Magazine - Fine Living People
Society

Society - 29/04/2020

La comunicazione del cambiamento quando il mondo è in movimento

Scrive Marta Ascani, pr milanese conosciuta nel circuito food e design. Ecco cosa prevede per il suo settore, uno delle punte su cui si fonda la comunità creativa milanese.

In tempo di Coronavirus come cambia la comunicazione per aziende e attività commerciali? Questa è la domanda che mi sono posta da free lance nel settore. In questi ultimi mesi si è stravolta la nostra esistenza e ci siamo trovati all’improvviso in questo periodo difficile e rivoluzionario che ha messo in discussione tutti i nostri punti di riferimento e ha fatto crollare le nostre certezze. Allo stesso tempo ci ha fatto riscoprire tutti quei momenti quotidiani che prima davamo per scontati, regalandoci tempo per pensare a ciò che conta veramente conta.

 

Usciremo da questa esperienza trasformati e con il dono di un nuovo inizio. Ogni epoca storica ha avuto dei momenti bui ma da questi sono scaturiti periodi di rinascita con nuove opportunità e valori. Questi nuovi valori andranno comunicati attraverso nuove modalità.

 

Le piattaforme social e le varie app per meeting virtuali ci stanno aiutando molto in questo periodo di lockdown. Sintomo che l’attività non si ferma, il mondo ha voglia di andare avanti, nonostante tutto. E allora al via a conferenze stampa virtuali, apertivi professionali digitali, corsi di scrittura e di formazione online. Anche un evento importante come il Fuori Salone quest’anno avrà una nuova veste virtuale.

Il mondo ha bisogno di questi segni vitali, ora più che mai valgono le relazioni umane, il confronto e la collaborazione, perché è ormai chiaro che l’unione fa la forza.

 

Quando le attività riprenderanno, dal vivo, ci sarà tanto da fare con nuovi parametri, nuove forme di comunicazione e messaggi di ripesa. Parlando del settore ristorativo questo periodo può servire a studiare meglio la clientela da raggiungere attraverso le piattaforme digitali, a migliorare il proprio sito e affinare la propria offerta gastronomica.

Quando si ripartirà con orari e modalità differenti, sarà importante riavvicinarsi alle persone, anche se il consiglio è tenere sempre vivi i profili social nonostante questo stop, perché bisogna essere costanti nel rapporto con i clienti. Oggi più che mai la fiducia e il rapporto instaurato hanno una valenza chiave.

 

Per quanto riguarda l’architettura credo che i progettisti abbiano il compito e la responsabilità di ripensare le città e gli spazi abitativi con architetture intelligenti che mettano l’uomo e sue esigenze al centro del progetto. Non si parla di architetture spettacolari ma di spazi quotidiani come ad esempio i condomini in cui fare il più possibile comunità. Questo è stato testato proprio in queste settimane e andrà sempre più affinato.

Qui subentra anche il design di interni, lo spazio della casa che ci sta accogliendo in queste lunghe giornate di quarantena un domani dovrà, sempre più, venire incontro alle nostre esigenze, un nido in cui tornare e rifugiarsi alla fine di ogni giornata. Anche se non sempre gli spazi sono grandi, è importante accogliere tutto ciò che ci serve e ci fa stare bene: dalla zona lavoro a quella relax; dalla cucina dove abbiamo dato sfogo alla nostra creatività culinaria alla parte della casa destinata al sano riposo ristoratore.

 

È un periodo strano dove tutte le nostre “certezze” sono messe in discussione, questo è l’aspetto che crea instabilità ma allo stesso tempo ci mette di fronte ad una nuova sfida: reinventarci. Con tutte le piccole cose che abbiamo riscoperto, con immaginazione e autocritica, con meno soldi ma con più umanità, con creatività e capacità di adattamento, grazie all’acquisizione di una più ampia consapevolezza e coscienza per un nuovo progresso umano.

Marta Ascani, di origine umbra, lavora a Milano con enti pubblici, agenzie e studi professionali per la gestione e la realizzazione dell’immagine coordinata e attività di media relation.

Testo a cura di Marta Ascani per The Way Magazine

www.martascani.com



Travel - 01/11/2016

Anima Italica, designer di viaggio di lusso su misura

Il viaggio di lusso negli anni che stiamo vivendo è declinato in modo sofisticato, esclusivo, perso [...]

Leisure - 02/12/2019

Al Museo del Cinema di Torino le facce (e primi piani) dei film leggenda

#FacceEmozioni. 1500-2020: dalla Fisiognomica agli Emoji, mostra che racconta come il volto sia il p [...]

Leisure - 06/10/2019

“Last Christmas” preparatevi alle emozioni col film sugli Wham!

Emilia Clarke (Game of Thrones, HBO), Henry Golding (A Simple Favor, Crazy Rich Asians), Michelle Ye [...]

Top