Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 21/01/2019
COLLETTIVA

“Alchemilla” a Bologna, la mostra sulla parola dell’arte

Venerdì 1 febbraio 2019 inaugura a Palazzo Vizzani-Sanguinetti di Bologna la mostra Alchemilla a cura di Fulvio Chimento, che propone, fino al 16 marzo, opere di David Casini, Cuoghi Corsello, Dado, Claudia Losi, T-yong Chung.

 

Una frase dello scrittore e poeta svizzero Edmond Gilliard costituisce il punto di partenza di Alchemilla: “Se fossi più sicuro del mio mestiere metterei fuori fieramente la mia insegna: ‘Qui si puliscono le parole…’. Scrostare parole, lustrare vocaboli: duro, ma utile mestiere”. La comprensione di questi termini permette di intuire come il lavoro del poeta sia basato su una scelta accurata dei vocaboli adatti per la composizione del verso, così come il mestiere dell’arte trova compimento in una riformulazione delle forme astratte. Tale suggestione poetica è coerente con un ruolo da protagonista della forma scultorea, declinata nella sua dimensione prettamente installativa.

 

Ogni opera è pensata in relazione alle altre e in funzione della luce, che valorizza i dettagli delle opere e impreziosisce il contesto architettonico degli ambienti, che risultano “naturalmente immersivi” anche senza ricorrere a espedienti tecnologici. Lo spettatore di Alchemilla viene calato in un contesto onirico, in una dimensione di dèjà vu.

Nello “stare insieme” i lavori artistici alterano leggermente il proprio senso, come soggetti a un processo alchemico che favorisce una sottile alterazione linguistica. Per questo motivo il titolo della mostra prende spunto da una delle piante più note agli alchimisti, l’alchemilla. La perla di rugiada protetta dalla pianta è un elemento ricco di principi curativi ma può rappresentare anche una forma scultorea modellata, raffinata e lustrata dalla pianta stessa.

Ogni opera è pensata in relazione alle altre e in funzione della luce, l’illuminazione valorizza i dettagli dei lavori e, al tempo stesso, impreziosisce il contesto architettonico di pregio degli ambienti, che risultano “naturalmente immersivi” anche senza ricorrere a espedienti tecnologici. Lo spettatore di Alchemilla viene calato in un contesto onirico, in una dimensione di dèjà vu. Ciascun artista scava all’interno della propria produzione, esprimendo la sua caratteristica natura grazie a un focus specifico, ma, al tempo stesso, relazionandosi con le opere altrui. In questo “stare insieme” i lavori alterano leggermente il proprio senso, come soggetti a un processo alchemico che favorisce una sottile alterazione linguistica. Per questo motivo il titolo della mostra prende spunto da una delle piante più note agli alchimisti: l’alchemilla (A. vulgaris) o “erba stella”, considerata pregiata per la goccia di rugiada che spesso conserva all’interno della sua foglia, e che resiste al processo di evaporazione. La perla di rugiada protetta dalla piantaè un elemento ricco di principi curativi e, alla luce della lezione fornita da Gaston Bachelard, può rappresentare anche una forma scultorea modellata, raffinata e lustrata dalla pianta stessa.

 

Nei giorni di Arte Fiera la mostra è aperta con il seguente orario:
sabato 2 febbraio (Art City White Night): 10-22;
domenica 3 febbraio: 10-20;
lunedì 4 febbraio: 10-20.

 

Alchemilla è aperta tutti i venerdì e sabato dalle 16 alle 20 fino al 16 marzo, gli altri giorni è visitabile su appuntamento.



Society - 31/10/2017

Alla scoperta dei cibi orientali sani, benefici ed economici

Il cibo più trendy del 2017 è un alimento pregiato tra i cibi orientali: è stato dichiarato il ko [...]

Fashion - 30/01/2018

Edoardo Alaimo con accessori da uomo ispirati allo stile Mascagni

Gli uomini eleganti dell'epoca si vestivano come lui, le donne lo rincorrevano e ritagliavano le sue [...]

Leisure - 31/03/2020

“Musica che unisce”, il benefit per l’Italia in emergenza

Scegliete il vostro preferito e vedete se vale la pena guardare "Musica che unisce", stasera, 31 mar [...]

Top