16 Luglio 2020

Un secolo e mezzo di scoperte con Nature

Con l'emergenza che tutto il mondo sta vivendo, la scienza è sempre più al centro delle nostre vite. Come il giornale che debuttò nel 1869 a Londra.

16 Luglio 2020

Un secolo e mezzo di scoperte con Nature

Con l'emergenza che tutto il mondo sta vivendo, la scienza è sempre più al centro delle nostre vite. Come il giornale che debuttò nel 1869 a Londra.

16 Luglio 2020

Un secolo e mezzo di scoperte con Nature

Con l'emergenza che tutto il mondo sta vivendo, la scienza è sempre più al centro delle nostre vite. Come il giornale che debuttò nel 1869 a Londra.

Sono passati 150 anni e qualche mese dal primo numero della madre delle riviste scientifiche, Nature.

Nature fece il suo debutto il 4 novembre 1869, come rivista scientifica settimanale britannica fondata e con sede a Londra, in Inghilterra. In quanto pubblicazione multidisciplinare, Nature presenta ricerche in una varietà di discipline accademiche, principalmente in scienze, tecnologia e scienze naturali. Ha uffici editoriali di base negli Stati Uniti, nell’Europa continentale e in Asia sotto la casa editrice scientifica internazionale Springer Nature.

La sua ambizione era intellettualmente audace e commercialmente rischiosa: portare notizie delle ultime scoperte e invenzioni sia agli scienziati che al pubblico.

Sebbene il giornale fosse rivolto a un vasto pubblico, gli scienziati hanno avuto un particolare gradimento nei suoi confronti, perché ha permesso loro di comunicare rapidamente i loro risultati. Il programma settimanale della natura offriva un contrasto rinfrescante con i tempi gradevoli delle pubblicazioni sulle riviste della società appresa e degli atti della conferenza. E man mano che le università crescevano, altre “lettere all’editore” di scienziati iniziarono ad arrivare negli uffici di Nature a Londra. Il diario è diventato un luogo di pubblicazione di scoperte perché anche i suoi scrittori sono diventati i suoi lettori – e da allora abbiamo cercato di servire scienziati e società.

La sua forza e livello di influenza restano altissimi nella comunità scientifica internazionale. Recentemente il giornale si è scusato per la sua copertura iniziale della pandemia COVID-19. In alcuni approfondimenti aveva collegato la Cina e Wuhan allo scoppio dell’emergenza, il che potrebbe aver favorito attacchi razzisti.

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Rimontaggio a cura di Eberhard & Co.

18 rubini. Ponti rodiati con decorazione a vagues
circulaires al centro e colimaçon papier perimetrale.
Tutte le incisioni sono realizzate a colore oro 2N.

Oggi parte Sannolo 2024

Tutto pronto alla location cool per eccezione di Milano, il District 272 di via Padova. Sannolo 2024, il festival della

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”