8 Marzo 2022
GAMING SUL WEB

FIFA vs eFootball (PES): il successo di due videogiochi dedicati al calcio

8 Marzo 2022
GAMING SUL WEB

FIFA vs eFootball (PES): il successo di due videogiochi dedicati al calcio

8 Marzo 2022
GAMING SUL WEB

FIFA vs eFootball (PES): il successo di due videogiochi dedicati al calcio

I veri appassionati di calcio e di gaming sono ben consapevoli della lunga e duratura faida nata tra due titoli importanti e soprattutto due diverse filosofie del calcio giocato. Parliamo di FIFA e PES, che ogni anno si sfidano per conquistare diverse fette di consumatori con il lancio del loro gioco ufficiale. 

Da un lato c’è un’esperienza di gioco più spettacolare e corposa, quella offerta da FIFA; dall’altro un tipo di esperienza simulata, spesso descritta come “spartana” che è presentata da Konami. Va detto però che PES ha deciso di puntare su un cambio rivoluzionario davvero degno di nota: ha cambiato definitivamente “faccia” e nome, diventando eFootball. Cerchiamo di capire che cosa cambia e soprattutto quali sono le differenze attuali tra questi due modi di intendere il gaming sul calcio.

PES cambia nome e non solo!

I veri appassionati di calcio non si limitano solo a fare previsioni e puntare sui siti scommesse inglesi o piattaforme italiane con ADM per riuscire a interagire con i risultati dei più prestigiosi campionati di calcio internazionale. Voglio “entrare” in questo mondo anche attraverso i giochi per console. 

Partiamo da Pro Evolution Soccer, che ha sicuramente attuato un cambiamento importante, rinunciando al nome storico per rinnovare la sua offerta. Con eFootball si vuole in qualche modo mostrare la voglia di aprire un nuovo capitolo, con una modifica che era nell’aria da un po’ di tempo: eFootball rappresenta proprio la svolta, o almeno questo è ciò che si aspettano gli appassionati. 

Cosa cambia?

L’avventura di PES è iniziata nel 2001: in quasi 21 anni sono state vendute più di 110 milioni di copie fisiche di PES, e sono stati effettuati oltre 400 milioni di download. Ma le mancate novità, e le lacune mostrate sotto diversi aspetti, avevano già iniziato a segnare il declino di questo gioco. Uno dei suoi punti deboli infatti è sempre stato legato alle licenze per ottenere totale libertà di utilizzo delle immagini dei campionati, delle squadre e dei calciatori. E tale problematica supera di gran lunga ogni limitazione tecnica o di giocabilità. 

Con eFootball 2022 la società ha ottenuto in esclusiva la Juventus, il Manchester United e ancora il Barcellona e il Bayern Monaco. Per arrivare poi ad Arsenal, Flamengo, Corinthians, San Paolo e River Plate. Tutto ciò vuol dire che i diretti rivali non avranno alcuni tra i club più popolari non solo dei principali campionati d’Europa, ma anche del Sudamerica. Dettaglio da non sottovalutare se pensiamo che FIFA 2022 non ha neppure la modalità Mondiale.

Le differenze nel gameplay

La proposta di FIFA è sempre stata considerata di maggior livello sotto tantissimi aspetti, in modo particolare per grafica ed estetica. Il grande merito che ho sempre avuto PES è la maggiore facilità di utilizzo del gioco e del suo gameplay. Per riuscire a ridurre il gap con eFootball 2022 si punta a notevoli miglioramenti grafici, maggiore attenzione nello scontro di gioco e nei contrasti tra giocatori per riuscire anche a capire le intenzioni dell’avversario. 

Nel tentativo di riuscire a raggiungere la qualità offerta da FIFA, il team di sviluppo di eFootball si è affidato a una nuova inquadratura speciale. Da un lato le telecamere stringono sui due giocatori chiamati in causa, per poi allargarsi nel momento in cui il pallone viene calciato o spostato dall’altra parte. Inoltre vi è maggiore cura nei dribbling e nella gestione del dosaggio della forza quando si calcia il pallone.

FIFA ancora sul tetto del mondo?

E mentre l’ormai ex PES punta molto al digitale, Fifa che fa? Mantiene fede al suo gameplay performante e rinnova lo stesso motore del gioco con modalità che sapranno attirare anche le generazioni più giovani. Pensiamo per esempio alla possibilità di scegliere la modalità Ultimate Team, grazie alla quale qualsiasi utente potrà costruirsi la sua squadra e gareggiare online in versione multiplayer. 

In questi anni PES non è riuscita a tenere il passo con FIFA, ma ora prova a dare uno scossone al mercato, cercando di bilanciare l’offerta e rivoluzionare a modo suo questo il settore del gaming calcistico con un nuovo tocco digitale.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?