24 Gennaio 2023
ALLA DI PAOLO ARTE

Ad Art City Bologna 2023 Nicola Evangelisti

24 Gennaio 2023
ALLA DI PAOLO ARTE

Ad Art City Bologna 2023 Nicola Evangelisti

24 Gennaio 2023
ALLA DI PAOLO ARTE

Ad Art City Bologna 2023 Nicola Evangelisti

Luce su quattro tele con una innovativa tecnica creativa che lascia il segno. Questa è la novità dell’artista Nicola Evangelisti, di cui vi avevamo parlato qui, che nell’ambito di ART CITY Bologna 2023 in occasione di ARTEFIERA, espone presso la galleria di Paolo Arte. Il progetto di Nicola Evangelisti è intitolato “Brightness – Around the deep” e consta di quattro opere esposte, dove l’artista mostra la sua recente poetica sviluppata attraverso differenti media

Nicola Evangelisti (Bologna,1972), sin dalla fine degli anni Novanta, ha intrapreso un percorso artistico basato sull’uso della luce artificiale e focalizzato su temi scientifici e cosmologici. Nel 2000 ha vinto il Premio Internazionale Guglielmo Marconi. Il successo planetario della sua opera “Struttura Spaziale – Big Bang” (2002) lo ha reso uno dei riferimenti internazionali dell’arte contemporanea, con opere al museo MAGI ‘900 – Pieve di Cento (BO), Museo Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona, Rende, Fondazione Pistoletto, Fondazione Lucio Dalla, Galila’s P.O.C. Bruxelles, Collezione Paolo VI Concesio (Br), GAM Milano, MAC Lula (Nuoro).  Uno dei suoi cicli di lavoro più recenti e significativi esplora il rapporto tra luce e simboli e i significati che derivano dalla loro interazione, facendo spesso riferimento all’immaginario visivo geometrico e alla sua connessione con l’antica storiografia del sacro.

Elemento caratterizzante dell’esposizione a Bologna è “New Quantum”, un’imponente installazione che rientra nel percorso di black light art: una particolare tecnica di pittura fotosensibile con la quale l’artista dipinge sottili ed intricate trame, definite strutture spaziali.

Divisa su quattro tele nere a parete, “New Quantum” richiama nella forma una luminescente iride umana e simboleggia l’unitarietà cosmica a varie scale di grandezza. Nella visione di Evangelisti la pupilla è assimilabile ad un buco nero, ad un varco spaziale di connessione tra universi paralleli e differenti dimensioni, mentre l’iride richiama l’anello di plasma luminescente e fotoni presente attorno a quello che la scienza definisce “orizzonte degli eventi”. 

La funzione dell’iride consiste principalmente nel regolare la quantità di luce che colpisce la retina e, con i suoi strati di muscolatura e cellule pigmentate, offre alla luce la possibilità di creare meravigliosi colori, cangiantismi e brillantezze. Le fibre muscolari dell’iride, irradiate e percorse dalla luce, si pongono come uno schermo protettivo alla retina attraverso il ridimensionamento della pupilla. Le sue diramazioni luminose creano una relazione tra lo sguardo e la luce ed evidenziano l’analogia tra le forme ramificate e frattali a differenti scale di grandezza: dalle sinapsi cerebrali ai sistemi venosi, all’andamento dei fulmini e dell’acqua fino alle forme delle galassie. In ciò si conferma l’analogia tra l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo, oltre al principio costituivo delle molteplici forme caotiche e dinamiche della natura, da sempre oggetto di interesse ed indagine da parte di Nicola Evangelisti. 

A contrappunto vengono presentate le installazioni in bossoli “FREEDOM” e “PAX”, quest’ultima recentemente insignita del premio editoriale Espoarte a Savona e presentata in anteprima alla Biennale Light Art presso la Casa di Andrea Mantegna a Mantova. 

“I bossoli in ottone lucido che compongono queste installazioni – spiega Evangelisti – mettono in luce la contraddizione tra la bellezza e la preziosità degli elementi di cui sono composte con la finalità di morte per cui sono stati originariamente concepiti e prodotti”. “Nella volontà di creare un’estetica della distruzione – prosegue l’artista – non giustifico la violenza, ma la rifiuto completamente annullandola e disinnescandola, in una visione del bello che coincide con quella del giusto”. 

Il progetto, attraverso queste opere eleganti e raffinate, pone implicitamente delle riflessioni su alcune tematiche contemporanee di cui evidenzia le tensioni e le contraddizioni insite nella nostra epoca vessata da guerre, crisi economiche e climatiche.

Evangelisti, nell’estate del 2021 ha presentato la sua ultima installazione di luce urbana “Il Tempio Della Luce” al Grand Hotel Timeo di Taormina. Nel 2022 ha realizza una personale a Palazzo Tagliaferro (SA) ed è stato presente alla terza edizione della Biennale di Light Art a Mantova.

Brightness – Around the deep 

di Nicola Evangelisti

A cura di Olivia Spatola e Manuela Valentini

Galleria Di Paolo Arte 

Galleria Falcone Borsellino 4a/b, Bologna

28 gennaio | 15 febbraio 2023

Preview: sabato 28 gennaio ore 17-20

Art White Night: sabato 4 febbraio ore 16-24

orari di visibilità: lunedì | sabato 11-13 | 16-20 – sabato 4 febbraio ore 16-24

info: info@dipaoloarte.it

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Al Rieti Sport Festival

Il Rieti Sport Festival, anche se ancora una volta in modalità anti Covid, torna con un’edizione ricca di appuntamenti che

Il crossover in musica di Max Fuschetto

A quattro anni dal successo di Mother Moonlight, Max Fuschetto torna con un’opera avvincente, “Ritmico non Ritmico” (NovAntiqua records 2022), incentrata su un crossover

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”