Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 23/04/2020
COMMISTIONI CULINARIE

Chi è Wicky Priyan, l’innovatore della cucina giapponese

Wicky Priyan, il più grande interprete della cucina giapponese in Italia, è lo chef del ristorante “Wicky’s Innovative Japanese Cuisine” di Milano.

Celebre per i suoi piatti originali, creativi e intriganti, declinati in infinite sfumature nate dalla conoscenza di chi ha viaggiato e sperimentato, nel suo ristorante milanese Wicky, seguendo i dettami del maestro Sushi Kan di Tokyo, offre un condensato della cucina internazionale come pochi altri al mondo. Una formula, fatta di pensiero e contaminazioni, che spazia dalla Via della Seta al Belpaese con eleganza, gusto ed equilibrio.

Priyan è un vulcano in continua eruzione, un generatore di energia. Per Wicky il cibo è un viaggio, un percorso che vede come punto di partenza l’ingrediente e le sue origini.

Lo chef di casa continua a farsi portavoce della contaminazione tra diverse culture. La sua è una filosofia che non ha né muri né etichette: la sua casa è il mondo e questo si riflette a pieno nei suoi piatti, perfetto equilibrio tra forma, sapore e tecnica.

“Ho il massimo rispetto per la natura e quello che ci offre – dice – , l’ho imparato da bambino; nel mio villaggio non c’era luce e per studiare usavo le candele. Mi ricordo ancora quando aspettavo la luna piena riflessa sull’acqua, un momento magico, di assoluta serenità. Ho cercato di esprimere queste sensazioni anche nel mio locale dove la magia si ripropone con una grande luna ed il cielo stellato, con legno e colori della terra con cui ho voluto creare un ambiente molto rilassato”.

Gli ingredienti e l’approvviggionamento sono gli aspetti importanti del suo lavoro: “Quando ho in mano una spezia mi piace toccarla, schiacciarla tra le dita, chiudere gli occhi e aspettare che arrivi il suo profumo. A quel punto la mente parte per un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio, fino al paese d’origne di quell’ immagino il luogo, mi guardo intorno… ascolto, cerco… altri ingredienti, altri profumi, altri sapori”.

 

“La Via della Seta” è un format che rappresenta la naturale evoluzione del concetto da sempre portato avanti dallo chef che vede protagonista la contaminazione tra Oriente e Occidente, in una perfetta fusione tra i rispettivi ingredienti e tecnica. Una forma di “ospitate” di altri chef nel suo locale che ha avuto molto successo prima del lockdown e che speriamo di rivedere presto.

Wicky’s Innovative Japanese Cuisine . Corso Italia 6 Milano.

4 CAPPELLI
Le Guide dell’Espresso d’Italia 2020

TRE MAPPAMONDI
i migliori locali etnici
Ristoranti d’Italia 2020 del Gambero Rosso

 



Trends - 25/07/2018

Raya, incontri esclusivi: bisogna candidarsi

Andremo incontro a una sempre più spezzettata e targettizzata cominicazione? A quanto pare sì, se [...]

Design of desire - 09/07/2018

La Dolce Vita ritorna con lo stile della nuova 500 Spiaggina by Garage Italia

Una vettura iconica che ha accompagnato gli italiani nel grande percorso di rinascita economica e so [...]

Leisure - 15/05/2017

Il Capriccio e la Ragione. Eleganze del Settecento europeo a Prato

Il Settecento europeo era tra le corti d'Europa l'età dell'oro dell'eleganza della moda. Come vedet [...]

Top