Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 15/10/2020
SERGIO PAPPALETTERA

AlfaParf, salone a Milano con tocco creativo

Ha disegnato gli stage set più famosi d’Italia, in primis quelli dei magnifici spettacoli live di Jovanotti. Oggi sergio Pappalettera, grande designer e creativo si mette al servizio di Alfaparf Milano, il brand italiano famoso nel settore dell’hair care professionale, e presta la sua arte per l’apertura di un primo store salone monomarca.

Il primo punto italiano di AlfaParf è attualmente aperto a Viale Certosa 40 a Milano, a pochi minuti da M5 Portello. Negli ampi spazi del salone, il cliente entrerà in un ambiente moderno ed essenziale in cui trovare servizi e trattamenti professionali dedicati alla bellezza dei capelli realizzati grazie all’expertise dei migliori hairstylist.  Pappalettera dice: “Ho immaginato dei pannelli che si muovono che sono parte della mia opera installazione, perché questo brand è sempre dinamico e proiettato nel futuro”.

L’artista, che si è ispirato a una sua passata installazione alla Triennale chiamata “Il gioco del mondo”, ha ideato uno slittamento di quinte unico per un salone di bellezza.

Nel salone Alfaparf Milano sarà possibile scegliere tra i tanti trattamenti pensati ad hoc per ogni tipologia di capello e soddisfare così i propri desideri, ottenendo il meglio per la propria chioma, come il trattamento detox, dedicato appunto a detossinare i capelli inquinati dalle polveri della città, il trattamento di ricostruzione dedicato ai capelli molto sfibrati, il trattamento cellula madre o il servizio colore vegan gloss per dare un boost di brillantezza ai capelli.

Inoltre, oltre ai trattamenti per capelli è presente anche la Belvedere Hair Academy; l’accademia dedicata alla formazione e preparazione dei clienti parrucchieri Alfaparf Milano e dei futuri hairstylist del gruppo. Non solo un semplice salone, quindi, ma un vero e proprio hub dedicato alla salute e alla bellezza del capello che spazia dai trattamenti cosmetici per migliorare la salute del capello, alla colorazione, alla formazione promossa dall’Accademia, alla possibilità di acquistare i prodotti utilizzati direttamente in loco. 

Il nuovo spazio Alfaparf Milano si estende su una superficie di 200 mq e l’installazione artistica di Sergio Pappalettera, è la testimonianza di uno dei più influenti direttori artistici italiani, dedicata alla città, e che richiama i valori alla base del brand: imaginedo, enjoy e share

Pappalettera commenta così l’opera: “Questa installazione si rifà a un percorso che feci durante i miei studi in Triennale qui a Milano, con una mostra che si chiamava “Il gioco del mondo”. Il gioco esprime anche la gioia, che è una delle parole chiave di Alfaparf Milano. L’opera è composta da dei pannelli che si muovono, perché rispecchiano il brand, che è dinamico, ha sempre voglia di muoversi e cercare nuove soluzioni ed è proiettato verso il futuro. Per questo ho citato Giove, figura mitologica ma anche un pianeta sempre in movimento. Anche le citazioni sui pannelli rimandano a Milano e sarà possibile scombinare quest’opera al piacimento delle persone che verranno a vederla”.

 

La filosofia che Alfaparf Milano porta nel suo salone di Viale Certosa 40 è quella che da 40 anni porta avanti con successo, improntata sulla qualità dei prodotti e sulla cura del rapporto tra cliente e brand, elementi che Alfaparf Milano non ha trascurato neanche durante il periodo di lockdown, con varie iniziative che spaziavano dai tutorial realizzati dagli hairstylist del gruppo sulla pagina Facebook ufficiale, alla APP Alfaparf Store, che ha permesso ai clienti di rimanere in contatto con il proprio salone di riferimento e ricevere i prodotti professionali preferiti direttamente a casa. 

Dal taglio al colore, nel salone in viale Certosa, Alfaparf Milano è pronta ad accogliere tutti, donando quella “coccola beauty” che i capelli necessitano e meritano.  



Design of desire - 17/01/2019

Ville venete, si mettono in rete i capolavori recuperati dal tempo

Si possono visitare, alune addirittura abitare, ma soprattutto si devono salvaguardare. Il circuito [...]

Leisure - 26/05/2018

Foto di telescopi, è la “dark matter” di Enrico Sacchetti

Sono bellissime le fotografie di Enrico Sacchetti, un esperto di viaggi e materia oscura, "Dark Matt [...]

Society - 28/05/2019

L’opera più “social” della Biennale è l’orinatoio di Xing Junqin

Esposta nel padiglione di San Marino, presso l’ex Ospedaletto, l'opera che raffigura un orinatoio [...]

Top