Magazine - Fine Living People
Society

Society - 20/03/2021

Marco Riva al Coni in Lombardia: è il più giovane presidente d’Italia

Il neo-presidente rassicura: "Anche se ci siamo fermati, i valori dello sport non tramontano. Guardiamo a Cortina 2026 con fiducia".

Marco Riva, a 38 anni, è il nuovo presidente del Comitato Regionale CONI Lombardia. Il Consiglio elettivo del Comitato olimpico regionale, l’organismo di governo dello sport nelle regioni d’Italia, riunito a Milano lo ha eletto con un plebiscito dopo che già in fase pre-elettiva tutte le Federazioni nazionali insieme alle altrecomponenti del mondo sportivo avevano proposto e sostenutola sua candidatura.

“Il mio percorso legato allo sport arriva dagli anni dell’università – ci ha raccontato il presidente – quando son diventato dirigente sportivo fino ad arrivare ad appassionarmi anche agli studi di settore nella mia facoltà di Giurisprudenza. Mi sono infatti laureato nel 2007 con una tesi sul contratto nello sport del calcio e il sistema dei trasferimenti. Grazie a questa formazione ho avuto il piacere di conoscere negli anni tanti operatori nel mondo dello sport e sono stato anche direttore della scuola regionale dello sport e ho avuto un coinvolgimento nei mondiali di pallavolo”.

Il mondo dello sport lombardo, in un momento di difficoltà, causa pandemia, lancia un messaggio di unità e rinnovamento, pur nella continuità. Marco Riva che succede ad Oreste Perri alla guida di uno dei Comitati regionali CONI più importanti d’Italia è senza dubbio uno dei dirigenti sportivi italiani emergenti e più apprezzati in ambito istituzionale.

“Qui in regione – ci racconta Riva – gli sport maggiormente praticati sono legati al nuoto, tennis, pallavolo, ciclismo. Il nostro territorio si presta a degli insoliti primati come quello della pesca sportiva che è uno degli sport praticati con maggior numero di tesserati a livello nazionale, perché abbiamo i laghi. C’è anche la federazione Fidasc che si occupa tra le varie attività legate agli animali, che governa le discipline connesse alle armi da caccia, ma che vietano rigorosamente l’uccisione di animali“.

In questo momento è particolare la fruizione dello sport in Lombardia, ovviamente, perché la crisi legata alla pandemia ha reso necessario il massimo supporto alle federazioni e agli enti territoriali. “Sono felice ed onorato per la fiducia che è stata riposta in me.– ha dichiarato il neo-presidente – Sono grato a tutto il mondosportivo del territorio per il supporto. Avremo bisogno di tutticoloro che vogliono contribuire ad una ripartenza dello sport lombardo in uno dei periodi più complessi ma nello stesso tempo più coinvolgenti della sua storia verso i Giochi Olimpici e Paralimpici di Milano Cortina 2026. Supporto all’associazionismo sportivo, sviluppo dell’impiantistica sportiva e digitalizzazione dello sport alcuni dei punti del programma da sviluppare. Parole chiave: coraggio, umiltà e competenza. Partiamo da qui. Con la passione che ci unisce. Insieme”.

Riva dice anche che tra tutte le fasi di criticità che si sono attraversate, si evince già che possono nascere delle forze: “Nessuno più degli sportivi sul territorio ha a cuore la salute fisica o mentale degli atleti e appassionati quindi lode a chi con le misure necessarie ha preso l’iniziativa di riaprire seppure col necessario distanziamento e ha dovuto subire chiusure. Ci auguriamo che si possa tornare alle attività presto, sappiamo che molto è legato alla campagna di vaccinazione che peremtterà poi di tornare alla sicurezza. Credo che dalla stagione 2021/2021 con condizioni da rispettare, ovviamente, ci sarà un graduale ritorno a regime”.

Un momento epocale questo che stiamo vivendo, per un giovane dirigente con tanto entusiasmo: “Siamo in una fase che non avremmo mai immaginato, questo problema che ci ha coinvolti tutti è stato un cigno nero che ha stravolto le nostre abitudini. Ma da qui si può uscire fortificati, ora che abbiamo una visione a cui tendere, ovvero i giochi olimpici e paraolimpici del 2026, si può ricostruire. Dal punto di vista dello sviluppo turistico ed economico, ma soprattutto da quello valoriale. Anche se ci siamo fermati, i valori dello sport non tramontano”.



Leisure - 03/12/2018

Eros Ramazzotti a Radio Subasio: “Siamo nati per amare”

“L’amore è il centro di tutto, l’ottimismo in cui si può ancora credere”. Ad affermarlo, E [...]

Leisure - 27/12/2017

Contro il bullismo le foto agli autori di Malena Mazza

La mostra di Malena Mazza Natale con gli autori 2017, progetto benefico ideato da Stefania Nascinben [...]

Luxury - 14/03/2020

Gioielli di Danimarca: semplici, esclusivi ed eleganti

Non tutti sanno che il paese scandinavo ocn maggior tradizione in artigianato di lusso è la Danimar [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!