28 Febbraio 2022

“Semplicemente single”, come imparare a volersi bene in un libro

Carolina Traverso, psicologa e insegnante di mindfulness, offre esempi autobiografici e pratiche guidate mirate a diventare più consapevoli del nostro valore.

28 Febbraio 2022

“Semplicemente single”, come imparare a volersi bene in un libro

Carolina Traverso, psicologa e insegnante di mindfulness, offre esempi autobiografici e pratiche guidate mirate a diventare più consapevoli del nostro valore.

28 Febbraio 2022

“Semplicemente single”, come imparare a volersi bene in un libro

Carolina Traverso, psicologa e insegnante di mindfulness, offre esempi autobiografici e pratiche guidate mirate a diventare più consapevoli del nostro valore.

Immaginarsi in una relazione stabile e duratura è il sogno di tanti. Spesso, però, guardiamo poco noi stessi e non ci rendiamo conto che non siamo pronti a creare un terreno fertile che possa aiutare l’amore a sbocciare. La mindfulness è un’alleata in un percorso di consapevolezza che può aiutarci a stare bene con noi stessi e con gli altri, indipendentemente dallo status sentimentale.

Carolina Traverso, psicologa e insegnante di mindfulness, nel libro “Semplicemente single”, edito da Hoepli, dedicato all’accettazione amorevole di se stessi, offre esempi concreti e autobiografici e pratiche guidate mirate a diventare più consapevoli del nostro valore e  di cosa ognuno di noi desidera veramente in una relazione. 

L’ultimo libro di Traverso, già autrice di “Mente calma cuore aperto”, vuole essere una guida semplice e immediata per intraprendere un lavoro su noi stessi, preliminare a qualsiasi relazione amorosa.

La paura di essere single: un tabù da affrontare

Carolina Traverso si pone in maniera decisa nei confronti della paura di essere single: un luogo comune sociale che descrive le persone single, soprattutto se di età più avanzata, sconfitte e fuori luogo. Ritrovarsi da soli, però, diventa anche un’opportunità per lavorare su se stessi e accogliere una nuova relazione in maniera più equilibrata e consapevole. Un passo necessario dunque, e utile in qualsiasi fase della vita. 

Siamo in un’epoca storica in cui le relazioni durature sono sempre meno frequenti. La percentuale di individui che vivono da soli, per scelta o circostanza, ha superato il 50% in molte grandi città europee e i nuclei familiari composti da una sola persona sono, all’incirca, il 40% in Paesi come Svezia, Norvegia, Danimarca e Germania. Quanti sono i single in Italia? Secondo un’indagine ISTAT dal 2001 al 2020 sono raddoppiati con Roma e Milano in testa, rispettivamente con il 47,5% e il 52,8% di cuori solitari. Un lavoro emotivo su se stessi diventa un’opportunità di crescita personale.

“Se desideri qualcuno che davvero ti ami così come sei, apprezzi tutte le tue fantastiche e innumerevoli qualità accogliendo, allo stesso tempo, anche le tue debolezze […] Quel qualcuno sei tu”. Il percorso suggerito da Carolina Traverso parte da questa prima grande affermazione: prima di tutto, dobbiamo amarci. Il lavoro di mindfulness proposto nel libro è orientato allo sviluppo di questo stato emotivo verso noi stessi.  Un vademecum per coltivare la pratica meditativa e gestire meglio i momenti di solitudine, le delusioni sentimentali e le situazioni in cui desideriamo rimetterci in gioco. È anche uno strumento per apprezzare e vivere l’amore in ogni sua forma, uscendo dalla tendenza a farlo coincidere sempre e solo con l’amore romantico verso un partner. 

La felicità, una questione di allenamento

I vantaggi psichici e fisici della mindfulness sono stati confermati dalla ricerca scientifica, in particolare a partire agli anni Novanta, in coincidenza con il progredire delle neuroscienze e delle tecniche di neuroimaging e l’aumentare dell’interesse per gli effetti di questa pratica nell’ambito della psicoterapia e della medicina.

Wellbeing is a skill“: il benessere psicologico è un’abilità. È un’affermazione di Richard Davidson, Professore di Psicologia e Psichiatria all’Università del Wisconsin-Madison, che individua nella meditazione uno strumento molto forte per modificare le strutture cerebrali, sfruttando la neuroplasticità. E anche Carolina Traverso, nel suo primo libro “Mente Calma Cuore Aperto” sostiene, che “la felicità è una questione di allenamento” proprio perché le cellule e i neuroni del cervello stabiliscono costantemente nuove connessioni e ne alterano di vecchie in risposta agli stimoli.

La ricerca scientifica sulla mindfulness ad oggi evidenzia che meditare porta diversi benefici, i più importanti sono: riduce stress perché abbassa i livelli di cortisolo e la tensione arteriosa, migliora la qualità del sonno, la memoria e la capacità di concentrazione perché alza il livello delle onde gamma (le onde cerebrali più veloci, si riferiscono all’elaborazione simultanea di informazioni da diverse aree del cervello), diminuisce del 50% la probabilità di ricadute depressive in persone con due o più episodi depressivi alle spalle; innalza le difese immunitarie.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?