22 Gennaio 2020
A FEBBRAIO

Accademia del Lusso, a Milano i nuovi master

22 Gennaio 2020
A FEBBRAIO

Accademia del Lusso, a Milano i nuovi master

22 Gennaio 2020
A FEBBRAIO

Accademia del Lusso, a Milano i nuovi master

Accademia del Lusso si prepara ad un febbraio ricco di novità!  La Scuola di moda di alta formazione nell’area fashion & luxury lancerà il prossimo mese tre nuovi Master in Fashion Collection Management, Fashion Brand Management e Fashion Communication Management per i quali erogherà, in collaborazione con Champion, l’Autre Chose, Gruppo Teddy, Liu Jo e la società di recruiting Suitex International, 3 borse di studio a totale copertura della frequenza ai corsi.

L’amministratore delegato di Accademia del Lusso, Pietro Polidori. A destra un momento operativo dei corsi.

Al termine dei Master, le aziende incontreranno gli allievi  per valutare la possibilità di offrire loro un tirocinio e, parallelamente, Suitex International organizzerà dei seminari relativi alla stesura di un cv e alla preparazione di un colloquio di selezione.

 

Come spiega Pietro Polidori, Ceo di Accademia del Lusso: “Offrire i migliori strumenti di formazione ai nostri studenti è per noi un commitment fondamentale per creare validi professionisti del domani. Accademia del Lusso si impegna costantemente nella ricerca di valide opportunità per i propri studenti, per questo ringrazio tutte le aziende che hanno collaborato con noi, offrendo questa splendida occasione ai nostri allievi.”

La scadenza per le richieste di partecipazione è fissata al 31 gennaio. Le mail devono essere inviate a: didattica@accademiadellusso.com

Read in:

English English Italian Italian
admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Morto un reality se ne fa un altro

“Famous for being famous” li bollava sin dagli anni 60 Daniel J. Boorstin. Erano comprimari della vita pubblica senza particolari

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?