

La sua galleria chiude nel 2001. Attualmente Magno vive e lavora a Napoli ed è inserito nel Catalogo Nazionale Bolaffi, nell’Annuario Generale Arte Moderna, nell’Enciclopedia Arte Moderna n°1, nell’Enciclopedia Arte Contemporanea Mondadori. Le sue opere sono state presentate nelle più qualificate case d’aste nazionali ed internazionali e sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private.

Il 12 dicembre prossimo a Napoli verrà presentato il catalogo delle opere del maestro.

Dopo più di tre anni di lavoro da parte del Museo DAMA e dell’Archivio Eugenio Magno è stato finalmente realizzato un catalogo ragionato delle opere del Maestro Eugenio Magno, edito dal Daphne Museum (mercoledì 12 dicembre ore 16,00 nella prestigiosa Sala Rari della Biblioteca Nazionale di Napoli).

A discuterne con l’autore, saranno lo storico dell’arte Ilario D’Amato, ed anche  Luigi Di Vaia editore del libro e  presidente dell’AEM Archivio Eugenio Magno.  Introdurrà il direttore della Biblioteca Francesco Mercurio. Sarà presente il Maestro Eugenio Magno.

Per l’occasione sarà presentata anche la nuova Fondazione dell’Archivio Eugenio Magno che da gennaio 2019 provvederà ad catalogare tutte le opere del Maestro a livello internazionale.

Durante la manifestazione saranno  esposte  alcune opere di Eugenio Magno ed una di esse sarà donata alla Biblioteca Nazionale di Napoli.



Society - 16/10/2017

Cosa mangi a pranzo? Coleotteri!

Sapete che i coleotteri sono gli insetti più consumati nel mondo? In occasione della Giornata mondi [...]

Leisure - 12/04/2018

Sannolo 2018, anche Victoria Cabello a sentire i talenti di NoLo

Se non è Sanremo poco ci manca. Lo dicevano ieri dvertiti e irriverenti gli spettatori della prima [...]

Society - 03/12/2018

Topolino ha 90 anni, celebrato a New York, Roma e Desenzano

Tra eroi e supereroi celebrati che tornano e ripescano nel proprio mito nella speranza di mantenerlo [...]

Top