Magazine - Fine Living People
Society

Society - 14/09/2016

George Michael, 25 anni da Freedom! 90 il video che cambiò la moda

George Michael nel 1990 si ribellò all'industria discografica e fece il primo video con modelle al suo posto. Ora è storia da celebrare, 25 anni dopo.

George Michael rilancia il disco che 25 anni fa cambiò la musica e la moda. Esce nelle prossime settimane Listen Without Prejudice 25, riedizione del leggendario Listen Without Prejudice Vol. 1 del cantante inglese di origine greca che proprio negli anni 90 ebbe maggiori consensi commerciali.

All’interno del disco di rottura (conteneva musica più matura e nessuna foto dell’artista) la mitica Freedom!90 il brano dance di George Michael col video più iconico della sua carriera. La canzone ancora oggi viene ricordata come il momento in cui l’era delle supermodels ebbe la consacrazione ed è sicuramente una pietra miliare del pop mondiale (rifatta anche da Robbie Williams nel 1996).

Il cantante era nel pieno del rigetto per la vertiginosa popolarità da sex symbol che aveva raggiunto e aveva giurato di non voler più apparire in foto. Ispirato da un ritratto di Peter Lindbergh pubblicato nel numero inglese di Vogue del gennaio 1990, George Michael chiese alle cinque supermodel che erano fotografate di partecipare a un suo video diretto da David Fincher (che aveva creato il capolavoro di Madonna un anno prima, Express Yourself). Chi erano?

Nomi da enciclopedia della moda: Naomi Campbell, Linda Evangelista, Tatjana Patitz, Christy Turlington e Cindy Crawford che mai avevano fatto un video clip assieme. La particolarità fu che ogni supermodel sfilava nel video cantando un pezzo di canzone (solo Evangelista e Turlington apparirono assieme in un breve shot). E soprattutto la peculiarità fu riunirle tutte. Dopo di lui, solo Gianni Versace ci riuscì (con una mitica sfilata a Milano nel 1991).

Evangelista ebbe bisogno di più tempo per essere convinta. “George ci diceva che sarebbe stata una cosa positiva per noi ma io gli ripetevo: guarda che noi siamo già arrivate!”. E invece poi si dovette ricredere: “Infatti è talmente iconico che è la prima cosa che mi viene detta quando conosco una nuova persona”.

Cindy Crawford lega la potenza del clip ancora oggi venerato dagli appassionati di moda allo strapotere di Mtv: “Dicevano tutti che l’immagine aveva superato la musica e noi facemmo un video con cinque belle donne che prendevano il posto del cantante. Era di un dark humour molto sottile”.

Ora che la Sony ha annunciato la riedizione dell’album con materiale aggiuntivo si aspetta anche un film inedito di quel periodo, diretto da Phillip Smith, regista candidato ai BAFTA. Probabilmente si intitolerà Freedom: George Michael e racconta l’avvincente genesi di Listen Without Prejudice Vol. 1, la successiva causa legale e il dolore e le difficoltà di George per la perdita del compagno Anselmo. Il film narrato dallo stesso George vedrà la partecipazione di Stevie Wonder, Elton John, Mark Ronson, Mary J Blige, Tony Bennett, Liam Gallagher, James Corden, Ricky Gervais, le supermodelle del video di “Freedom! ’90” e tanti altri ospiti.

Il film sarà distribuito a livello mondiale da BBC Worldwide.

Per info qui



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 15/05/2018

Il Viaggio in Egitto di Antonio Beato

C'è stato un italiano nel 1800 che ha fatto scuola per la fotografia a scopo didattico. Antonio Bea [...]

Society - 17/05/2017

Italia e Giappone si incontrano: le arti di Shogoro e Stefano Giglio

Shogoro, artista e pensatore giapponese, ha incontrato l'artista italiano Stefano Giglio in un event [...]

Fashion - 11/01/2017

Milano 140, tre giovani da un master a Pitti Uomo

È nato tra i banchi del master della Business School del Sole 24 Ore il brand Milano 140 che sta fa [...]

Top