22 Giugno 2017

Moda e chef, connubio di stile e di sapienza

L'evento all'hotel Diana Majestic a Milano ha unito due mondi stilistici: la designer Chiara Vitale e lo chef PAsquale D'Ambrosio che hanno creato assieme.

22 Giugno 2017

Moda e chef, connubio di stile e di sapienza

L'evento all'hotel Diana Majestic a Milano ha unito due mondi stilistici: la designer Chiara Vitale e lo chef PAsquale D'Ambrosio che hanno creato assieme.

22 Giugno 2017

Moda e chef, connubio di stile e di sapienza

L'evento all'hotel Diana Majestic a Milano ha unito due mondi stilistici: la designer Chiara Vitale e lo chef PAsquale D'Ambrosio che hanno creato assieme.

L’eleganza in tavola sposa l’eleganza in passerella. Moda e chef si sono incontrati in un evento creato dalla stilista Chiara Vitale di Atelier Kore e ldallo chef Pasquale D’Ambrosio all’Hotel Diana Majestic. I due creativi, in un’elegante cena, hanno abbinato  abiti dell’atelier ai piatti dello chef unendo arte sartoriale e arte culinaria.

Chiara Vitale nel 2005 ha dato vita al suo sogno: creare bellezza ispirandosi a quella ricerca dell’armonia e della classicità che l’hanno sempre accompagnata da quando, bambina, si è innamorata della danza e poi della musica dei grandi compositori, passione coltivata dai suoi genitori. Ecco il marchio “Atelier Kore”, ispirato al mondo greco romano.chef pasquale d'ambrosio

Pasquale D’Ambrosio di origini campane e chef di fama internazionale da giovane era ciclista e ha educato la sua alimentazione; la poesia lo ha proiettato in un mondo di passione e il teatro ha alimentato la sua curiosità di esplorare storie e tradizioni di tutto il mondo. Nel 2002, a soli 26 anni, diventa lo chef di uno dei più importanti alberghi di Milano. Oggi è soprannominato il “paroliere del gusto”:

I piatti richiamano gli abiti da cerimonia nelle tonalità come nei ricami di creme e salse mentre le stoffe echeggiano il cibo nelle loro forme sinuose e morbide o in onde leggere di volumi.chef moda

La prima capsule, NUVOLA, con tulli e pizzi, semplici o ricamati e il trionfo del bianco, si è accompagnato al piatto Incontro tra le nuvole, in cui la semplicità del baccalà viene impreziosita dall’eleganza dello scampo marinato, trattato come un merletto, e la regalità brillante del caviale.

La seconda capsule VALZER DEI FIORI ha visto sfilare rasi di seta dipinti a mano dalle tonalità pastello: rosa, azzurro e verde acqua. Il sapore: leggeri tortelli che si rivestono e si arricchiscono degli aromi e dei colori di un colorato ed italianissimo trio: bufala, pomodoro e basilico.

MINUETTO è un inno alla danza, nei suoi colori rosa cipria e azzurro polvere di una sontuosità mai ostentata. Nei piatti, salmone abbellito dalla luce splendente dell’ostrica e ingentilito da un bouquet di asparagi, simbolo di amore.

La capsule GLICINE, in coppia con il dolce, Essenza di Felicità. Un’esplosione di vitalità e creatività nell’immagine del glicine che si espande senza tregua regalando incredibili spettacoli di bellezza e in quella dell’uovo di cioccolato bianco (con un interno di mango e frutti di bosco) proposto dallo chef che simboleggia la vita e la fecondità. Un’artigianalità senza uguali e finiture speciali su abiti essenziali che richiamano questo splendido grappolo di fiori.

 

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”