Magazine - Fine Living People
Society

Society - 01/03/2018

In un libro la settima arte della seduzione

La nostra firma, Enzo Latronico, con Liviana Rose ha messo assieme una serie di spunti e approfondimenti sull'erotismo in celluloide.

Enzo Latronico e Liviana Rose, in libreria con “La settima arte della seduzione”, Damster Edizioni, vogliono farci scoprire l’eros attraverso le più insospettabili scene della storia del cinema.

Da sempre il linguaggio cinematografico seduce non solo con le scene dichiaratamente erotiche. Del resto, come tutte le arti, e questa di cui parliamo è stata nominata appropriatamente “la settima”, è davvero sottile il confine tra quello che è dichiaratamente palese e quello che si sottintende.

Con questo saggio godibilissimo, Latronico, che è anche firma di The Way Magazine, affronta un tema singolare in un percorso di immagini, a volte esplicite e a volte velate o nascoste, per scoprire che la visione e la percezione dell’eros, nello spettatore cinematografico, sono molto differenti. Due punti di vista, quello del giornalista Enzo Latronico e quello della scrittrice Liviana Rose, un confronto uomo/donna, giornalista/scrittrice nato durante le giornate del Festival della letteratura e dell’arte erotica di Zibello (fondato e curato proprio da Liviana Rose) che è diventato un libro d’approfondimento e ricco di spunti d’analisi.

Liviana Rose è una scrittrice di racconti erotici che si considera un’autodidatta in ambito cinematografico anche se il primo esame sostenuto all’università era proprio Storia del cinema. Conta diverse pubblicazioni tra cui Because the night. Accadde una notte (ed. del Loggione), un racconto lungo che è una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti della settima arte.

La Settima arte della seduzione è scritto da Enzo Latronico e Liviana Rose.

La Settima arte della seduzione è scritto da Enzo Latronico e Liviana Rose.

Enzo Latronico invece è un giornalista cinematografico che divora cinema fin da quando era bambino, prima di questo lavoro ha pubblicato, per Le Piccole Pagine, il libro “Ugo Pirro. Indagine su uno sceneggiatore al di sopra di ogni sospetto” e affianca all’attività giornalistica quella di sceneggiatore e documentarista.

Enzo, come è nata l’idea di un libro sull’erotismo in pellicola?

Si tratta di un lavoro nato quasi dall’esigenza di andare oltre l’incontro con il pubblico avuto durante il Festival dell’Eros di Zibello. Parlandone con Liviana abbiamo sentito l’urgenza di pubblicare le nostre ricerche perché ogni volta che c’incontravamo si aggiungeva un film o si scopriva sempre qualcosa di nuovo. In pratica questo libro si è scritto da solo e volendo ancora si sta scrivendo. Poi ci siamo divertiti, è il caso di dirlo, anche a cercare il titolo: la settima arte, arte della seduzione che si fonde con quella del cinema.

Quali sono i film descritti nel libro?

Innanzitutto ci tengo a specificare che non si tratta di film esplicitamente erotici ma sia io che Liviana, il libro si compone appunto di due parti, un punto di vista maschile e uno femminile se volgiamo, abbiamo trattato film di tutti i generi. Abbiamo lasciato fuori apposta il genere erotico, sarebbe stato troppo facile. Ci siamo invece concentrati su scene di film che ci avevano colpito particolarmente e attraverso le quali un velato erotismo ne sottolineava la potenza autorale o filmica. Quindi nel volume si possono trovare titoli come “I 4 del Texas” con Sinatra e Martin che è un western brillante che nulla ha a che fare con l’erotismo eppure c’è una scena fortemente erotica. Anita Ekberg che fa la barba a Frank Sinatra che immobile sulla poltrona è costretto a subire le attenzioni con tanto di rasoio della Ekberg. Oppure il “Dracula di Bram Stoker”, un film horror ma con una scena tra le più erotiche del cinema, Keanu Reeves morso dolcemente da tre vampire contemporaneamente. E ancora Star Trek, fantascienza ed erotismo, incontri tra razze aliene e umani. Anche i musical, con le loro scene di ballo altamente erotiche e non c’entra nulla “Dirty dancing” perché ho scritto di “Be cool” e “Cabaret”.

Seduzione da un altro punto di vista?

Sì esatto, un altro punto di vista per parlare di seduzione e cinema, di seduzione nel cinema, insomma, la settima arte della seduzione. E per questo i nostri punti di vista sono separati, anche nelle liste che si trovano nel testo, in modo da approcciare l’argomento secondo angolazioni diverse.

 



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 18/07/2018

I tappeti minimal di Jan Kath fanno il giro del mondo

Jan Kath sta creando una nuova concezione nel design da tappeto. Un nuovo modo di intendere l'arredo [...]

Leisure - 20/09/2017

Design food nell’Archichef Night di Firenze

Dopo Milano, Roma e Treviso, la notte degli architetti chef è arrivata a Firenze. Organizzata da To [...]

Design of desire - 05/03/2017

Quando il Girl Power era nei cartoni giapponesi

Dall'11 marzo, il Museo della Figurina di Modena ospita Parimpampùm. Le bambine magiche nelle figu [...]

Top