7 Ottobre 2022
VERO INFLUENCER

Fatti e finzioni sull’effetto Elon Musk

Le criptovalute sono legate al suo uso stravagante dei social media?

7 Ottobre 2022
VERO INFLUENCER

Fatti e finzioni sull’effetto Elon Musk

Le criptovalute sono legate al suo uso stravagante dei social media?

7 Ottobre 2022
VERO INFLUENCER

Fatti e finzioni sull’effetto Elon Musk

Le criptovalute sono legate al suo uso stravagante dei social media?

Se vi limitate a dare un’occhiata alle notizie finanziarie una volta alla settimana, avrete sicuramente sentito parlare del cosiddetto effetto Elon Musk. Chi è questa persona influente e qual è la natura di questo effetto?

Inoltre, il fenomeno è reale o è solo un modo intelligente per attirare i lettori sui siti di notizie?

Elon Musk

Musk è il cofondatore di Tesla Motors, la più importante casa automobilistica elettrica del mondo. È anche il fondatore e proprietario di SpaceX, un’azienda aerospaziale privata e la prima entità non governativa a mettere razzi in orbita.

Prima di Tesla, Musk ha costruito, gestito e poi venduto un’azienda di grande successo per l’elaborazione dei pagamenti online, PayPal. In breve, tutto ciò che l’uomo si è messo in testa è riuscito molto bene.

Ecco perché milioni di investitori e tecnici guardano alle sue attività di investimento e alle sue dichiarazioni pubbliche come linee guida per le loro decisioni finanziarie personali. Si consideri che Elon Musk ha quasi 50 milioni di follower sul sito di messaggistica sociale Twitter.

Le criptovalute e l’effetto Musk

Dato il suo enorme seguito personale e il suo status di esperto in diversi campi, la preferenza di Musk per le criptovalute ha dato un grande impulso sia al prezzo che all’accettazione diffusa di forme di denaro alternative, in primo luogo il Bitcoin, ma anche altri protagonisti dello spazio, come Litecoin ed Ethereum.

Per quanto riguarda il trading di bitcoin e l’aumento dei prezzi, l’effetto di Musk è molto concreto. Infatti, all’inizio del 2021 ha cambiato il suo hashtag su Twitter per includere il nome del bitcoin. Nel giro di cinque ore, il prezzo del bitcoin (BTC) è salito di oltre 5.500 dollari facendo felici gli utenti di bitcoin 360 ai iscrizione e ha aggiunto più di 110 miliardi di dollari alla sua capitalizzazione totale.

Tutto questo grazie a un solo tweet. Quel singolo incidente del gennaio 2021 non è stata la prima volta che la seconda persona più ricca del mondo (con un patrimonio netto di 150 miliardi di dollari, Musk è dietro al primo classificato Jeff Bezos, che ha accumulato 177 miliardi di dollari) ha suscitato scalpore nei mercati delle criptovalute con le sue dichiarazioni pubbliche.

Molte delle sue dichiarazioni e azioni avevano già contribuito a sostenere il prezzo di BTC e di altre criptovalute, in particolare Dogecoin, prima e dopo lo storico tweet.

Miti e finzioni sfatati

Quando un singolo individuo raggiunge un livello di credibilità così elevato, iniziano a formarsi miti e disinformazioni di ogni tipo.

In questo caso, l’errore più grande che gli scrittori finanziari tendono a commettere è quello di sopravvalutare l’effetto di Musk non solo sulle criptovalute, ma anche su decine di altri fattori, come il mercato azionario, il tasso di inflazione, la percezione pubblica delle auto elettriche e il futuro dei viaggi spaziali privati.

Ad esempio, il prezzo delle criptovalute sale e scende con regolarità. Infatti, dopo l’incidente di gennaio con il suo tag su Twitter, il prezzo del BTC è salito notevolmente, ma da allora è anche sceso più volte in risposta ad altri fattori di mercato completamente estranei alle attività e alle dichiarazioni del capo di Tesla.

In breve, l’influenza di Musk è solo una delle centinaia di forze che muovono il mercato delle criptovalute, e non è certo la più potente.

La situazione di Dogecoin

L’amministratore delegato di Tesla ha avuto un impatto molto più pronunciato sul valore di una criptovaluta un tempo sconosciuta chiamata dogecoin. Il prezzo era di appena una frazione di centesimo quando sono iniziati i primi tweet dall’account di Musk, la maggior parte dei quali esaltavano le virtù della dogecoin come moneta interessante e una delle sue preferite.

All’inizio del 2021, Musk ha lanciato uno dei suoi messaggi più famosi via Twitter: “Una parola: Doge”. Nel giro di poche ore, il prezzo del dogecoin è schizzato in alto, ma da allora si è ritirato e si è fermato. Tuttavia, tra alti e bassi, tweet e apparizioni televisive, una criptovaluta precedentemente anonima è passata da una valutazione di meno di un centesimo al suo prezzo attuale di 42 centesimi.

Sarebbe successo senza l’influenza sociale ed economica di una sola persona? Probabilmente no. Il caso del Doge è più chiaro di quello del BTC.

Un’enorme influenza personale è una buona cosa?

Ogni volta che una persona sembra avere un potere smisurato sui mercati del trading o sull’economia nel suo complesso, i risultati sono contrastanti. Gli investitori in bitcoin e dogecoin apprezzano senza dubbio il fatto di avere un super-allevatore dalla loro parte.

Negli anni passati hanno fatto parte di questo piccolo club magnati dell’economia come Warren Buffett e Carl Icahn, che tuttora esercitano un’influenza sui mercati dei titoli. Il campo d’azione principale di Musk sono le criptovalute e, con l’avanzare del decennio, è possibile che sostenga altre monete alternative con altrettanto successo.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”