Magazine - Fine Living People
Society

Society - 22/02/2018

Le foto all’ingresso dei party: “Lei non sa chi sono io!”

I lavori di due fotografi che ruotano nell'ambito della moda italiana sono due facce dello star-system. Jacopo Benassi e Mattia Balsamini a Milano.

Sorridiamo e sgomitiamo tutti al suon di “Lei non sa chi sono io!”. Fantasioso e azzeccato che questo slogan degli spavaldi sia diventato il titolo di una mostra fotografica alla Leica Gallery in piazza Duomo a Milano.

L'inaugurazione a Milano è stata proprio un'occasione di incontro sociale come le fotografie in esposizione documentano. Nello scatto si riconosce l'arrivo di Giovanni Gastel (foto: The Way Magazine)

L’inaugurazione a Milano è stata proprio un’occasione di incontro sociale come le fotografie in esposizione documentano. Nello scatto si riconosce l’arrivo di Giovanni Gastel (foto: The Way Magazine)

Appropriato anche il giorno d’apertura: ieri, quando in città non c’erano che fashion victim da tutto il mondo che avranno ripetuto la mitica frase molte volte, siamo certi. La mostra è sul favoloso mondo della moda visto da Jacopo Benassi e Mattia Balsamini, due illustri fotografi che sono esperti del settore degli ingressi ai party e in generale, la sanno lunga di bellezza.
A cura di Toni Thorimbert, l’esposizione divide i lavori dei due talenti sulle due pareti opposte della galleria, quasi a rimarcarne la distanza.
Due autori stilisticamente agli antipodi: Jacopo Benassi, in un black-and-white crudo e spietato fotografa la magnifica élite internazionale ammessa al parterre delle sfilate mainstream, mentre Mattia Balsamini, distilla il suo colore algido e minimalista per consegnarci i ritratti, i luoghi e le speranze delle nuovissime leve dello stilismo.
Due autori molto diversi nell’estetica del loro output, ma accomunati dalla capacità di cristallizzare in un’immagine iconica e definitiva, un gesto, un’espressione del viso, un dettaglio. Benassi e Balsamini fotografano con chirurgica precisione un momento di transizione epocale per il mondo della moda, con le grandi maison chiamate a ridisegnare ex-novo strategie di vendita e di comunicazione e con gli stilisti emergenti impegnati ad inventare nuovi codici estetici e stabilire innovative regole di partecipazione al sistema industriale della moda.

I lavori di Jacopo Benassi.

I lavori di Jacopo Benassi.

Jacopo Benassi  ( La Spezia, 1970) Collabora con Rolling Stone, GQ, Wired, Riders, 11 Freunde, Crush Fanzine, Almaviva /Le Figàro, ICON(Panorama).
Nel 2005 partecipa a “post-photography” presso la galleria Changing Role di Napoli. Nel 2007 partecipa alla mostra Vade Retro. Arte e Omosessualità, da von Gloeden a Pierre et Gilles, curata da Vittorio Sgarbi ed Eugenio Viola. Nel 2009 l’agenzia 1861 United pubblica una sua monografia monumentale, The Ecology of Image.Collabora con diversi registi come Paolo Sorrentino, Daniele Ciprì, Asia Argento. Dal 2013 al 2015 espone al “si fest” di Savignano sul Rubicone. dal 2011 al 2015 crea Talkinass publishing all’interno di Btomic e produce oltre ad un magazine del locale molte fanzine autoprodotte collaborando in continuazione con L’Edictateur di Federico Pepe e sempre con lui crea COCO un progetto che racchiude 8 video in collaborazione con musicisti  della scena underground -nel 2016 esce “Gli aspetti irrilevanti ” con Paolo Sorrentino per Mondadori libri – 2017  esce “Paris is in Asia”  con B.r.u.n.o (Venezia)

Mattia Balsamini (Pordenone, 1987)
Inizia la sua attività come assistente di studio per David LaChapelle, si diploma al Brooks Institute di Santa Barbara per poi tornare successivamente in Italia. Qui lavora a progetti di ricerca multidisciplinari con Fernweh, collettivo di cui è co-fondatore, vincendo nel 2016 il primo premio e residenza d’artista alla Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. È docente di fotografia presso il Media Lab dell’Università Iuav di Venezia. Tra i clienti e collaborazioni: Domus, IL Idee & Lifestyle, Internazionale, L’Espresso, M Le Magazine du Monde, The New York Times, The Observer, Süddeutsche Zeitung Magazin, The Guardian e Wired.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 29/05/2018

Cettina Bucca, per l’inverno la donna è color castagna

La natura, i colori della Sicilia e il calore dell'autunno nelle stampe eccentriche retro sono il fu [...]

Trends - 26/04/2017

Ecco come il Tropical mood contagia moda e arte

Alla fiera di New York di maggio Collective Design, il tropical mood sarà in evidenza in tutto il s [...]

Leisure - 06/07/2018

Storia di una giacca unica, Les Benjamins per JayZ

E così arrivò il giorno dei Carters, ovvero Beyoncé e JayZ, che con il loro On The Run Tour II (O [...]

Top