Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 25/11/2019
TEATRO

Chi ha vinto “Premio Scenario” ora si appresta al debutto

SI avvicinano i debutti nazionali dei vincitori e i segnalati del “Premio Scenario” e del “Premio Scenario Periferie 2019”: Favaro/Bandini, collettivo lunAzione, Carolina Cametti, Serena Guardone i cui lavori, nella loro forma compiuta, verranno presentati a Milano il 29 e 30 novembre al Teatro Verdi e al Teatro Bruno Munari nell’ambito di un’iniziativa promossa e organizzata dall’Associazione Scenario in collaborazione con il Teatro del Buratto, con il sostegno di MIBAC e di Regione Emilia-Romagna.

Il Premio Scenario promosso da 34 teatri, centri e compagnie di innovazione distribuiti sul territorio nazionale, dal 1987 a oggi lavora sulla creatività giovanile, la va a scoprire, la stimola e la sostiene, spinge giovani artisti al di sotto dei 35 anni a inventare progetti, a tradurre le proprie visioni in proposte sceniche, continuando così ad approfondire il proprio ruolo di osservatorio del nuovo. Scenario lavora nel territorio che precede la formalizzazione della ricerca: accoglie progetti che non sono ancora diventati spettacolo, ma appartengono a necessità e linguaggi in via di esplorazione.

Vincitore della prima edizione del Premio Scenario Periferie è “Il colloquio” di collettivo lunAzione (Napoli) in scena al Teatro Bruno Munari il 29 novembre alle ore 22.30 e il 30 novembre alle ore 18. Lo spettacolo, progetto e regia Eduardo Di Pietro, con Renato Bisogni, Alessandro Errico, Marco Montecatino, mette inscena tre donne che attendono l’inizio degli incontri con i detenuti fuori dal carcere di Poggioreale a Napoli. Premiato con la seguente motivazione: «Nella liminalità di un’attesa che è condivisione di un tempo sospeso, tre donne si contendono un territorio ristretto, dove i legami spezzati dal carcere si riflettono inesorabilmente in una reclusione altra, introiettata eppure reale. Fra legami negati e solidarietà imposta, Il colloquio è la fotografia spiazzata e spiazzante di un’antropologia indagata nelle sue ragioni sociali e culturali profonde e apparentemente immodificabili, dove il femminile è restituzione di un maschile assente e quindi fatto proprio, con efficace scelta registica, da tre attori capaci di aggiungere poesia all’inesorabilità di storie già scritte e aprire spiragli onirici imprevisti».

 

VENERDÌ 29 NOVEMBRE

Ore 16.30 – Teatro Verdi

Carolina Cametti Bob Rapsodhy”

Segnalazione Speciale Premio Scenario 2019

 

Ore 18.00 – Teatro Verdi

Serena Guardone Mezzo chilo”

Segnalazione Speciale Premio Scenario 2019

 

Ore 21.00 – Teatro Bruno Munari

Favaro/Bandini Una Vera Tragedia”

Vincitore Premio Scenario 2019

 

Ore 22.30 – Teatro Bruno Munari

collettivo lunAzione Il colloquio”

Vincitore Premio Scenario Periferie 2019

 

SABATO 30 NOVEMBRE

Ore 16.30 – Teatro Bruno Munari

Favaro/Bandini “Una Vera Tragedia”

Vincitore Premio Scenario 2019

 

Ore 18.00 – Teatro Bruno Munari

collettivo lunAzione Il colloquio”

Vincitore Premio Scenario Periferie 2019

 

Ore 21.00 – Teatro Verdi

Carolina Cametti Bob Rapsodhy”

Segnalazione Speciale Premio Scenario 2019

 

Ore 22.30 – Teatro Verdi

Serena Guardone “Mezzo chilo”

Segnalazione Speciale Premio Scenario 2019



Leisure - 18/06/2018

Matt Mullican porta le sue icone giganti all’HangarBicocca

Pirelli HangarBicocca presenta "The Feeling of Things", la più grande retrospettiva mai realizzata [...]

Society - 27/02/2018

Padre, influencer top per Forbes e soprattutto italiano: Mariano Di Vaio

Almeno gli italiani non sono dimenticati all'estero quando si tratta di innovazione. Grazie ai recor [...]

Leisure - 20/10/2018

Avitabile e De Angelis, il film e la musica per la “speranza”

Da un lato Edoardo De Angelis con le sue sceneggiature mai banali e che tentano sempre una via nuova [...]

Top