Magazine - Fine Living People
Society

Society - 26/09/2017

Fiumicino Film Festival, premi a Valeria Golino, Alessio Boni e Susanna Nicchiarelli

Miglior Film, il britannico The Journey - Il viaggio, di Nick Hamm, la straordinaria storia di un viaggio di due leader nord-irlandesi.

Al Fiumicino Film Festival, i tre Premi Traiano: Valeria Golino, Alessio Boni e Susanna Nicchiarelli. Trionfa anche Emanuele Palamara regista vincitore per il miglior cortometraggio.

La prima edizione della kermesse dedicata ai film di viaggio che si è tenuta nella cittadina del litorale laziale dal 22 al 24 settembre, con la direzione del produttore Giampietro Preziosa e la direzione artistica del regista Marco Simon Puccioni, ha visto in gara lungometraggi e documentari.

giampietro preziosa, emanuele palamara regista vincitore miglior cortometraggio e Arcangela Galluzzo assesore cultura Fiumicino,

Giampietro Preziosa, Emanuele Palamara regista vincitore miglior cortometraggio e Arcangela Galluzzo assesore cultura Fiumicino,

Il clou della manifestazione, il viaggio di un battello che ha percorso il Tevere, proiettando i cortometraggi in concorso, con partenza dalla Darsena di Fiumicino e soste nel porto di Traiano. Una location inusuale, questa, molto amata dal pubblico che ne ha sottolineato l’originalità.

Le giurie dei tre concorsi hanno quindi deliberato i premi di questa prima edizione: Miglior Film, il britannico The Journey – Il viaggio, di Nick Hamm, la straordinaria storia di un viaggio di due leader nord-irlandesi.

Susanna Nicchiarello con Marco SImon Puccioni.

Susanna Nicchiarelli con Marco SImon Puccioni.

Miglior attore “del futuro” Andrea Carpenzano, per la sua interpretazione in Tutto quello che vuoi, diretto da Francesco Bruni. Miglior attrice “del futuro”, l’iraniana Sadaf Asgari, intensa interprete di Disappeareance, di Ali Asgari. Il Premio Nuovi Orizzonti, dedicato a un’opera prima o seconda è stato vinto da The Black Sheep, documentario sulla difficoltà di essere atei in Libia diretto da Antonio Martino. Miglior documentario, Nothingwood Party, della regista Sonia Kronlund, che racconta uno scorcio inedito di Afghanistan. Miglior cortometraggio, l’italiano Uomo in mare, di Emanuele Palamara, interpretato da Marco D’Amore, la storia di un ex collaboratore di giustizia abbandonato dallo Stato. Assegnati anche tre Premi Traiano, a Valeria Golino, Alessio Boni e alla regista Susanna Nicchiarelli che ha presentato il suo Nico, 1988, fresco vincitore della sezione Orizzonti alla Mostra del Cinema di Venezia.

Alessio Boni al Fiumicino Film Festival tra

Alessio Boni al Fiumicino Film Festival tra Marco Simon Puccioni e Giampietro Preziosa.

Siamo molto contenti di questa prima edizionesottolinea il direttore del festival, Giampietro Preziosa del riscontro di pubblico e ospiti e del sostegno della stampa, che ci invogliano a continuare questa nuova avventura che abbiamo intrapreso. Ringraziamo l’UCI Cinemas per l’ospitalità e il grande successo delle proiezioni sul battello ci fanno immaginare una prossima edizione sempre più ‘in navigazione’. Cresceremo e siamo contenti della conferma del sindaco Montino per la seconda edizione, che si terrà il prossimo anno“.



Luxury - 10/12/2019

Enzo Miccio con Italy Luxury Travel promuove i matrimoni di lusso nel Belpaese

"Ci chiedono della Toscana, della costiera amalfitana, dei laghi lombardi. L'Italia è in forte cres [...]

Design of desire - 10/09/2020

Il lavabo “Intreccio”, menzione al Compasso d’Oro 2020

antoniolupi è orgogliosa di annunciare che il lavabo INTRECCIO, sintesi armoniosa tra natura e tec [...]

Leisure - 21/01/2020

Riyadh Season, un successo italiano al femminile

“Leila, the Land of Imagination” è stato il gran finale della Riyadh Season, con un team tutto [...]

Top