Magazine - Fine Living People
Society

Society - 07/02/2020

Sharon Stone presenterà i Laureus Sports Awards a Berlino

Il 17 febbraio il galà con Boris Becker, Cafu, Fabian Cancellara, Nadia Comaneci, Luis Figo. Nel frattempo a Milano progetto Basket for Good.

Sharon Stone, attrice, produttrice, regista, scrittrice e attivista acclamata dalla critica, presenterà l’edizione 2020 dei Laureus World Sports Awards che si terranno a Berlino il prossimo 17 febbraio. L’attrice ha dichiarato: “Sono molto felice di presentare i Laureus World Sports Awards. Questi premi hanno una valenza speciale in quanto non solo celebrano i migliori atleti del 2019, ma sottolineano anche il potere che lo sport ha di porre fine a violenza, discriminazione e disuguaglianza. Nel festeggiare i vent’anni di Laureus, celebriamo anche i milioni di bambini le cui vite sono state migliorate dagli sforzi e dai finanziamenti ottenuti da questo gruppo caritatevole e generoso.”

La 20a edizione dei Laureus World Sports Awards renderà onore ai grandi trionfi sportivi del 2019 oltre a celebrare due decenni di attività del movimento Laureus e il potere dello sport di trasformare la vita di milioni di giovani in tutto il mondo. Tra i membri della Laureus Academy e le leggende dello sport che per ora hanno confermato la propria presenza ricordiamo Boris Becker, Cafu, Fabian Cancellara, Nadia Comaneci, Luis Figo, Ruud Gullit, Tony Hawk, Michael Johnson, Edwin Moses, Mark Spitz e Katarina Witt.

Sharon Stone è una leggenda vivente del cinema, fin da quando si fece notare nel mitico “Basic Instict” del 1992. Ha saputo reinventarsi come esponente di attività umanitarie e anche in ruoli diversi: come in “Mosaic”, la nota serie criminale di Steven Soderbergh, che ha ricevuto un ottimo riscontro dalla critica. Nel corso di quest’anno reciterà in Ratched, l’attesissima serie Netflix di Ryan Murphy, basata su “Qualcuno volò sul nido del cuculo”.

Laureus è anche sensibilizzazione. One Team di Euroleague, è il progetto a cui ha aderito l’Olimpia Milano, condividendo il suo impegno nel sociale con la Fondazione Laureus Italia Onlus.

SOCIALE – Il progetto Basket for Good, legato a filo doppio all’iniziativa One Team, promossa da Euroleague, cui ha aderito Olimpia Milano, ha visto l’azione nel sociale con la Fondazione Laureus Italia Onlus. I 23 studenti della 4ªC, di età compresa tra i 9 e i 10 anni, della scuola Primaria Baroni del quartiere Gratosoglio di Milano, protagonisti del progetto da metà ottobre con i coach dell’Olimpia Milano, hanno interrotto le lezioni in aula per raggiungere con il pulmino il Mediolanum Forum. Prima hanno visitato la sede della società di Giorgio Armani, attraversando con stupore i corridoi impreziositi dai trofei e dalle immagini delle leggende della società, poi hanno toccato con mano alcuni cimeli, tra cui le proverbiali scarpette rosse, per poi assistere alla “lezione” di Alessandra Stella, tutor Laureus e psicologa dello sport, incentrata sul concetto di squadra. A fine allenamento i bambini hanno raggiunto in palestra i giocatori dell’Olimpia Milano per l’immancabile sessione di foto e autografi. Riccardo Moraschini e Amedeo Della Valle hanno, inoltre, autografato le loro maglie, che saranno messe all’asta per sostenere il progetto Basket for Good anche il prossimo anno.

Le nomination della 20esima edizione dei Laureus World Sports Awards, gli Oscar dello sport, che si terranno, a Berlino,
il prossimo 17 febbraio. Nell’elenco dei nominati non compare alcun atleta o squadra italiana, ma sottotraccia c’è il nome di Sergio Scariolo, alla guida della Spagna, campione del mondo, e vice-allenatore dei Toronto Raptors, la prima squadra canadese ad aver vinto l’anello NBA. La Nazionale spagnola di basket e i Toronto Raptors sono due delle squadre candidate nella categoria “Laureus World Team of the Year” (Squadra dell’anno). Orgoglio dell’Italia sportiva è anche il ciclista Egan Bernal, colombiano di nascita, ma che dal nostro Paese è stato “adottato”. Bernal, primo vincitore colombiano del Tour de France, è candidato nella categoria “Breakthrough of the Year” (Rivelazione dell’anno).

Foto di Sharon Stone: Carter Smith



Leisure - 30/04/2018

Artistes & Robots, a Parigi l’arte automatizzata

Nel Novecento votato all'esplorazione delle arti, anche i robot hanno avuto la loro parte. Dall'arte [...]

Leisure - 01/06/2019

Stasera c’è Almodóvar alla Fondazione Prada a Milano

Fondazione Prada presenta la quinta serie di "Soggettiva", a cura di Pedro Almodóvar e composta da [...]

Design of desire - 02/03/2017

Il Fuorisalone di via Tortona…rocks!

Si Chiama Tortona Rocks ed è la seconda edizione "coordinata" del Fuorisalone di via Tortona a Mila [...]

Top