Magazine - Fine Living People
Society

Society - 21/03/2019

Il mito di Blow-Up e la Swinging London in un libro di Contrasto

Nel volume anche un reportage sui maghi dell'obiettivo dell'epoca: Brian Duffy, Terence Donovan e David Bailey.

Il capolavoro del cinema d’essai di Michelangelo Antonioni, quel Blow-Up che sconvolse il mondo nel 1966, è ancora un oggetto di culto. In occasione dell’uscita, per Contrasto, dell’ultimo titolo della collana In Parole, Paolo Mereghetti, Luca Mastrantonio e Alessandra Mauro saranno a Forma Meravigli per presentare Io sono il fotografo. Blow-up e la fotografia. L’appuntamento è il 21 marzo 2019 alle 18.30 a Milano per raccontare, insieme al volume, il celebre film di Michelangelo Antonioni.

Il pubblico potrà conoscere alcuni materiali inediti provenienti dall’Archivio Antonioni e presenti nel libro, insieme al racconto di Julio Cortázar, Le bave del diavolo, che ispirò il regista, e il soggetto integrale firmato da Antonioni stesso, che sul grande schermo volle con se artisti del calibro di Vanessa Redgrave e Jane Birkin.

Un’occasione per raccontare le immagini originali che Don McCullin realizzò per Antonioni e che il protagonista del film appende alle pareti; immagini che andarono perdute con la fine delle riprese. Dopo quasi trent’anni, nel 1996, vennero acquistate da un collezionista, Philippe Garner, durante un’asta a Londra. Erano 21. In Io sono il fotografo sono affiancate alle foto di scena, tra cui quelle di Eve Arnold, e alcune immagini di backstage. I tre protagonisti dell’evento, Mereghetti, Mastrantonio e Mauro, ci guideranno attraverso le relazioni tra i diversi mezzi espressivi visivi, ripercorrendo le tappe che hanno portato alla concezione e realizzazione del film.

“C’è chi fa il torero, chi il deputato. Io faccio il fotografo” dice Thomas, protagonista di Blow-up

Per delineare in modo più autentico la figura del protagonista, fotografo di moda che sta virando i suoi interessi verso la fotografia sociale, e i suoi ambienti lavorativi, Antonioni prese spunto da alcuni fotografi britannici di allora e si servì persino dei loro lavori all’interno del film come nel caso di John Cowan, a cui il protagonista si ispira. Pagina dopo pagina, tra i materiali preparatori del film troviamo anche un questionario per i fotografi di moda della Swinging London, una relazione del giornalista Anthony Haden-Guest sul mondo dei fotografi e sulle loro abitudini e, infine, un reportage di Francis Wyndham sui fotografi Brian Duffy, Terence Donovan e David Bailey.

La presentazione del 21 marzo permetterà al pubblico di ritrovare il fascino inalterato che Blow-up continua a esercitare ancora oggi, le sue riflessioni teoriche sul rapporto tra cinema e fotografia e tra fotografia e realtà – quindi tra occhio umano e obiettivo fotografico -, il contesto storico-fotografico in cui il film è realizzato, lo spaccato della società contemporanea e, naturalmente, la mitica Swinging London.



Fashion - 20/09/2018

Glamour su glamour: Anna Dello Russo disegna per Swarovski

Atelier Swarovski e Anna Dello Russo hanno firmato insieme il lancio della nuova collezione di gioie [...]

Leisure - 28/03/2017

Alcantara nell’appartamento del Principe

“Codice di avviamento fantastico. Alcantara e 6 artisti in viaggio nell’Appartamento del Princip [...]

Society - 24/05/2017

Cannes 70, glamour ed eleganza sul red carpet. Arriva anche Bruno Mars

Il festival del Cinema di Cannes 2017 ha incassato un'altra manciata di giorni ad alto tasso di glam [...]

Top