Magazine - Fine Living People
Society

Society - 03/12/2018

La Milano creativa di Flavio Lucchini

Il fondatore del Superstudio, nel 1990 abbandona la moda e si dedica all'arte. Ma nel frattempo aveva conosciuto il mondo che contava.

“Il Destino – dovevo fare il contadino ma ho incontrato la moda (e non sono uno stilista)” è il nuovo libro di Flavio Lucchini, art director, editor, creatore delle più importanti testate, artista e fondatore di Superstudio a Milano.

Un’appassionata autobiografia che si legge tutta d’un fiato come un romanzo con Bruno Munari, Elio Fiorucci, Andy Warhol, Marella Agnelli, Ettore Sottsass, Yves Saint Laurent, Giorgio Armani, Gianni Versace, Kenzo, Helmut Newton, Franca Sozzani, Oliviero Toscani, Giovanni Gastel e tanti altri personaggi che Lucchini ha conosciuto, apprezzato e in molti casi scoperto o lanciato.

Ricorda il fotografo Oliviero Toscani: “Con Flavio Lucchini ho avuto la grande fortuna di collaborare e quindi di imparare, contribuendo con il mio lavoro alla nascita di tutte le famose testate di Condé Nast Italia, Vogue, L’Uomo Vogue, Lei, ecc. e poi a Donna, Mondo Uomo, Moda e tutte le altre innumerevoli riviste delle quali Flavio Lucchini è stato ideatore e fondatore. Flavio Lucchini è stato il responsabile della promozione della moda e del design nel mondo, lui è il vero inventore e creatore del Made in Italy, nato e cresciuto grazie a lui e alla spinta dei giornali di quel tempo.”

Flavio Lucchini è nato il 4 ottobre 1928. 90 sono i suoi anni conquistati in piena forma fisica e intellettuale. Negli anni ‘90 ha iniziato la sua ricerca artistica, 90 sono i capitoli del suo nuovo libro cui ha affidato i ricordi della sua vita. 90 le opere in mostra al Superstudio e battute all’asta a fine anno per un articolato progetto charity per l’avvio di una attività per avvicinare all’arte ragazzi “special needs”.

Un protagonista e un anticipatore della cultura dell’editoria e della moda degli anni 60/70/80 che negli ultimi trent’anni si trasforma in un raffinato artista. Dopo gli studi di Architettura a Venezia e Arte all’Accademia di Brera di Milano, fin da giovanissimo Lucchini si mette in mostra per l’audacia e la modernità del suo lavoro grafico. Trasferitosi a Milano, crea e porta al successo le più importanti e innovative riviste di moda Italiane (da Amica a Vogue Italia, Lei/Glamour, Moda, Donna, Mondo Uomo e molte altre), scopre i nuovi talenti della fotografia, della grafica, del giornalismo e tiene a battesimo sui suoi giornali tutti i più grandi stilisti. Nel 1983 fonda Superstudio 13, primo centro per la fotografia e l’immagine cui aggiunge, nel 2000, Superstudio Più, grande complesso dedicato a moda, arte, design e comunicazione.
Nel 1990, abbandona tutti i suoi incarichi per dedicarsi esclusivamente all’arte. Con una mission particolare: togliere il sospetto di effimero alla moda e renderla eterna, esplorando, indagando, attraverso la sua Dress Art il mistero dell’abito femminile.
In apertura: Da sin. a ds.: copertina libro Il Destino; Flavio Lucchini e Yves Saint Laurent; Andy Warhol con Flavio Lucchini e Oliviero Toscani; F. Lucchini e O. Toscani; Flavio Lucchini e Alexander Liberman, direttore editoriale Vogue America; matrimonio di Gisella Borioli e Flavio Lucchini, Testimoni Franca Sozzani e Oliviero Toscani.


Fashion - 21/06/2019

Satisfashion Monaco, tutta la moda del mondo nel Principato

Lorena Baricalla, Madrina di Satisfashion Monaco, evento che ha riunito 15 sfilate di moda di talent [...]

Fashion - 10/10/2019

La moda Pomandère si affida ai colori del deserto dei nomadi

La storia di Pomandère parte dalla camicia, un capo importante con cui è cresciuto Carlo Zanuso, d [...]

Leisure - 08/04/2017

San NoLo un mese dopo, riecco Marte e Gabriele Muselli

Da San Nolo, il festival musicale del quartiere dei creativi di Milano (Nord di Loreto) sono emersi [...]

Top