24 Giugno 2021
SCATOLA OTTICA

Cosa era il Polyorama e come emozionava ai tempi del Grand Tour

24 Giugno 2021
SCATOLA OTTICA

Cosa era il Polyorama e come emozionava ai tempi del Grand Tour

24 Giugno 2021
SCATOLA OTTICA

Cosa era il Polyorama e come emozionava ai tempi del Grand Tour

Chi non poteva viaggiare, ambiva a guardare attraverso una scatola ottica le immagini scattate nel sud Europa, che parlavano di vedute e monumenti senza tempo. Siamo nell’Ottocento e il Polyorama Panoptique era un giocattolo ottico popolare tra il 1820 e il 1850, inventato da Pierre Seguin.

Il polyorama, che si diffuse a Parigi verso la metà dell’Ottocento, ha rappresentato una innovazione importante, perché ha permesso a tutti coloro che non avevano i mezzi per effettuare il grand tour di potersi emozionare ammirando le grandiose vestigia dell’epoca classica e non solo, attraverso una scatola ottica. 

Nell’ambito della mostra in corso al m.a.x. museo di Chiasso fino al 12 settembre 2021, dopo le straordinarie opere arrivate dal MANN, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, qualche giorno fa è arrivato dal Museo Nazionale del Cinema di Torino il Polyorama Panoptique creato nel 1850 da Alexandre Depoletti, con 10 vedute di Roma. Il polyorama, che si diffuse a Parigi verso la metà dell’Ottocento, ha rappresentato una innovazione importante, perché ha permesso a tutti coloro che non avevano i mezzi per effettuare il grand tour di potersi emozionare ammirando le grandiose vestigia dell’epoca classica e non solo, attraverso una scatola ottica. 

Ispirato agli spettacoli pubblici del mondo nuovo o zograscope, il dispositivo è una scatola portatile con una lente davanti che fornisce viste ottiche. Queste viste ottiche sono traslucide e la modifica dell’angolo della luce consente di regolare l’immagine. Ad esempio, se la luce proviene dalla parte anteriore, l’immagine visualizzata è in piena luce diurna; se il raggio di luce passa attraverso la schiena, l’immagine diventa notturna.

In foto: Polyorama panoptique
corredato di 10 trasparenze di litografie acquarellate a mano con 10 “vedute di Roma”
1850 ca.
Cartone, legno, metallo e vetro, 1,2 kg, 18,5 x 22,7 x 22,2 cm, trasparenze 16 x 20 cm
Museo Nazionale del Cinema, Torino

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?