Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 27/08/2019
COSTA D'AMALFI

Charlemagne Palestine installa un piano in una chiesa per “Ode To Ravello”

“Strummingsssss per i Misteri dell’Infinito” di Charlemagne Palestine alla Chiesa di San Giovanni del Toro, Ravello è uno dei preziosi tasselli culturali che compone la kermesse “Ode To Ravello”.

Martedì 27 agosto 2019 (ore 21 Ingresso libero) il compositore e artista americano Charlemagne Palestine presenta “Strummingsssss per i Misteri dell’Infinito”, un’opera sonora pianistica da lui appositamente concepita per la millenaria Chiesa di San Giovanni del Toro a Ravello.

ODE TO RAVELLO è un progetto promosso da Palazzo Avino, noto hotel della cittadina in costiera amalfitana, volto a mettere in dialogo l’arte contemporanea e la musica. Charlemagne Palestine è il primo artista invitato a partecipare, selezionato da un Comitato composto da Fabio Agovino, collezionista; Mariella Avino, Managing Director di Palazzo Avino; Cloe Perrone, curatrice; Laura Valente, presidente della Fondazione Donnaregina e del Museo Madre di Napoli e Andrea Viliani, direttore artistico del Museo Madre di Napoli.

La storia di Ravello è contrassegnata da tanti innamoramenti, che si muovono tra Boccaccio e Leonard Bernstein: Giuseppe Verdi e Edvard Grieg, Arturo Toscanini e Leopol Stokowski; Theodor Adorno, Robert Capa, Truman Capote, E. M. Forster, Andrè Gide, Joan Mirò, Guido Piovene, Paul Valery, Gore Vidal, Tennessee Williams, ma anche artisti contemporanei quali Mimmo Paladino, Francesco Clemente e Sandro Chia, Michelangelo Pistoletto e Giulio Paolini, o Tony Cragg.

Richard Wagner, autore che ha teorizzato nel XIX secolo la rivoluzione del teatro come opera dÂ’arte totale, e che apprezzerebbe che nel paese a picco sulla costa d’Amalfi che lo colpì tanto da esclamare: “Il giardino incantato di Klingsor è  trovato!” (sul registro dei visitatori di Villa Rufolo, 26 maggio 1880).

Charlemagne Palestine, nato a Brooklyn nel 1947, artista de suono e cineasta, ha realizzato installazioni opere e performance dagli anni ’70, segnalandosi come uno dei grandi precursori del XX secolo, e uno dei più grandi artisti contemporanei. Le sue opere dialogano in genere con luoghi sacri e architetture culturali, da Lisbona alla Svizzera. L’opera-performance di Charlemagne Palestine presso la Chiesa di San Giovanni del Toro a Ravello sarà documentata da un’equipe cinematografica per essere inclusa in un’installazione, che sarà presentata al museo Madre di Napoli, a metà gennaio 2020.



Fashion - 30/12/2018

La sartoria napoletana è viva e vegeta. Ecco come riconoscerla

LO STILE  - La giacca, come da tradizione partenopea, è diversa dalle altre per via di un taglio p [...]

Fashion - 22/02/2020

YNGR, la pelle riciclata dal Belgio che rende belli con coscienza

YNGR è il marchio di borse, zaini e oggetti in pelle creato dal designer Donovan Tjon appositamente [...]

Luxury - 08/10/2018

Per i gioielli il trend è il 3D printing

Ce lo indica anche una conoscitrice appassionata e documentata del gioiello come Alba Cappellieri. I [...]

Top