Magazine - Fine Living People
Society

Society - 28/01/2018

Silvia Corradin, da modella curvy ad attrice per Ligabue

Nelle sale da questa settimana il nuovo film del rocker di Correggio. E dentro c'è l'apparizione di una ragazza che abbiamo intervistato.

Simpatica, solare e coi piedi ben piantati a terra, la bella Silvia Corradin, modella curvy per l’edizione 2014 del calendario Beautifulcurvy di Barbara Christmann, si è ritrovata quasi per gioco sul set del film di Luciano Ligabue, “Made in Italy”.

Da modella curvy in passerella, in uno scatto di Nicola Casamassima.

Da modella curvy in passerella, Silvia Corradin in uno scatto di Nicola Casamassima.

Nelle sale dal 25 gennaio la romagnola Corradin ha vissuto un sogno che si è concretizzato incontrando il rocker di Correggio il giorno del primo ciak. “Devo confessare che è iniziato tutto per gioco, quasi per caso” ci racconta Silvia “dal casting per il calendario al provino per il film di Ligabue.” Vive il suo momento di felicità arricchendosi di esperienze straordinarie, “sono una pasticciera nella vita e lo faccio con passione, diciamo che mi godo questi piccoli momenti di notorietà”.

Nel film di Ligabue interpreta Lidia, la moglie di Max (Valter Leonardi) uno degli amici di Riko (Stefano Accorsi), “anche questa è stata la classica botta di… fortuna, su insistenza di un’amica ho inviato una mail chiedendo di partecipare al casting che si teneva proprio a Reggio Emilia, pensavo di fare la comparsa e invece, dopo un primo provino, mi hanno richiamata per farmene sostenere un secondo, da lì ho capito che forse mi avrebbero presa e infatti, ero piaciuta particolarmente a Luciano Ligabue per la mia spontaneità e da comparsa mi sono ritrovata attrice con una parte e un copione in mano. È stato davvero molto emozionante.

L’esperienza di Silvia Corradin si è conclusa con la nascita di una bella amicizia tra lei, l’intero cast e Ligabue stesso e infatti come ci conferma, “non ho conosciuto il Liga cantante ma ho conosciuto l’uomo, coinvolgente e capace sempre di metterti a tuo agio.”



Enzo Latronico
Sceneggiatore e giornalista, laureato in Scienze dell’educazione e della formazione, Enzo Latronico è il nostro esperto del grande schermo. Ha scritto il documentario "I musei di Palazzo Farnese" e ha diretto per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il docu-movie "A memoria d'uomo". Autore del libro "Ugo Pirro. Indagine su uno sceneggiatore al di sopra di ogni sospetto" e della sceneggiatura del film "Solo di passaggio" (regia di Alessandro Zonin, ispirato alla novella di Dino Buzzati, Il mantello), in concorso ai David di Donatello tra i corti. Al Palazzo Farnese di Piacenza ha curato la grande mostra sul cinema "Le macchine del sogno. Dai Lumière al cinematografo". Fondatore e direttore del blog/magazine cinemascritto.wordpress.com, è studioso della cinematografia di James Bond e Star Trek.
Leisure - 23/11/2017

Dire Straits, con Legacy si inventano un nuovo futuro

Oggi abbiamo incontrato le leggende della musica Dire Straits e Trevor Horn a Milano per il progetto [...]

Luxury - 26/03/2018

La carta d’arte riempie il Salon Du Dessin

Perché la carta è ancora protagonista dell'arte, migliaia di anni dopo la sua invenzione? Perch [...]

Leisure - 23/07/2018

Ecco lo show dell’anno, Laura Pausini al Circo Massimo

Quando l'aereo che aveva ospitato la conferenza di lancio del suo disco Fatti Sentire arrivò a Roma [...]

Top