Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 16/05/2017
PERCORSI

A Mendrisio, Svizzera, Metamorfosi passa in rassegna la scultura d’oggi

METAMORFOSI uno sguardo alla scultura contemporanea in programma al Museo d’arte di Mendrisio dal 9 aprile al 25 giugno.

La mostra propone un percorso nella scultura contemporanea, creata nel segno di una forma complessa, che recupera la struttura organica e di origine naturale, sia attraverso materiali tradizionali (come il legno, il ferro, il gesso, la ceramica), sia tramite composti caratteristici della produzione contemporanea: dal bronzo al marmo, dalla plastica all’alluminio.

È un viaggio nella forma labirintica, molecolare, indefinibile, riflesso sì del mondo organico, ma soprattutto manipolata e ingigantita da una dimensione interiorizzata, psichica e onirica. La mostra allestita negli spazi dell’ex Convento dei Serviti è un itinerario fra naturalia e artificialia contemporanee, attraverso le opere di una ventina di artisti ticinesi, svizzeri e provenienti da vari paesi del mondo, noti e meno noti, appartenenti alle più svariate generazioni, messi in dialogo l’uno con l’altro in modo da dar vita, ciascuno nella sua singolarità, a un insieme unitario in grado di restituire uno spaccato degli orientamenti della scena artistica attuale.

Si tratta di un percorso disegnato appositamente, con la collaborazione degli artisti, per gli spazi del Museo d’arte Mendrisio che vedrà le sue sale allestite con le installazioni, alcune altamente spettacolari per volume e forma,  di Ai Weiwei, John Armleder, Jean Arp, Selina Baumann, Mirko Baselgia, Alan Bogana, Carlo Borer, Lupo Borgonovo, Serge Brignoni, Lorenzo Cambin, Loris Cecchini, Julian Charrière, Tony Cragg, Matteo Emery, Luisa Figini & Rolando Raggenbass, Christian Gonzenbach, Christiane Löhr, Claudia Losi, Margaret Penelope Mackworth-Praed, Benedetta Mori Ubaldini, Meret Oppenheim, Julia Steiner, Gerda Steiner & Jörg Lenzlinger, Teres Wydler.

La visita si apre nel grande salone d’entrata con l’opera di Carlo Borer, un enorme cuore pulsante di materiale tessile lungo otto metri che si anima grazie a un meccanismo del tutto simile all’organo umano, e si prosegue tra le concrezioni in argilla laccata di Julia Steiner

Nella foto d’aperutra: John Armleder, Silvano – 2008
vetro 37,5 x 50 x 41 cm
Galerie Andrea Caratsch,
St. Moritz

Museo d’arte di Mendrisio, Piazza S. Giovanni, 6850 Mendrisio, Svizzera



Leisure - 31/10/2018

Picasso, il mito e l’antichità a Palazzo Reale

La stagione 2018-2019 delle grandi mostre a Palazzo Reale è iniziata ufficialmente il 18 ottobre co [...]

Society - 30/12/2018

Alberto Matano, un anno di TG 1

Alberto Matano (Catanzaro, 9 settembre 1972) è un giornalista, conduttore televisivo e scrittore it [...]

Luxury - 10/03/2018

Le fedi su misura? Precisione svizzera da Edenly

Tra le wedding solutions più innovative ci sono sicuramente le soluzioni digitali. Spaziano in molt [...]

Top