14 Settembre 2023
PAESI EMERGENTI

Anche Dubai nei BRICS dal 2024

14 Settembre 2023
PAESI EMERGENTI

Anche Dubai nei BRICS dal 2024

14 Settembre 2023
PAESI EMERGENTI

Anche Dubai nei BRICS dal 2024

Che ci crediate o meno, l’Italia fa parte di quello che viene chiamato “il miliardo d’oro”. Cioè quel quinto della popolazione mondiale che sta bene. I BRICS (Brasile, India, Cina, Sud Africa) sono i paesi in via di sviluppo che trainano l’economia mondiale in alcuni settori. E che oggi si allargano ad altre nazioni, come gli Emirati Arabi Uniti, quello stato con capitale Dubai.

Dal primo gennaio 2024 Argentina, Egitto, Etiopia, Iran, Emirati Arabi Uniti e Arabia saudita entreranno a far parte dei Brics, la lega internazionale prima istituita dal pensiero di un economista (Jim O’Neill, a fine 2001, che identificò un documento redatto per la Banca di investimenti Goldman Sachs, un nuovo aggregato geoeconomico con caratteristiche simili).

Cosa vuol dire ora che la base di alleanza si allarga? Che oltre ai 4 paesi fondatori, fra qualche mese anche altri 6 incoraggeranno l’uso della moneta locale (a discapito del dollaro) e faranno sistema. Assieme hanno metà della popolazione mondiale. Solo l’India, entro il 2025, supererà la Cina come numero di abitanti (1,46 miliardi, la Cina oggi è poco sopra 1,4). Il paese asiatico centrale è sempre più in corsa per diventare leader con fermezza del blocco “del sud” del mondo. Come testimoniato anche dal recente G20 che si è tenuto proprio lì (il summit delle 20 potenze mondiali, tra cui l’Italia).

Assieme questi 10 paesi forniscono al mondo ogni giorno oltre il 40% del petrolio necessario. Un grande cambiamento.

Inoltre, i paesi del blocco dei Brics, Brasile, India, Russia, Cina e Sudafrica sono a favore della risoluzione pacifica del conflitto in Ucraina attraverso il dialogo e la diplomazia, compresa l’iniziativa degli stati africani, si legge nella dichiarazione finale del summit sudafricano dello scorso agosto.

DUBAI IN VISTA

Il primo grande evento internazionale da quando c’è stato l’annuncio dell’adesione ai BRICS, Dubai lo avrà a novembre 2023 (Foto di apertura servizio).

Downtown Design, il principale festival di design del Medio Oriente all’interno della Dubai Design Week (7-12 novembre) torna al Dubai Design District (d3) per la sua nona edizione. Mettendo in risalto i grandi talenti creativi della regione e non solo, il festival offre una piattaforma sia per designer, architetti, educatori, aziende emergenti che affermati e per tutti i professionisti creativi. Un’altra componente fondamentale del programma della Dubai Design Week 2023 sono le installazioni sparse nel distretto d3, tra cui “Abwab” e “Urban Commissions” che tornano come caratteristiche principali annuali dell’evento.
Downtown Design, l’evento clou della Dubai Design Week, è una fiera di dimensioni boutique che offre un grande mix di marchi, designer e produttori regionali e internazionali in tutti i settori chiave, tra cui categorie di prodotti mobili, illuminazione e articoli per la casa, con una sezione dedicata a prodotti limitati. design di edizioni, studi individuali e collaborazioni da tutto il mondo. I nomi di quest’anno includono Cassina, Kartell, MillerKnoll, cc-tapis e Lasvit per citarne alcuni, così come il talento emiratino Omar Al Gurg con il suo studio MODU, il talento libanese Fadi Sarieddine e BEIT Collective, che presenterà pezzi disegnati da Adam Nathaniel Furman così come Akar de Nissim e Edward Linacre e collettivi di talenti sconosciuti provenienti dalla regione e oltre come Anatolia, una vetrina curata di talenti dalla Turchia a cura di Isola design, le artiste femminili del Medio Oriente e il collettivo olandese a cura di Margriet Vollenberg .

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”