Magazine - Fine Living People
Society

Society - 17/05/2017

Massimo Wertmüller: “Nel film Orecchie l’incomunicabilità dei tempi moderni”

La ricerca di un novello Odisseo per le strade di Roma, verso una nuova forma di comunicazione. Incontro con l'attore per il film in uscita nelle sale domani.

Una mattina un uomo si sveglia con un fastidioso fischio alle orecchie e come se non bastasse, a rovinare la giornata appena iniziata, ci si mette la sua compagna che gli lascia un bigliettino col quale gli comunica che il suo amico Luigi è morto.

Ora, oltre a risolvere nell’immediato il fastidioso fischio, si tratta pure di capire chi è Luigi, perché l’uomo, di Luigi, non ha proprio memoria. Inizierà così una giornata cercando di risolvere il problema alle orecchie oltre che a cercare d’incanalare nella sua vita un amico che pare non essere mai esistito. “Orecchie” è il titolo del nuovo film di Alessandro Aronadio che da giovedì 18 maggio 2017 sarà sugli schermi e che pone l’accento sulla follia dell’umanità attraverso una comicità surreale vista da un personaggio altrettanto surreale nella sua normalità, interpretato da Daniele Parisi, con Rocco Papaleo, Piera Degli Esposti, Pamela Villoresi, Andrea Purgatori e Massimo Wertmuller.

Massimo Wertmüller nel film Orecchie recita con Andrea Purgatori e Pamela Villoresi.

Massimo Wertmüller nel film Orecchie recita con Andrea Purgatori, Rocco Papaleo e Pamela Villoresi.

E proprio Massimo Wertmüller ci racconta “Orecchie”, un titolo particolare che vagamente potrebbe ricordare il “Fischio al naso” di Ferreri, di cosa si tratta in realtà?

Luigi è un personaggio che nell’economia del film è deceduto. Daniele Parisi, attore bravissimo scoperto da Alessandro Aronadio, interpreta un uomo che si sveglia una mattina con le orecchie che gli fischiano e come se non bastasse trova pure un bigliettino sul quale c’è scritto che questo Luigi è morto. Comincia così una sorta di ricerca per cercare di risolvere il problema del fischio alle orecchie e s’imbatte, come fosse un novello Odisseo, in tutta un’umanità che scopre poco alla volta, come se la vedesse per la prima volta, incontra questi personaggi che rappresentano un po’ l’incomunicabilità che viviamo in questa sorta di recinti che sono le città; e per completare il quadro, non sa nemmeno chi sia questo Luigi.

Si tratta di una commedia a tratti surreale e Alessandro Aronadio rappresenta una nuova comicità?

Aronadio sì, anche se una cosa che mi piace molto sottolineare è che la commedia di costume, anche graffiante e che ci ha abituati in un certo modo, quella di Scola, di Risi e anche di mia zia Lina per intenderci, non ha dato frutti così copiosi, nel senso che non ha lasciato eredi puri, ma Alessandro Aronadio si pone lì, in quel tipo di commedia che non c’è più. Ad esempio io ho lavorato con Edoardo Leo in “Che vuoi che sia”, una bella commedia che non a caso è stata scritta anche da Aronadio, insomma è un altro modo di guardare la realtà anche se non ha lasciato eredi come genere. Poi Alessandro, come dicevi anche tu, ha un suo stile, un suo modo di essere comico.

Il tuo personaggio invece?

Non posso spendere troppe parole, posso solo dire che in coppia con Andrea Purgatori saremo protagonisti di una sorpresa un po’ speciale, due medici molto particolari.

Forse Roma è la vera protagonista?

Roma è un pretesto e mi riallaccio a quello che dicevo prima, per parlare di questi recinti, chiamiamoli così, che sono le città. Come sempre è molto fotogenica, Roma si presta benissimo al peregrinare di questo personaggio e alla mancanza di comunicazione, insomma si scopre un mondo, umano e cittadino, a volte grottesco, a volte surreale, altre volte comico.



Leisure - 23/09/2019

“Mirabilia Urbis”, arte diffusa a Campo de’ Fiori a Roma

Lunedì 7 ottobre alle ore 18.00 inaugura Mirabilia Urbis, una mostra d’arte contemporanea che abb [...]

Luxury - 12/10/2018

CCN lancia MY Francesca e MY Freedom armato da Roberto Cavalli

Sono state 3 le anteprime mondiali che quest’anno CCN ha portato alle principali manifestazioni na [...]

Design of desire - 09/07/2018

Le “voci della terra” del Canada alla Biennale di architettura di Venezia

Il Canada sceglie la cultura indigena per portare un pezzo di sé alla Biennale di Architettura in c [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!